BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Doni sentito tre ore “Confermate le versioni”

È terminato, dopo circa tre ore, l'interrogatorio dell'ex capitano dell'Atalanta Cristiano Doni davanti ai rappresentanti della procura federale della Figc. L'avvocato Pino: "Confermate le versioni date a gip e pm".

Più informazioni su

È terminato, dopo circa tre ore, l’interrogatorio dell’ex capitano dell’Atalanta Cristiano Doni davanti ai rappresentanti della procura federale della Figc. Gli incaricati del procuratore federale Stefano Palazzi, così come l’ex calciatore, non hanno rilasciato dichiarazioni allontanandosi dallo studio del legale del calciatore, Salvatore Pino.
L’avvocato dell’ex fantasista nerazzurro è stato l’unico a rilasciare dichiarazioni: "Nell’interrogatorio di questa mattina – ha spiegato – è stato confermato quello che il mio assistito aveva già confessato a Cremona davanti al gip e al pm con qualche dettaglio in più utile alle indagini della giustizia sportiva. Non sono usciti né nomi nuovi, né partite di cui la giustizia sportiva non era a conoscenza. Il contratto di Doni con l’Atalanta? Non so se è ancora in essere ma se anche fosse non mi stupirei dal momento che c’è un regolamento ben preciso". Nel colloquio di questa mattina si è parlato anche di quell’Atalanta-Pistoiese della stagione 2000-’01 tornato da poco al centro della bufera: "Ma quell’episodio – ha confermato l’avvocato Pino – è ormai caduto in prescrizione".

Per la giustizia sportiva, Doni questa mattina ha dovuto rispondere sulle circostanze alla base dell’ordine di custodia cautelare che lo ha portato in carcere il 4 dicembre scorso. L’ex capitano dell’Atalanta è già stato condannato dalla giustizia sportiva a tre anni e sei mesi di sospensione dall’attività. Doni era già stato iscritto nel registro degli indagati all’inizio dell’inchiesta ed era poi stato arrestato per il pericolo di inquinamento delle prove. Ora, nei suoi confronti, vi è solo l’obbligo di firma. Sempre nelle scorse ore, a Roma, ha parlato anche Filippo Carobbio, l’ex AlbinoLeffe coinvolto nella vicenda scommesse.

Quelle di Doni e Carobbio, per questa settimana sono le uniche audizioni confermate dopo che quella di Carlo Gervasoni è stata rinviata e quella di Antonio Benfenati è stata annullata dal momento che il socio di Doni ai bagni di Cervia ha deciso di non presentarsi. Le audizioni riprenderanno lunedì 5 marzo con Vittorio Micolucci.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gino

    senza voler minimizzare le colpe di CD, ma tutti gli altri nomi di giocatori di serie A emersi, che fine hanno fatto ? ha fatto tutto solo lui ?

    1. Scritto da sergiopelato

      nel sistema(o meglio mafia) del calcio moderno insabbieranno quello che sara`per loro troppo scomodo e se la prenderanno con qualcuno come Doni,grande giocatore ma pur sempre un pesce piccolo.

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Giusto! Io organizzerei una bella marcia di tifosi bergamaschi che sfili per la città dietro lo striscione «È colpa di qualcun altro», con cori «Percassi santo subito» e volantini «Al Bocia sono piaciute le maglie che gli aveva portato a casa Doni, e hanno anche parlato di scacchi e politica».