BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’opposizione: “Affittopoli Nulla da nascondere”

Dura presa di posizione dell’opposizione sul caso affittopoli. Gli esponenti di Lista Bruni, Partito democratico, Italia dei valori, Udc e Verdi si scagliano contro la maggioranza che hanno sostenuto che il centrosinistra volesse prendere tempo.

Più informazioni su

“Nulla da temere, nulla da nascondere”. Dura presa di posizione dell’opposizione sul caso affittopoli. Gli esponenti di Lista Bruni, Partito democratico, Italia dei valori, Udc e Verdi si scagliano contro la maggioranza che sia lunedì che martedì hanno sostenuto che il centrosinistra volesse prendere tempo sulle convocazioni commissione trasparenza, la prima a porta chiuse per l’elezione del presidente e la seconda per la trattazione del caso. Il presidente del Consiglio Guglielmo Redondi, sollecitato dall’ex sindaco Bruni, ha inviato una precisazione per spiegare come si è svolto l’ufficio di presidenza. Le sue parole non fanno altro che confermare le accuse: “Per prima cosa posta in discussione la richiesta dei partiti di maggioranza di convocare al più presto la Commissione Trasparenza per trattare il tema in una seduta a porte aperte – spiega Redondi nel suo comunicato -, invitando funzionari/dirigenti che spiegassero le modalità di assegnazione degli alloggi comunali. E’ stato eccepito che ciò era in contrasto con la lettera del regolamento. Dopo lunga discussione, non è stata raggiunta la necessaria unanimità per derogare agli articoli del regolamento comunale. Anche l’altra proposta avanzata dai capigruppo di maggioranza, di riunire la seduta della Commissione Trasparenza già fissata per lunedì 5 marzo sia per la nomina del nuovo presidente della stessa (da tenersi a porte chiuse), sia per la informativa sulle modalità di assegnazione degli alloggi con i modi sovraesposti (da tenersi a porte aperte) non ha raccolto la necessaria unanimità dei consensi. Preso atto di ciò, con l’accordo di tutti i gruppi consiliari, è stato inevitabile seguire un altro percorso e cioè, affidandosi rigidamente al regolamento, tenere la prima seduta a porte chiuse e in tale sede decidere la fase istruttoria e le modalità di lavoro”. Diretta la risposta di Roberto Bruni. “Non abbiamo nulla da nascondere, nulla da temere. Il nostro intento è avere massima trasparenza. Non abbiamo nulla in contrario al fatto che la commissione lavori a porte aperte. Non conosciamo nemmeno quale sia la segnalazione fatta dal consigliere Ribolla. La commissione trasparenza si muoverà con una certa difficoltà solo perché c’è segreto investigativo sulle indagini in corso. Il problema sarà quello di individuare i rimedi procedurali che consentano di modificare il regolamento per diminuire il rischio di episodi oggetto di indagine. Ci sentiamo ingiustamente messi sul banco degli imputati”. La proposta di Elena Carnevali, capogruppo del Pd, è di rendere pubblica la graduatoria e le sue modifiche sulla base delle effettive assegnazioni che sono state fatte. “Credo sia un atto informativo di trasparenza – spiega -. Non c’è qualcuno che lava più bianco degli altri. Non era necessaria nessuna deroga al regolamento. Con celerità avremmo proseguito sulla base dell’istruttoria perché la commissione svolga al più presto il suo lavoro. La seconda cosa condivisa è che tutto avvenga a porte aperte. E’ solo una strumentalità politica far credere che c’è una parte che non lo vuole. Speravamo che questa prassi di delegittimazione dell’avversario fosse finita”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il gipeto

    Pubblicate l’elenco degli appartementi popolari, comunali, di ERP, assegnati a dipendenti comunali, amministratori comunali, presenti e passati !!! non esiste alcun problema di Privacy, non sono dati sensibili…ne vedremo delle belle…poi fate le inchieste…intanto pubblicate…

  2. Scritto da ct

    nel virgolettato di Bruni si legge: “Il nostro intento e non avere massima trasparenza”… lapsus freudiano o errore di battitura della Redazione?

  3. Scritto da Seneca

    Rispondano delle irregolarità e dei favoritismi i fautori degli stessi e questo può avvenire in un modo SEMPLICISSIMO : si vedano a chi erano assegnati gli appartamenti, soprattutto quelli belli e si veda chi li ha dati e se gli stessi, percaso lavorano nello stesso ente o sono parenti….

  4. Scritto da Ex elettore di Centrosinistra

    Il centrosinistra si arrampica sugli specchi. Zero credibilità! Il mio voto non l’avranno più.

    1. Scritto da fabio

      Ma hai letto quello che c’è scritto? O devono farti un disegnino. Qui se c’è qulche sconsiderato che ciurla nel manico per motivi politici è la Lega.

      1. Scritto da lucio

        Sveglia, Fabio!
        Le fette di salame è meglio mangiarle che averle sopra al naso!