BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Amnistia? Coni e Figc non vogliono saperne

Petrucci (Coni): "Abbiamo un codice etico, non possiamo pensare ad un’amnistia. Rispettiamo il lavoro dei magistrati di Cremona". Ipotesi irrealizzabile anche per la Federcalcio.

Più informazioni su

“Grazie della proposta ma non possiamo prenderla in considerazione”: risponde così il presidente del Coni Gianni Petrucci alla proposta del procuratore di Cremona Roberto Di Martino, che vedrebbe di buon occhio in sede di giustizia sportiva un’amnistia sul calcioscommesse. “Rispetto l’opera dei magistrati e dunque ringrazio Di Martino per il lavoro che sta facendo – dice Petrucci -. Ma ho sentito anche il presidente della Figc, Abete, e quella dell’amnistia sportiva è un’ipotesi irrealizzabile. Proprio il Coni – aggiunge Petrucci – in osservanza al Cio, ha recentemente varato un codice etico per il rispetto dei principi di lealtà e correttezza sportiva. E’ evidente che non possiamo essere favorevoli all’amnistia”. "Troppe persone coinvolte" secondo Di Martino, "servirebbe un’opera di moralizzazione dopo un’amnistia in sede sportiva".

 

Di Martino: "Ci vorrebbe un’amnistia".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ct

    l’amnistia è tollerabile per i poveri disgraziati che rubano per sopravvivere e stanno in carceri disumani.. non certo per i calciatori multimilionari viziati che spendono migliaia di euro in discoteca! ai lavori nelle miniere, visto che hanno il fisico!

  2. Scritto da doge

    oh, che strano, proprio ora che , forse, si vanno a toccare le grosse squadre, salta fuori una possibile amnistia……….io dico, invece, di far pagare tutti, non solo l’ Atalanta

  3. Scritto da solodea

    avete messo alla berlina l’ATALANTA per tutta un’estate e per colpa di qualcuno legato all’ATALANTA che ad insaputa della Società aveva fatto ciò che è emerso. Avete detto che la responsabilità oggettiva è giusta, seppur nella norma di massima non correttamente applicata. Adesso che sono coinvolte chissà quali e quante squadre, sempre per la responsabilità oggettiva, si parla di una amnistia.
    Intanto in Serie A ha pagato solo l’ATALANTA, ma ora vogliamo tutti i nomi e se Di Martino ha ventilato questa possibile soluzione da valutare, credo che ne vedremo delle belle …

  4. Scritto da vito

    se proprio andasse in porto questa (malsana) idea, non si illuda il noto personaggio locale di cui non ricordo il nome, di essere riabilitato in qualche modo

  5. Scritto da polaster

    ora che cè dentro pure l’udinese amnistia?enno no cari..avanti fino in fondo!!come godo!!
    udinese emblema del calcio pulito, scriveva un fantomatico giornalista non molto tempo fa….

    1. Scritto da gino

      a mio modesto parere e’ il presunto coinvolgimento della Lazio a prospettare un’ eventuale amnistia, dell’ Udinese, a Roma, non gliene importa a nessuno

  6. Scritto da enrico

    prima le pene, da scontare, poi l’amnistia