BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via Fara, il Comune: le sostanze rientrano nei limiti

L'Amministrazione comunale acqusisce dall'Arpa i dati sul cromo, l'arsenico e gli idrocarburi individuati nel cantiere dove lavorò l'impresa Locatelli: "Non c'è amianto, gli altri parametri entro i limiti di legge".

Più informazioni su

 Stando ai dati dell’Arpa l’Amministrazione comunale di Bergamo rende noto che “l’esistenza di alcuni parametri nel cantiere per il parcheggio all’ex parco faunistico di Città Alta rientrano nei limiti stabiliti per legge”. Il riferimento è alle recenti analisi dell’Arpa, disposte dalla procura di Bergamo e dal Corpo Forestale dello Stato, al cantiere di via Fara, dove lavorò l’impresa Locatelli di Grumello del Monte. Trovati arsenico, cromo e idrocarburi. “L’Amministrazione comunale – si legge in un comunicato stampa del Comune – ha preso immediato contatto con Carlo Licotti, direttore del dipartimento provinciale di Bergamo dell’Arpa, per avere dati sicuri e scientificamente verificati al riguardo” (dopo le notizie di stampa). “Il dottor Licotti – prosegue il comunicato – anche alla luce delle indagini esperite dal Corpo forestale dello Stato, ha comunicato il contenuto dei rapporti di prova redatti dal dipartimento di Brescia dell’Arpa. Le analisi evidenziano l’esistenza di alcuni parametri (arsenico, idrocarburi e, in un solo caso, anche cromo totale). Viceversa, la ricerca di fibre di amianto ha dato esito negativo. I predetti parametri – continua l’Amministrazione comunale – rientrano nei limiti stabiliti per i siti ad uso commerciale e industriale. In tale categoria rientra anche la destinazione a parcheggio. Pertanto se ne ricava che i campioni rilevati rispettano i limiti di legge. Non sarebbero invece compatibili per una diversa destinazione quale siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da libero

    il discorso è molto semplice: BRUNI(ex sindaco di BG) è l’AVVOCATO difensore di LOCATELLI! Cosa volete di più? Ci prendono anche in giro…

  2. Scritto da Contessa

    E poi, mi scusi, cosa vuole dire “ad uso commerciale”, proprio lì sopra c’è il Parco della Rocca…fiori, piante, panchine, sentieri….tutto ad uso di adulti e bambini…e ci vanno le scolaresche in visita…fanciulli che respirano arsenico e cromo….ma solo un pochino secondo Voi. Invito i residenti ad aprire una sottoscrizione e fare rifare le analisi da altri che non siano l’Arpa, e poi vediamo.

  3. Scritto da giovanna

    Quindi da uso residenziale con questo giochetto l’area è diventata ad uso commerciale e industriale?
    Forse quella terra non doveva essere trasportata in quell’area ma smaltita in appositi impianti. Sara curioso sapere da li dove sarà trasportata forse come riempimento in altro sito….

  4. Scritto da Contessa

    Egr.gi Sindaco e Assessori, ma come mai vi sta così a cuore questo parcheggio?? Ditelo a noi cittadini per favore. Come mai invece non vi preoccupate nello stesso modo degli smottamenti del terreno a Porta Gribaldi, dei lavori fermi da anni nel prato di Via Porta Dipinta di fronte a Palazzo Moroni, dei favolosi reperti archeologici emersi in Via Osmano e coperti da colate di cemento per realizzare lussuose autorimesse private??

  5. Scritto da antonio

    No scusate sopra il parcheggio è previsto sistemazione a verde con riapertura del parco, quindi la destinazione d’uso è verde pubblico, allora i limiti non sono rispettati

  6. Scritto da arturo

    hanno portato via terra buona con valore economico, hanno portato terra non del tutto compatibile e ci hanno guadagnato… e via cosi con gli sprechi e con i giochetti, poi l’amministrazione pubblica piange la mancanza di risorse e quelli che pagano sono sempre i soliti. come mai l’opposizione si indegna su cose di poca importanza e non attacca la giunta Tentorio su casi del genere? Dovè l’opposizione ?

  7. Scritto da Tiziano Trivella

    Nei limiti… ma ci sono e qualcuno ce li ha portati.
    In ogni caso, pur nei limiti, non è roba pulita… come, appunto, scientificamente accertato…

  8. Scritto da sergiopelato

    La maggior parte dei rifiuti tossici e`andata fuori Lombardia.Molta gente tra cui vari camionisti lo sanno…… sarebbe stato piu`economico lasciarli a Bergamo ma pure troppo rischioso.

  9. Scritto da cercasi (ultimo) neurone

    capisco che locatelli era tesserato color giunta ma chi ha formulato questa idiozia?!!! Il parcheggio non esiste ancora e come è possibile dire che dove prima c’era un parco oggi c’è arsenico e cromo? Parametri limite nel caso il parcheggio sia attivo, posso capire, ma in uno scavo vergine in terrapieno…

  10. Scritto da e

    Tutto ok tutto “normale”.
    Parola d’ordine: normalizzare. Fino a che non avviene lo smottamento.
    Allora sarà tardi. Tardi per Bruni. Tardi per voi?
    Il cittadino “normale” non gradisce, non capisce, non apprezza, caro Sindaco.