BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maurizio Azzolini dirigente del vicesindaco Polemica per Pisapia

Ex protagonista della lotta armata, fu ritratto in una storica fotografia mentre sparava durante una manifestazione in cui morì un poliziotto. Il sindaco di Milano: "Il reinserimento dei condannati che hanno espiato la loro pena è un principio da far valere".

Più informazioni su

E’ bufera sulla Giunta di Giuliano Pisapia, a Milano, dopo la nomina a capo di gabinetto del vicesindaco Maria Grazia Guida, di Maurizio Azzolina, ex protagonista della lotta armata in Italia, ritratto di spalle in una nota foto mentre spara dopo una manifestazione a Milano il 14 maggio del 1977: in quella manifestazione morì l’agente di polizia Antonino Custra.

 

Le opposizioni di centrodestra hanno chiesto a gran voce, in modo compatto, le dimissioni di Pisapia, indicando la sua carica come una “vergogna”. Il sindaco di polizia Coisp chiede al sindaco Pisapia di rimuovere Azzolini dal suo incarico.

Sulle polemiche è intervenuto il 25 febbraio proprio il sindaco di Milano, durante l’inaugurazione dell’anno accademico alla Bocconi. “Era minorenne all’epoca dei fatti, ha espiato la sua pena e oggi può ricoprire incarichi di responsabilità. Credo che sia un principio costituzionale quello del reinserimento dei condannati, un principio costituzionale che non bisogna esaltare solo a parole, ma anche nei fatti".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Riccarda

    i ns politici non cambieranno mai, non hanno assolutamente voglia di pretendere per l’Italia e gli italiani il MEGLIO si accontentano delle “mezze calzette” sarà forse che per apparire cavalli da corsa è necessario circondarsi di asini?

  2. Scritto da pandemonio

    Per il funzionario dell’ambasciata italiana in giappone,accusato di avere idee di destra il rogo,per l’amico comunista di Pisapia ( che tenta di ammazzare i presunti sedrvi dello stato) gli altari.Cosi la sinistra italiana da sempre ragiona.Ecco perchè in Italia continua da settanta la solita solfa con il risultato sotto gli occhi di tutti. FINIAMOLA.

  3. Scritto da Alberto

    Posso umanamente apprezzare l’evoluzione positiva di Azzolini, tuttavia ritengo che sarebbe stato più opportuno evitare il suo “coinvolgimento” in attività istituzionali. Avrà pagato il suo “debito” con la società ma non si può dimenticare quanto sangue hanno versato coloro che hanno difeso lo Stato. Trovi un’altra occupazione!

  4. Scritto da milly.67

    PARLIAMO DI LA RUSSA (O MEGLIO LA RISSA) ? SEMBRA SIA STATO FILMATO MENTRE SCARICAVA SPRANGHE DI FERRO DA UN FURGONE……E POI E’ DIVENTATO MINISTRO….

    1. Scritto da salina

      Che dire, vuol dire che rispettare la legge non rende. Chi invece ammazza, ruba, espropria e quant’altro ha una carriera assicurata da ministro o capo di gabinetto del vicesindaco……E’ quello che mi riprometto di fare d’ora in avanti.

    2. Scritto da mario

      col SEMBRA non si va da nessuna parte con questa foto invece si.

  5. Scritto da Aladin

    Pur essendo un fautore della giunta di Pisapia, questo è un grave errore. L’azzolini era già abbondantemente reinserito nella società, non era il caso di premiarlo ulteriormente. Lui e i molti altri come lui, finchè i parenti delle vittime (di cui non ci si ricorda mai,neanche dei loro nomi spesso) non saranno almeno moralmente risarciti,dovrebbero rimanere ai margini della ribalta mediatico-politica.

  6. Scritto da paolo poduje

    polemico perplesso oscar andrea abete, secondo voi, chi sbaglia, non può essere riammesso nella società, nemmeno dopo aver scontato la sua condanna. Bene, vi capisco, io avrei fatto lo stesso con tutti i fascisti, contro un muro e risolvere il problema una volta x tutte. Nessuna amnistia, nessuna possibilità di continuare ad avvelenare la società. Quante inutili sciocchezze sparate!

    1. Scritto da il polemico

      mi scusi,i fascisti hanno lottato per un loro ideale,giusto o sbagliato che sia,ma si era in tempi di guerra,non di situazione pacifica o tranquilla.qui si sta premiando uno che lottava e sparava per qualche suo ideale,però andando contro le regole civili della società,dobbiamo liberalizzare e permettere qualsiasi manifestazione,dalle br ,dai tafferugli di tifosi di calcio ai danneggiamenti dei black box?ok reinserirlo,però perchè allora non si è premiato con quel posto un onesto cittadino?

      1. Scritto da Alberto

        Ma lei la storia l’ha letta o se n’è fatta una sua versione privata?
        Evitiamo di giustificare i fascisti… Tutti hanno sbagliato dagli anni 30 ad oggi

  7. Scritto da Andy Baumwolle

    Perche’ sorprendersi?
    Questo e’ un paese dove i carbonari, i garibaldini, gli arditi, i fascisti, i partigiani sono finiti in parlamento
    E con grandi onori sia che fossero di destra sia di sinistra
    Questo e’ un paese così: la violenza viene dimenticata e premiata
    Io non faccio tante distinzioni tra le varie generazioni
    E’ così da 150 anni
    E i terroristi sono solo l’ultimo capitolo della storia violenta di questo paese

    1. Scritto da alberto tadini

      carbonari e garibaldini e partigiani sono arrivati in parlamento con regolri elezioni. i fascisti hanno solo fatto la camera dei fasci e delle corporazioni non certo un parlamento, per cui, per favore, un minimo di conoscenza della storia.

  8. Scritto da alberto tadini

    anche a me piace poco la faccenda. però ricordo che azzolini ha iniziato a lavorare al comune di milano con la giunta leghista di formnetini, ha continuato con albertini forza italia e ha proseguito, diventando il braccio destro di moioli, assessore di fiducia della moratti, pdl.
    per cui i barriti di decorato e vari non si spiegano se non per nascondere le presunte colpe. loro

    1. Scritto da Riccardo

      Allora tra quelli che l’hanno, per così dire, lanciato c’è anche la nostra ex “Dai Mariolina che ce la fai”? E’ giusto ricordare a tutti questi bravi commentatori la strada che ha fatto Azzolini, perché qui se la prendono tutti con Pisapia, questi cattivi maestri sinistrorsi eccetera. eccetera. Ed è giusto parlare di “barriti” a cui aggiungo qualche latrato….

  9. Scritto da oscar

    anche pisapia d’altro canto s’è dato parecchio da fare all’epoca, circa la lotta al sistema eheheheh con capanna + altri, i katanga della statale di milano, ho buona memoria

  10. Scritto da oscar

    Non vedo cosa ci sia di strano, un compagno che aiuta un compagno: tutto ovvio no? E’ la stessa cosa di lula che aiuta battisti tra compagni ci si spalleggia…normale.

  11. Scritto da andrea

    ma perchè la gente si scandalizza?
    ma cosa vi aspettavate dalla sx italiana?pisapia è anche quel personaggio che con i soldi dei contribuenti ristruttura case popolari e le consegna ai rom.
    in italia l anomalia è essere onesto

  12. Scritto da perplesso

    era un minorenne,ha espiato la sua pena…….allora liberiamo tutti i piccoli spacciatori o delinquenti con meno di 18 anni,almeno quelli che non hanno mai sparato contro le forze dell’ordine , tanto sono minorenni,sono giustificati……ma va laaaa

  13. Scritto da il polemico

    beh,ricordo anni fa che circolava una foto dove in una manifestazione,un giovane d’alema bruciava la bandiera italiana,e per riconoscenza è stato presidente del consiglio e attualmente un parlamentare di spicco.d’accordo che non sarà la stessa cosa,però alla gente interessa di piu chi si porta in casa berlusconi piuttosto che sapere che ci fanno personaggi che prima sputano verso le istituzioni,e poi entrano a farci parte

  14. Scritto da ABETE

    VERGOGNA!!!! ALLA FACCIA DEGLI ONESTI, TALI PER TUTTA LA VITA