BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Chignolo, in un capannone 75 quintali di rame rubato

Dopo una serie di furti anche nel bresciano operazione dei carabinieri di Treviglio: sequestrati 75 quintali di rame. Quattro italiani all'interno, denunciati per ricettazione. "Chi ha subìto furti venga a riconoscere la refurtiva".

Più informazioni su

Dopo una serie di furti di rame, anche nel Bresciano, i carabinieri della compagnia di Treviglio hanno individuato un capannone nella zona industriale di Chignolo d’Isola, facendo irruzione: all’interno c’erano quattro italiani, tutti pregiudicati, che stavano lavorando su decine di quintali di cavi di rame, per poi rivenderli. I quattro italiani, di 61, 30, 41 e 23 anni, sono stati denunciati per concorso in ricettazione. All’interno del capannone i carabinieri hanno sequestrato 75 quintali di rame e ora invitano chiunque abbia subìto furti negli ultimi mesi, a presentarsi al comando di Treviglio per il riconoscimento dell’eventuale refurtiva.

L’operazione è iniziata nel Bresciano il 24 febbraio, quando un imprenditore della Val Camonica ha denunciato il furto di 25 quintali di rame e di due autocarri, sui quali i ladri si sono dileguati insieme alla refurtiva. Uno dei due furgoni è stato poi trovato, completamente ripulito, dai carabinieri di Milano, ma i militari di Brescia sono comunque riusciti a ricostruire il percorso dell’automezzo tramite l’impianto d’allarme satellitare. Il furgone era passato dalla zona industriale di Chignolo d’Isola.

A quel punto l’operazione è passata ai carabinieri di Treviglio, che hanno messo a segno il blitz nel capannone nella mattinata di sabato. "Le vittime di recenti furti di rame possono contattare la Compagnia Carabinieri di Treviglio. 0363/427100 per riconoscere eventuale refurtiva".

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.