BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vittorio Sgarbi apre la 6ª Fiera del Libro

"Il libro e la televisione: dall’istruzione popolare alle lezioni di cucina”, dieci giorni dedicati ai libri e alla cultura. Da venerdì 2 a domenica 11 marzo nel Centro Civico San Fedele a Calusco d'Adda.

Calusco d’Adda ospita, per il secondo anno consecutivo, la 6ª edizione della Fiera del Libro organizzata da Promoisola, Comune di Calusco d’Adda e Sistema Bibliotecario Area Nord-Ovest Provincia di Bergamo.

Dieci giorni, da venerdì 2 a domenica 11 marzo, per perdersi tra e nei libri perché, come ha sottolineato l’Assessore alla Cultura di Calusco d’Adda, Massimo Cocchi, l’intento di questa manifestazione è di “portare la cultura nella casa della gente”. “Il libro e la televisione: dall’istruzione popolare alle lezioni di cucina” è il titolo di questa sesta edizione della Fiera del Libro che ha raddoppiato, con una tensostruttura che affiancherà il Centro Civico San Fedele, lo spazio espositivo per ospitare le oltre 100 case editrici che hanno chiesto di partecipare. 20 sono gli scrittori invitati che, come ha evidenziato Marco Locatelli, responsabile del Sistema Bibliotecario, “hanno l’opportunità di svelare la personalità di chi ha riflettuto per scrivere il romanzo che, magari, abbiamo tanto amato perché dietro ad un libro c’è sempre una persona”.

La Fiera verrà inaugurata venerdì 2 marzo da Vittorio Sgarbi che, soddisfatto dalla partecipazione dello scorso anno ha voluto tornare. Sabato 3 marzo sarà la volta dello psichiatra e scrittore Vittorino Andreoli. La giornata di domenica 4 marzo verrà aperta con un aperitivo in musica con la New Pop Orchestra e, tra spettacoli di burattini e laboratori creativi, si chiuderà con Cino Tortorella che farà tornare bambini gli adulti presenti.

Lunedì 5 marzo salirà in cattedra Angelo Mapelli, docente bergamasco di lettere, martedì 6 s’incontrerà l’alpinista Ermanno Salvaterra, il mercoledì ci sarà Catena Fiorello, autrice televisiva e scrittrice. Il giovedì sarà tutto all’insegna della cucina: si svolgerà la 1° Edizione del Premio in memoria di Francesco Arrigoni, giornalista e critico enogastronomico, nell’iniziativa promossa in collaborazione di Ascom Bergamo che vuole premiare le eccellenze della cucina bergamasca e la sera Francesca Manenti intervisterà Spyros, il vincitore di Master Chef Italia. Lo scrittore Andrea Vitali è il protagonista della serata di venerdì 9 marzo, mentre sabato 10 la giornata è dedicata interamente ai bambini con il laboratorio “Incantarte” con Oreste Castagna e domenica 11, la Fiera si chiuderà con uno spettacolo di burattini e laboratori creativi curati dalla Cooperativa Linus. I laboratori didattici per le scuole, con oltre 50 ore, saranno una presenza costante di tutte le giornate della Fiera. La manifestazione ha come main partner Provincia di Bergamo e Turismo Bergamo, come main sponsor Hidrogest e Oratorio di Calusco d’Adda e come special partner Radio Popolare, Associazione Interculturale Delta, Confesercenti e Ascom. La speranza è di superare i numeri dello scorso anno andando oltre le 5000 persone tra adulti e ragazzi e bambini. E se il record verrà superato ci chiediamo se non sarà ancora il Comune di Calusco d’Adda ad ospitare la 7° Edizione della Fiera del Libro.

Info: www.isolabergamasca.com, www.comune.caluscodadda.bg.it, www.sbi.nordovest.bg.it, www.fieradellibroisola.it. Tel. 035.4376798 – Ingresso libero negli orari 9 – 12:30, 14 – 18 e 20 – 23.

Antonella Previtali

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sic!

    …. e le banalità sono quelle del suo Sgabri. In tv e come vip politicante etc… E’ molto “bravo” in questo.

  2. Scritto da nino cortesi

    Sgarbi, ma quale cultura? Eppure qualche pollo magari avrà il coraggio di sentirlo. Ma non c’erano problemi di mafia nell’amministrazione comunale di cui lui è il Sindaco?

    1. Scritto da si dice che?

      Mamma mia che tristezza di commento, pissi pissi bau bau, venticello di calunnia, disinformazione, presunzione di saccenza e saccenza di presunzione. Ma dicci qualcosa dai, un concetto che uno lo sai esprimere?

      1. Scritto da urca

        Invece il Suo si che è un gran bel saggio di eloquenza. Sgarbi è sinonimo di cultura?

        1. Scritto da Sgarbi è cultura

          Non sinonimo. Sgarbi è cultura. Apprezzabile o meno ma è cultura. Indiscutibile. Non con i suoi argomenti. Ne ha? Li scriva. Altrimenti taccia.

          1. Scritto da sgarbati

            Sgarbi non è niente di più di molti atri suoi colleghi. Ha una visibilità tv che altri non hanno. E che ha alimentato con risse indegne o gossip ancor peggio. Questo con la cultura non ha nulla a che vedere. Farà audience, ma non certo cultura. Applaudire perchè c’è Sgarbi è pseudocultura. Quella che va bene a chi non vuole davvero cultura.
            Poi…prego si accomodi in platea, ad applaudire. Non la seguo certo.

          2. Scritto da per piacere...

            argomentazioni non banalità. lei non ha mai visto Sgarbi nelle sue meravigliose elegie all’arte, altrimenti non scivolerebbe nella tristezza del commento alle frivolezze televisive, una facile e carnale possibilità di guadagno che permette a Sgarbi di essere libero. Chi è stato ieri a vedere la presentazione della mostra di Ceresa e si è addormentato all’eloquio del critico narrante può capire. Se poi vuole mettersi davanti alla tv faccia lei ma non confonda Sgarbi televisivo con la verità. Passione, competenza e cultura fruibile, capibile, amabile da tutti. E passo. E chiudo.

          3. Scritto da piaceri e spiaceri

            spiacente. Ma il dono della ripartizione in più personalità non c’è ancora. Nemmeno per Sgarbi. Se sgarbi non fosse quello televisivo, (e non solo) cara lei, non avrei niente da dire. Se… se…intanto la sua “carriera” è fatta proprio anche da queste cose.
            Quanto a chi fa dormire….beh, certo si può scegliere. Mica ho detto che i critici d’arte siano tutti uguali. Per piacere.

  3. Scritto da Daniele P

    Complimenti davvero all’amministrazione comunale per l’ennesima iniziativa di interesse e prestigio organizzata!

    1. Scritto da da

      lecchiamo, lecchiamo….