BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il governo rimette l’Ici alla Chiesa Stangata da 700 milioni

Tanto discusso e atteso, alla fine l’emendamento al dl liberalizzazioni sull’Ici alla Chiesa è arrivato. Lo ha annunciato il governo venerdì in una nota di palazzo Chigi: si parla di una stangata da 700 milioni di euro.

Tanto discusso e atteso, alla fine l’emendamento al dl liberalizzazioni sull’Ici alla Chiesa è arrivato. Lo ha annunciato il governo venerdì in una nota di palazzo Chigi: “Il Presidente del Consiglio e Ministro dell’economia e delle finanze Mario Monti – si legge nella nota – ha informato il Consiglio dei Ministri di aver presentato al Senato un emendamento al Decreto Legge n° 1 del 2012, “Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività” in merito all’esenzione dall’imposta Ici/Imu di cui beneficiano gli enti non commerciali”.

L’emendamento, presentato direttamente al Parlamento, in sede di conversione di decreto legge già emanato, si legge nella nota di Palazzo Chigi, “intende garantire la massima tempestività nell’attuazione degli auspici della Commissione Ue”. I criteri seguiti prevedono “l’esenzione per gli immobili nei quali si svolge in modo esclusivo un’attività non commerciale”; “l’abrogazione immediata delle norme che prevedono l’esenzione per immobili dove l’attività non commerciale non sia esclusiva, ma solo prevalente”; “l’esenzione limitata alla sola frazione di unità nella quale si svolga l’attività di natura non commerciale”; “l’introduzione di un meccanismo di dichiarazione vincolata a direttive rigorose stabilite dal ministro dell’economia e delle finanze circa l’individuazione del rapporto proporzionale tra attività commerciali e non commerciali esercitate all’interno di uno stesso immobile”. Resta ”l’esenzione per gli immobili nei quali si svolge in modo esclusivo un’attività non commerciale”.

Stando alle prime stime, la cifra che lo stato potrebbe incassare con questa nuova manovra si aggirerebbe intorno ai 700 milioni di euro. Tuttavia, in coerenza con il comportamento tenuto da questo governo in casi analoghi “non si ritiene opportuno procedere ad una quantificazione preventiva delle maggiori entrate. Queste ultime saranno accertate a consuntivo e potranno essere destinate, per la quota di spettanza statale, all’alleggerimento della pressione fiscale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano

    Quando tutti i sapientini che scrivono commenti tipo “era ora!” accoglieranno in casa loro i poveri, i tossicodipendenti, gil emarginati, gli immigrati, le ragazze madri abbandonate e sole, ecc…? Attendo fiducioso. Ricordatevi una cosa: la rabbia, l’invidia, l’odio che avete verso la Chiesa non vi aiuterà ad essere più felici, anzi. Finora solo “si stima” e “sembra che”, vedremo quanti soldi in più raccoglierà lo Stato, allora si capirà che è stata una montatura ed una campagna anticlericale e niente di più.

  2. Scritto da mario59

    Beh.. intanto se la pagheranno inizieranno solo dal 2013 ….ho detto se….e comunque aldilà di questo, non è giusto far pagare tasse a chi fa opere di bene, e la chiesa cattolica, di opere di bene ne fa ..eccome se ne fa..guardate questo link e potrete meglio rendervi conto delle grandi opere di bene che la chiesa mette in atto…….http://www.cadoinpiedi.it/2012/02/24/ce_il_vaticano_dietro_il_piu_grosso_produttore_darmi_italiano.html

  3. Scritto da Bob

    Finalmente una cosa buona e giusta.

  4. Scritto da Davide

    ebbravo Monti!! per la prima volta posso dirlo

  5. Scritto da anna

    Per la prima volta mi sento di dire :” Bravo Monti !”.

  6. Scritto da nino cortesi

    Il falso in bilancio persiste per adeguarsi all’evasione della Chiesa? L’Ici è ben poca cosa, con bilanci reali inesistenti. Ora la Chiesa la rispetteremo un po’ di più, ma c’è ancora tantissima strada perchè diventi anche la Chiesa come un cittadino onesto. Nel carrozzone dei magna magna la Chiesa ha, ed ha sempre avuto, un posto privilegiato. La missione si presenta però impossibile anche se ci fosse una rivolta popolare.

  7. Scritto da Gianfranco

    Chissà però perchè io l’IMU la pago già dal 2012 ed invece la chiesa solo dal 2013….? é più indigente di me?

  8. Scritto da sherwood

    Attenzione al qualunquismo anticlericale…..L’IMU che le Scuole Materne parrocchiali dovranno pagare, si scaricherà inevitabilmente sulle rette, e quindi sulle famiglie. E per gli oratori ? Tagliamo piuttosto gli sprechi dei carrozzoni statali….

    1. Scritto da Geppo

      Non facciamo cagnara inutile, per le scuole materne ancora non si sa, gli oratori sono certamente esclusi , lo hanno sempre detto.

    2. Scritto da Carlo Pezzotta

      Aumentate il gettito delle vostre elemosine, se volete dare un’aiuto al Vaticano. Non ti preoccupare, è da anni che è in discussione questo argomento e vedrai che avranno già provveduto ad intestare immobili, compresi i terreni (il 30% dei terreni italiani sono di proprietà di parrocchie, diocesi e stato vaticano),ad opere benefiche tipo opera di S. Vincenzo e quindi no profit, per evadere l’IMU.

  9. Scritto da Doge

    Stangata alla Chiesa? Io dico che ” cosa buona e giusta , fonte di salvezza” ! Basta con la chiesa materialista

  10. Scritto da Tiziano Trivella

    Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei – sul Corriere della Sera del 17 dicembre 2011 – fa chiarezza sulla questione dell’Ici e la Chiesa, dichiarando: “La Chiesa paga l’Ici! Occorre dirlo visto che si parte sempre dall’assunto contrario – afferma Bagnasco – Le tasse non sono un optional.”
    Evidentemente anche i Cardinali a volte raccontano bugie.
    Oppure non sanno spiegarsi bene…

  11. Scritto da DD

    era ora! Finalmente!
    Io sarei anche per la reintroduzione delle case chiuse…
    Chissà se questo governo di tecnici avrà il coraggio…

  12. Scritto da perplesso

    mi piacerebbe sapere se pure le moschee,o gli scantinati adibiti a culto islamico di di altre religioni,subiranno stesso trattamento.e poi cosa significa commerciale?vendere il corano in una moschea può essere attività commerciale?vendere santini o immaginette,tipo nei vari santuari,sarebbero attività commerciale?.bello l’ultimo pezzo,si dovrebbe alleggerire la pressione fiscale,cioè?togliamo qualche tassa,tipo?

    1. Scritto da De che ?

      Ma cosa sta dicendo ? Malinformato o i malafede ? Gli edifici di culto sono e saranno esclusi, lo sanno anche i sassi.

      1. Scritto da perplesso

        mi sono spiegato male,gli scantinati o i locali privati dove predicano il corano,verranno esclusi? ,se cosi fosse,non mi stupirei che molti locali di proprietà di islamici o di altre religioni,diventeranno locali di culto al solo scopo di non pagare l’imu.o per luogo di culto si intende solo la chiesa?però se cosi fosse,si creerebbe discriminazione verso le altre religioni………ci saranno contenziosi?’bohhh

  13. Scritto da max

    Se fosse vero,è il primo miracolo che che avviene in Italia,lo fa perché ce lo impone e glielo impone l’Europa ma l’ultima parola spetta ai nostri deputati e senatori.