BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il ministro Giulio Terzi apre l’anno accademico

Il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant'Agata sarà l'ospite d'onore dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Bergamo e terrà una relazione su "Usa, Ue e paesi emergenti: nuovi equilibri economici"

Più informazioni su

Un ospite illustre per aprire l’anno accademico dell’Università di Bergamo: il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata. Sarà proprio il capo della Farnesina a tenere una prolusione su “Usa, Ue e Paesi emergenti: nuovi equilibri economici” che di fatto sarà il cuore della cerimonia di apertura dell’anno accademico 2011/2012 in calendario per il prossimo venerdì 16 marzo alle 17.00. L’appuntamento è al Teatro Donizetti per le 16.15 quando il rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, Stefano Paleari, riceverà le autorità e gli ospiti. Per le 17 sono attesi gli interventi del rappresentante degli studenti e del personale tecnico amministrativo, quindi la relazione del rettore e una pièce teatrale. Poi sarà la volta del ministro bergamasco Terzi per la attesa relazione. Un evento davvero singolare e che vedrà per la seconda volta il capo della Farnesina in terra orobica per un intervento istituzionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 081

    Ministro piuttosto cerchi di fare qualcosa per riportare a casa i due marò!!!

  2. Scritto da Sleghiamoci

    Un consiglio al Ministro per il suo lavoro a Montecitorio, l’Italia si salva solo esportando per sempre tutta la classe politica e dirigente del paese e facendo rientrare i cervelli.