BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bombassei vs Marcegaglia “Toni forti, un passo falso”

Il tono di ieri, del presidente Marcegaglia forse è stato un pò esagerato, un passo falso. Così il vicepresidente di Confindustria, il bergamasco Alberto Bombassei, in corsa per la candidatura alla guida dell'associazione di viale dell'Astronomia.

“Il tono di ieri, del presidente Marcegaglia forse è stato un pò esagerato, un passo falso. Ma l’art. 18 è al secondo posto tra i motivi di non investimento. Dobbiamo eliminare gli effetti negativi di questa norma che è un grande freno alle assunzioni giovanili”. Così il vicepresidente di Confindustria, il bergamasco Alberto Bombassei, in corsa per la candidatura alla guida dell’associazione di viale dell’Astronomia, commenta le parole, dure, del presidente Marcegaglia sull’art. 18 che hanno scatenato le ire dei sindacati. “Quando Camusso dice che la l’art. 18 è una questione di civiltà dice che gli altri Paesi che non hanno l’art. 18 sono incivili. Per questo serve approfondire – prosegue nel corso della trasmissione ‘Otto e mezzò, proponendo di adottare le norme in vigore in Germania e in Spagna “dove c’è una certa libertà di uscita stabilendo un elenco di ragioni su cui si può licenziare”. Per Bombassei, dunque, “bisogna eliminare gli effetti negativi dell’articolo 18” anche se la norma che disciplina i licenziamenti senza giusta causa “non ha mai ostacolato la mia azienda”, prosegue. “L’articolo 18 però è un grande freno all’assunzione giovanile ed è questo l’elemento negativo perchè è vero che i numeri sui licenziamenti senza giusta causa sono abbastanza piccoli ma è questo l’elemento psicologicamente negativo più grande”, aggiunge ribadendo che “senza investimenti non si potrà dare nessuna risposta ai giovani”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AURELIO

    La presidente di Confindustria Emma Marcegaglia ci è venuta a spiegare che i lavoratori ladri devono essere licenziati. Ma già ora i lavoratori che rubano vengono buttati fuori dalle aziende. Sono i proprietari delle aziende e i dirigenti che rubano che non vengono buttati fuori dall’economia italiana. Questo è il problema del paese.

  2. Scritto da aurelio

    SIG. BOMBASSEI apprezzo il suo atteggiamento critico verso le parole e affermazioni ingiuste x non dire altro della SIG. MARCEGAGLIA..alla quale rispondo che prima di giudicare pesantemente gli altri sparando nel mucchio ..consiglierei di guardare nella propria ORGANIZZAZIONE…..perchè i SUOI apprezzamenti gratuiti e offensivi detti da LEI(SIG. MARGEGAGLIA) valutando quello che succede…. purtroppo a parecchi industriali…LO RITENGO UN COMPLIMENTO…GRAZIE

  3. Scritto da Operaio

    Pur non condividendo, almeno marcegaglia ha il coraggio di esprimere in pensiero padronale, mentre bombassei non ha neppure il coraggio di esprimere il suo pensiero, ma quando diventera’ il presidente di confindustria, visto che e’ appoggiato dai poteri forti (marchionne in primis) vedremo quello che ha fatto marchionne alla fiat, farlo in in tutta Italia.
    Ps. Il contratto per il settore auto e’ gia pronto !
    Buon viaggio.

  4. Scritto da ipocrisia

    toglilo a tuo figlio l’art.18, caro bombassei