BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Parcheggi nuovo ospedale, valuteremo un risarcimento contro i Riuniti”

L’ipotesi è ancora da definire, l’avvocatura della Provincia però non lo esclude: i Riuniti potrebbero vedersi recapitare una richiesta di risarcimento danni per i parcheggi a causa dei ritardi dell’apertura del nuovo Giovanni XXIII.

Più informazioni su

“Vedremo se sarà necessaria un’azione legale per chiedere un risarcimento”. L’ipotesi è ancora da definire, l’avvocatura della Provincia però non lo esclude: i Riuniti potrebbero vedersi recapitare una richiesta di risarcimento danni per i parcheggi a causa dei ritardi dell’apertura del nuovo Giovanni XXIII. La Bergamo Hospital Parking lo ha già fatto nei confronti della Provincia, chiedendo 9 milioni e mezzo di euro per i mancati introiti derivanti dalla gestione. Inizialmente erano addirittura 16, poi ridotti dopo la definizione del nuovo piano economico. “Il 17 febbraio dovremo valutare il nuovo piano economico – spiega Giorgio Vavassori, avvocato della Provincia – gli ospedali Riuniti hanno dato l’ok, tramite una sola telefonata, solo tre mesi fa, un po’ in ritardo rispetto alle tempistiche. Ora siamo in attesa di capire quando aprirà. Dei nove milioni di euro alcuni dovranno essere in denaro contate, altri invece tramite nuove tariffe e una valutazione diversa sulle tempistiche della gestione. Ci auguriamo la concessionaria voglia continuare l’investimento, altrimenti ci troveremmo di fronte a una causa per il mancato utile”. Ricordiamo – aggiunge il segretario Benedetto Passarello – che parte di queste spese aggiuntive sono dovute alla realizzazione di un nuovo piano del parcheggio perché i Riuniti hanno chiesto di allargare i posteggi di trenta centimetri”. Nulla di nuovo invece sul fronte pagamento dei parcheggi per i dipendenti. La valutazione dei 50 euro al mese è stata fatta dai Riuniti e la Provincia non vuole intervenire in tal senso. “Noi abbiamo avuto un mandato ed è stato rispettato – continua Vavassori -. Noi come Provincia non possiamo rivedere le tariffe, è un compito che spetta all’azienda”. Matteo Rossi, consigliere del Partito democratico che ha presentato un’interpellanza proprio per chiedere chiarezza, chiede al presidente Pirovano di farsi carico del problema. “In tutta questa storia via Tasso non ha rischiato niente e rischiano di pagarla solo utenti e dipendenti- E’ ovvio che la Provincia non decide le tariffe, ma la stessa Provincia deve farsi carico del problema e cercare di trovare una soluzione alternativa”. Lapidario il presidente Ettore Pirovano. “L’unico modo è garantire un finanziamento di 700 mila euro all’anno di tasca nostra per pagare il parcheggio ai dipendenti. Un piano economico e finanziario c’è, se vogliamo modificarlo dobbiamo pagare“.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronica

    …e in questo i pazienti e i loro parenti… oltre a dover essere ricoverati IN OSPEDALE (non in villaggio vacanze) ci si trova a pagare il parcheggio!!! Sfruttare chi ha bisogno dovrebbe essere considerato crimine! Mio marito ha speso più di 50 euro per parcheggiare 3 giorni lo scorso novembre per stare vicino a me e al nostro piccolo appena nato. Abbiamo conosciuto persone che erano mesi che facevano assistenza ai loro cari, malati terminali, che si sono trovati loro malgrado ad arricchire le tasche di qualcuno!!! L’OSPEDALE NON E’ IL CINEMA, CHI VA E’ PER NECESSITA’!!

  2. Scritto da MAURIZIO

    Da quanto capisco, i politici concedono spazi o opere pubbliche in gestione a società private perchè non hanno i soldi per realizzarle a causa degli sprechi, dei conflitti di potere, delle procedure burocratiche ottocentesche. Infatti, l’area degli ospedali Riuniti non viene messa in vendita prima, ma solo dopo della realizzazione dell’opedale nuovo scoprendo poi di non riuscere a venderla! In più c’è una causa sulla gara di appalto. Questi sono comportamenti criminogeni che aprono la strada ai guadagni dei privati.Propongo di considerare lo spreco del denaro pubblico un crimine. I politici sono il cancro. Liberiamocene e guariremo .

    1. Scritto da Damiano

      Sì, sono completamente d’accordo: quando Rizzo e Stella, nei loro libri, documentano la creazione di comunità montane in località balneari, quando documentano che, con dei cavilli, si rende più conveniente regalare soldi ai partiti politici, piuttosto che ai bambini lebbrosi, cosa abbiamo davanti? Comportamenti criminogeni! Mi chiedo, con tutte queste “canagliate” documentate, cosa aspetti la magistratura ad intervenire.

  3. Scritto da Tutto inizia quando...

    …l’Ospedale non ha i 15 milioni per costruire i parcheggi perciò ne cede gratuitamente per 50 anni la proprietà alla Provincia che si impegna a costruire 2300 posti di cui 1200 riservati all’Ospedale.
    La Provincia aggiudica la gestione dei parcheggi per 30 anni all’Imprima di Villa di Serio (capofila della BHP tra cui c’è la Cogestil del gruppo Percassi).
    La BHP riscuoterà 30 rate di 700 mila euro/anno dall’Ospedale che però ricaverà denaro dagli introiti della gestione dei restanti 1100 parcheggi.
    L’accordo con la Provincia prevede che gli incassi oltre la soglia di 1.400.000 euro/anno saranno così ripartiti: BHP 60% Ospedale 40%.

    1. Scritto da Damiano

      Quindi ecco gettata la maschera sui parcheggi a pagamento. Tante guerre (lavoratori ospedale e direzione dello stesso), soltanto per rispettare il “patto” con le imprese della cordata… Non c’entra nulla l’etica del parcheggio gratuito o no, per i dipendenti e i visitatori. Non c’entra nulla l’etica dell’incentivare l’uso dei mezzi pubblici e di lasciare a casa l’auto. Ecco perché è sorta la necessità, in uno spazio così ampio fuori città, per una struttura così “di bisogno” e non di svago, paragonabile a tante zone industriali della provincia con parcheggio libero, di far comunque pagare un parcheggio. C’è sempre un motivo a tutto, nella vita…

  4. Scritto da stefano b.

    i soldi sono pubblici, il parcheggio deve rimanere del pubblico anche se si paga; è assurdo che si debbano dare soldi ai privati che nell’edilizia pubblica già ci fanno le creste con i politici amici.

  5. Scritto da e

    Gent. redazione potete confermare quanto ci dice Katia, cioè che la gestione è Percassi’ Grazie

    1. Scritto da Ermes

      Prova a leggere sto articolo
      https://www.bergamonews.it/parcheggio-ospedale-il-tar-d%C3%A3%C2%A0-ragione-di-nuovo-allappaltatrice

  6. Scritto da carlo

    Bisognava sapere che la scelta da parte della Provincia del Project Financing avrebbe portato queste conseguenze ed altre come l’impossibilità di fissare tariffe politiche per degenti e parenti. Il Comune di Bergamo ha realizzato le opere previste attingendo al proprio bilancio. Ora qualsiasi decisione sul parcheggio si scaricherà sui cittadini.
    Oggi ho appreso che con il parcheggio saranno insediate anche attività commerciali. Ma sono previste negli strumenti urbanistici?

  7. Scritto da MAURIZIO

    La vicenda squallida dell’ospedale nuovo, intitolato a un Santo, dimostra che i politici della seconda repubblica sono canaglie disposte a qualunque cosa per il denaro e il potere. Dobbiamo liberarci dal cancro dei partiti politici. Questo ci guarirà, non un ospedale nuovo. Capite?

    1. Scritto da Damiano

      Lo dice lei, con le sue argomentazioni ed esposizioni impeccabili; lo dico io, a modo mio; lo dicono Rizzo e Stella nei loro libri-inchiesta, dove i fatti documentati, rasentano (per non dire che spesso lo sono) reati belli e buoni. Ma loro, i nostri politici, tirano dritti indisturbati per la loro strada. È disarmante, il livello di faccia tosta che hanno!

  8. Scritto da MAURIZIO

    Ipotizzo : la cessione dell’area parcheggio (comodato o vendita, non lo so) fa guadagnare qualche istituzione attraverso oneri, tasse o chissà cos’altro. Diranno… anche Malmoe e a Frankfurt fanno cosi. Siamo europei. E’ esatto, i politici locali e regionali sono canaglie europee.

  9. Scritto da MAURIZIO

    I politici stanno in piedi sullo spreco del denaro pubblico. Ne hanno bisogno per sopravvivere. Senza denaro pubblico sarebbero morti. E noi vivi. Lo SPRECO QUOTIDIANO NAZIONALE : ritardi nei lavori, opere non finite, progetti non realizzati, progetti al ribasso, investimenti finanziari illeciti, costi gonfiati, cause perse, varianti in corso d’opera, appalti agli amici, mazzette, procedure burocratiche ottocentesche… e molto altro. I politici sono il cancro del bilancio statale. Liberiamocene e guariremo.

    1. Scritto da muc

      L’obiettivo , da sempre, è quello di assicurare soldi provenienti dal pubblico nelle tasche dei privati, una parte dei quali rientra poi nelle tasche dei politici che li hanno procurati.

  10. Scritto da Asdrubale

    Quindi alla fine , dipendenti e parenti dei ricoverati non solo dovranno pagare profumatamente il parcheggio ma pure il ritardo !
    P.S. : Qualcuno sa di chi è la proprietà della Bergamo Hospital Parking ?

    1. Scritto da Tango

      Fai una ricerca su google immettendo i tre nomi della società’ ed esamina con attenzione tutti i link perlomeno fino alla decima pagina. Troverai due link molto interessanti. Anzi troverai pure qualcosa di Seriate. Penso che qualcuno che ha governato via Tasso sappia il chi come quando e quanto.

      1. Scritto da Asdrubale

        Grazie , ho ritrovato un articolo del ns buon bgnews
        https://www.bergamonews.it/parcheggio-ospedale-il-tar-d%C3%A3%C2%A0-ragione-di-nuovo-allappaltatrice

    2. Scritto da katia

      non importa la proprietà-che è comune e provincia- ma la gestione che è percassi,