BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’asilo nido “Levati” è a rischio chiusura

Una cinquantina i bambini ospitati nella struttura gestita da una società di capitali controllata dal Comune di Seriate. Sono 17 i dipendenti che potrebbero perdere il posto.

Più informazioni su

Rischia di chiudere le porte già dal prossimo anno l’asilo nido “Carla Levati” di Seriate. La struttura è gestita da una società di capitali interamente controllata dal Comune, la Sanitas Srl. L’amministrazione comunale dovrebbe prendere in esame quest’ipotesi nei prossimi giorni. A denunciare il rischio è Marco Brumana della Funzione Pubblica-Cgil di Bergamo, che sottolinea come “la scelta sarebbe frutto dell’applicazione dell’art. 4 della seconda manovra estiva del Governo Belusconi, articolo confermato, anzi peggiorato, da quanto previsto all’interno del Decreto Liberalizzazioni del Governo Monti”.

La disposizione prevede che gli enti locali prima di affidare a terzi un servizio pubblico di rilevanza economica debbano verificare la possibilità della sua gestione concorrenziale grazie al “mercato”.

“L’asilo nido ‘Carla Levati’ si è sempre distinto per la qualità del servizio e per la validità e la competenza della prestazione educativa offerta ai suoi piccoli utenti” continua Brumana. “Al momento, complice anche la crisi economica, sono presenti una cinquantina di bambini, mentre diciassette sono i dipendenti il cui posto di lavoro è a rischio. Costi eccessivi, dovuti soprattutto al personale, e disequilibrio economico nella gestione, sono gli ulteriori motivi che sembrano spingere verso la dismissione. Se si considera che il Decreto Liberalizzazioni dovrebbe rappresentare una capitolo consistente dell’operazione Cresci-Italia volta a rilanciare l’economia e ad aumentare l’occupazione, è curioso che uno dei suoi primi effetti sia quello di mettere in discussione altri posti di lavoro e di contribuire allo smantellamento ulteriore del sistema di welfare esistente. Curioso è anche che le amministrazioni che per prime paiono dare applicazione alla citata normativa siano proprio quelle gestite dalla Lega Nord, pur tenacemente avversa al Governo Monti”.

Una vicenda analoga, infatti, sta mettendo a dura prova la gestione dell’asilo nido da parte del Comune di Dalmine.

“Curioso, infine” conclude Brumana, “è il fatto che la citata disciplina non rappresenti nient’altro che la riedizione, peggiorata, dell’art. 23bis del D.L.112/2008, esattamente l’articolo abrogato dal referendum popolare contro la privatizzazione dell’acqua. Per parte nostra, come Fp-Cgil, siamo disponibili a discutere di soluzioni, sia strutturali che temporanee, per migliorare la redditività del servizio, ma siamo contrari al fatto che un servizio pubblico di qualità venga dimesso in favore non si sa di quale alternativa offerta da parte del privato, anche in considerazione del fatto che è tutt’altro che pacifica la qualificazione del servizio di asilo nido quale servizio pubblico di rilevanza economica. A distanza di qualche mese, infine, suonano stonate le dichiarazioni di quella mamma che si lamentava di aver trovato chiuso il nido di Seriate (l’avviso era stato affisso qualche giorno prima) per la partecipazione allo sciopero generale indetto dalla Cgil. Lo sciopero era stato dichiarato esattamente contro l’ennesima manovra del Governo Berlusconi e a difesa dell’occupazione e dei servizi pubblici. Quella mamma faceva notare la ‘posizione lavorativa di chi ha scioperato: tutti assunti a tempo indeterminato con contratto per Enti locali’ definendoli ‘categoria privilegiata’ con ‘posto sicuro e stipendio garantito!’. Ora il rischio per quella mamma è di trovare il nido di suo figlio chiuso tutti i giorni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Valentina

    Non trovo cosi disdicevole il fatto che la società controllata dall’Amministrazione di Seriate chiuda l’asilo.
    Essendo una società, ha la responsabilità e l’obbligo di tenere aperto il servizio se ci sono degli utili, non vedo perchè deve sopportare i costi elevati della gestione di una struttura che di per sè è costosa solo a guardarla.
    Se sono le famiglie dei bambini extracomunitari a pagare la retta più bassa andando nel privato dovranno adeguarsi ai costi previsti.
    Sul territorio di Seriate ci sono molti asili nidi privati che offrono allo stesso prezzo dell’asilo nido comunale una accoglienza maggiore come il servizio anche al sabato e alla domenica.

  2. Scritto da daniele valota

    L’asilo nido del comune di dalmine,paga il fatto che una normale famiglia con padre e madre lavoratori ,residenti paga la mensilità in terza fascia per mantenere tutti gli extracomunitari che sono in prima facia,cosi facendo non è più concorrenziale con gli asili nido privati che rimangono aperti anche durante le vacvanze scolastiche e costano uguali .

  3. Scritto da pinco

    Sindaco Saita batti un colpo ma soppratutto una mea culpa, lo sai che la lettera di protesta per lo sciopero dei dipendenti si dice partita dal tuo comune

  4. Scritto da Francesco

    Sindaca Saita, se ci sei batti un colpo….