BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contro i furti la “nebbia” che acceca i ladri video

Ha già fatto parlare di sé a Bergamo e provincia con almeno quattro colpi sventati, come raccontano le cronache, l'innovativo dispositivo di sicurezza che, creando una spessa nebbia, impedisce ai ladri di orientarsi e quindi di effettuare il colpo.

Più informazioni su

Occhio non vede, cuore non duole. I vecchi detti la sanno lunga, seppur chi li ha coniati originalmente non poteva prevedere come certe massime sarebbero state sfruttate: in questo caso si parla del sistema nebbiogeno di sicurezza, un dispositivo per prevenire i furti che negli ultimi mesi ha già fatto parlare di sé a Bergamo e provincia con almeno quattro colpi sventati, come raccontano le cronache. Si tratta di un concetto rivoluzionario di antifurto; anzi, appunto del “primo vero antifurto messo in commercio finora” a detta dei due bergamaschi che hanno contributo a svilupparlo – nonché distributori e installatori certificati del sistema –, i cugini Daniele e Matteo Von Wunster della ‘Von Wunster Allegri Antifurto’, con sede a Bergamo in via Zanica.

L’affermazione dei due cugini pare molto ambiziosa, ma tale ambizione viene supportata appieno dai fatti. “Le tipologie classiche di antifurto agiscono in modo passivo, dando l’allarme e avvisando le autorità” spiega Daniele Von Wunster “tuttavia non impediscono ai ladri di raggiungere il loro obiettivo, approfittando del tempo di reazione di proprietari, vigilanti e polizia. Anzi, proprio per sfruttare questa finestra temporale, i malintenzionati sono diventati sempre più veloci, il colpo medio dura meno di due minuti. Il nebbiogeno, invece, entra in gioco direttamente per evitare il furto alla radice. Nel momento in cui scatta l’allarme, il sistema immette una densa nebbia che crea una barriera fumogena in pochi secondi: il ladro, a quel punto, non riesce ad individuare visivamente il suo obiettivo ed è costretto alla fuga a mani vuote prima di smarrirsi nella coltre di nebbia artificiale, pena la cattura”.

Dal punto di vista tecnico, il sistema nebbiogeno è costituito da uno o più dispositivi che iniettano nell’ambiente un fluido che crea una nebbia asciutta – che quindi non danneggia dispositivi elettronici ed arredi – ed impenetrabile, tale da non vedere neppure la luce solare proveniente dalle finestre in una giornata di solleone; il fluido è anche innocuo per persone e animali. I sistemi nebbiogeni possono essere installati ovunque in maniera personalizzata, calibrando i dispositivi su misura per un determinato ambiente in modo da massimizzare l’efficacia; possono essere inseriti in una parete o nel soffitto, visibili o celati da una copertura.

“Il sistema nebbiogeno è l’ideale moltissimi locali, privati e pubblici” spiega Matteo Von Wunster “Lo abbiamo installato in outlet di abbigliamento, in gioiellerie, in sale gioco, in tabaccherie, in bar, in concessionari d’auto, nelle sale server delle aziende, in studi orafi ed in abitazioni private. Contiamo un totale di 70-80 installazioni in tutta Italia, di cui varie in Bergamo e provincia, come la pellicceria di piazza Dante”. Dati e registrazioni di telecamere di sicurezza riguardo ai furti sventati alla mano, il sistema nebbiogeno funziona. Locali e attività commerciali abitualmente obiettivo di ladri sono stati liberati dall’incubo dei furti ricorrenti. In Bergamasca sono già stati sventati quattro furti documentati, ma questo numero non rende giustizia all’effetto deterrente che l’impianto provoca: segnalato da apposite etichette di avvertenza, scoraggia i malintenzionati ancor prima di tentare la rapina.

“In una registrazione di sorveglianza” spiega Daniele, mostrando il filmato in questione “il nebbiogeno si è attivato prima che i ladri potessero tentare di sfondare il vetro o di scardinare la serratura, intimidendoli e allontanandoli senza che avessero fatto danni. Questo è il risultato ottimale a cui miriamo”. Grazie a questi effetti positivi, varie compagnie assicurative riconoscono una riduzione del premio assicurativo a coloro che hanno un nebbiogeno installato. “Il sistema nebbiogeno è già in commercio in Italia da qualche anno, ma è poco conosciuto nonostante la sua efficacia” constata Matteo “In particolare, sono pochi i privati che lo hanno, nonostante costi accessibili di acquisto e installazione, con il dispositivo più piccolo sui 1.600 euro”. Il sistema nebbiogeno sembra così delineare una nuova frontiera per la prevenzione dei furti, neutralizzando in maniera efficace l’atto criminoso cancellando le possibilità di svolgimento dello stesso: un modo per proteggere le proprie attività e le proprie abitazioni dei bergamaschi, che così possono dormire sonni tranquilli.

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Jennifer

    ho avuto modo di sperimentare il nebbiogeno e ritengo a viva voce che sia una soluzione assolutamente innovativa ed efficace. Molte delle mie conoscenze che l’hanno installato hanno registrato danni solo nella serratura perchè i ladri non hanno potuto far altro che scappare poichè totalmente disorientati ed totalmente impossibilitati nel compiere furto o danni.

  2. Scritto da gio

    aumentare le forze dell’ordine e dare un po’ di importanza alla giustizia magari prima?
    sempre a curare e mai a prevenire.

    1. Scritto da Willy

      Il sistema aiuta proprio le forze dell’ordine…la nebbia rimane nei locali per 40 minuti dando il tempo a loro di intervenire proteggendo i beni dal furto

    2. Scritto da gianlu

      Si parla di un prodotto e di un imprenditore, cosa c’entra?