BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, Gorno al setaccio, si cerca ancora il figlio illegittimo

Inquirenti concentrati sulla Val del Riso, prelievi del Dna anche a fine gennaio: non a caso, rivela Quarto Grado. Nella zona molti parenti del ragazzo che frequentava la discoteca. Il dubbio: forse c'è un parente nascosto.

Più informazioni su

Non c’è nessuna nuova pista. Solo un Dna, tra quelli parzialmente corrispondenti al profilo genetico isolato dagli slip di Yara Gambirasio, ha attirato fino ad ora e in modo deciso l’attenzione degli inquirenti. Si tratta del profilo genetico del ragazzo bergamasco (e con cognome bergamasco doc) che frequentava la discoteca di Chignolo d’Isola. Ed è da quel profilo che gli investigatori sono saliti fino in Val del Riso, per la precisione a Gorno, dove il giovane ha molti parenti: ecco perchè da novembre, almeno in un paio di occasioni, è emersa la notizia di una forte attenzione degli inquirenti sulla vallata bergamasca. A darne notizia, nella serata del 17 febbraio, è stata la trasmissione Quarto Grado, di Mediaset. Ma ci sono più dettagli. 

Almeno un centinaio di persone, in quel paesino, è stato sottoposto al prelievo del Dna, finora senza risultati. E anche un prete della zona, parente alla lontana del ragazzo, ha lasciato agli inquirenti il suo profilo genetico. I prelievi, secondo Quarto Grado, sono proseguiti fino a fine gennaio ed è possibile che siano ancora in corso. Ma non si intravedono risultati concreti. E si spiega un altro dettaglio già emerso. A causa della battuta "di caccia" andata vuoto in Val del Riso, basata su un Dna ritenuto sospetto, alcuni investigatori si sono convinti che, tra i parenti vicini e lontani di quel ragazzo frequentatore della discoteca, potrebbe esserci qualcuno che ha avuto un figlio illegittimo, quindi un figlio che non corrisponde anagraficamente, per cognome, allo stesso gruppo familiare. Impossibile trovarlo, se non tentando la strada più difficile e dispendiosa: continuare a raccogliere profili genetici.

Sono stati almeno cinque in un anno, come ha raccontato un investigatore, i profili genetici prelevati e parzialmente corrispondenti a quello che c’era sugli slip della ragazzina. Ma a quanto pare, dopo le ultime rilevazioni di Quarto Grado, solo uno ha attirato l’attenzione degli inquirenti. E’ un filone d’indagine concreto? Davvero nel parentado, legittimo o illegittimo, del giovane che andava in discoteca, c’è l’assassino? O è l’unica traccia che merita un approfondimento, senza grande ottimismo? Tanti dubbi, oggi come mesi fa, restano in sospeso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.