BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Comune: “L’auto blu riduce altri costi”

Le quattro auto blu di Palazzo Frizzoni "acquistate nel 2008. Oggi valgono circa 15 mila euro l'una. Ma non abbiamo le auto di alta rappresentanza".

Più informazioni su

Il Comune di Bergamo interviene dopo la pubblicazione dell’articolo che riporta i dati ministeriali della Funzione pubblica in merito alle auto blu. Tutti i dati su tutti gli enti locali sono disponibili sulla pagina ministeriale realizzata dall’istituto Formez-Pa. Ecco l’intervento del Comune di Bergamo: 

Il censimento dei mezzi di servizio delle P.A., promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica, si è ripetuto con diverse modalità nel 2009, nel 2010 e nel 2011.

Il Comune di Bergamo ha sempre risposto in modo completo e trasparente. Nel passaggio da un’edizione all’altra il Dipartimento FP, supportato dall’Istituto Formez-PA, ha meglio precisato i criteri di individuazione tipologica dei mezzi detenuti dalle pubbliche amministrazioni, riferendoli da un lato alla classificazione prevista nei vari commi dell’art. 54 del Codice della Strada (trasporto persone, promiscuo, autocarri, mezzi speciali, rimorchi ecc.) e concentrandosi, nel censimento 2011, sulle sole autovetture per il trasporto di persone, suddivise in “auto blu blu di rappresentanza” assegnate in uso esclusivo ai vertici delle P.A., “auto di servizio blu” disponibili a richiesta e non in esclusiva per il trasporto di amministratori, dirigenti e funzionari ed “auto di servizio grigie” a disposizione di uffici e/o settori.

Il dato complessivo di 241 mezzi censiti presso il Comune di Bergamo, riferibile all’edizione 2010 del censimento, va scomposto nelle seguenti varie tipologie di mezzi: n. 28 motocicli di servizio in genere in dotazione alla Polizia Locale, n. 86 autovetture e furgoni assegnati al Corpo di Polizia locale, n. 66 autovetture assegnate ai vari uffici e servizi del Comune e dell’Istituzione, ulteriori 61 mezzi ripartiti nelle restanti tipologie quali vetture per uso promiscuo, furgoni, autocarri, mezzi speciali, rimorchi, ecc., per gran parte assegnati ai vari Servizi Economali, dei Lavori Pubblici e Cimiteriali.

Delle 66 autovetture per il solo trasporto di persone, sulle quali si è concentrato il censimento 2011, nessuna auto appartiene  alla tipologia “auto blu blu di rappresentanza” (che sono quelle a disposizione esclusiva di singoli amministratori o dirigenti), 62 sono “auto grigie” secondo la classificazione del censimento, mentre solo 4 sono “auto blu a disposizione”, utilizzabili a richiesta per il trasporto di amministratori, dirigenti e funzionari o per la effettuazione di consegne urgenti di documenti presso varie autorità locali o in ambito regionale.

Tali auto sono state acquistate nell’autunno 2008 ed erano già mezzi usati. Oggi valgono 10/15 mila euro cadauna. L’uso delle 4 berline “auto blu a disposizione” è costantemente monitorato nelle modalità di richiesta e nei costi di gestione, drasticamente ridotti con il passaggio a fine 2008 dal leasing di mezzi nuovi all’acquisto di mezzi in proprietà sul mercato dell’usato.

In ogni caso il ricorso all’”auto blu a disposizione” consente una forte riduzione dei tempi di trasferta (e quindi di assenza dagli uffici) e, consentendo quasi sempre il rientro in giornata, evita la gran parte delle spese di vitto e pernottamento in altre città. Nell’ambito della “spending review” in avanzato corso, si sta valutando l’opportunità di vendere una o più di tali auto, ma sta emergendo la scarsa convenienza dell’operazione perché il rimborso chilometrico che spetterebbe in alternativa ad amministratori, dirigenti e funzionari appare ad un primo esame più oneroso.

In conclusione, ferma l’oggettiva necessità delle cosiddette auto grigie (basti pensare alla Polizia Locale, ai lavori pubblici, alle manutenzioni e ai servizi cimiteriali), è confermata l’assenza di auto “blu blu” secondo una consolidata tradizione bergamasca di buona amministrazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Jumbo

    Cerchiamo di capirci . Per me l’autoblù e l’auto di rappresentanza sono quelle con autista e devono essere limitate ai massimi vertici dello stato , delle forze armate e della giustizia. Quindi devono essere pochissime. Altra cosa le auto di sevizio (mai con autista !) che possono al limite anche essere assegnate se si supera un determinato kilometraggio per lavoro. Diversamente si usano altre forme (nota spese , noleggio ecc) . Naturalmente il tragitto casa-lavoro non è mai un tragitto di “lavoro” , non è ammesso neppure fiscalmente. L’auto come benefit, come accade spesso per i dirigenti del “privato”, nel pubblico non è applicabile, sarebbe un massacro.

  2. Scritto da cittadino

    SIcuramente la gestione delle auto nel comune di Bergamo è fatta con la massima oculatezza possibile.
    Però non esistono solo le alternative DI auto blù o auto propria per piccole trasferte, esistono anche le auto noleggio corto termine.
    Le grandi aziende hanno l’auto solo per chi fa molti km l’anno e anche in questo caso usano la formula del full leasing e non della proprietà, se il kilometraggio è basso conviene dare il rimborso kilometrico oppure il noleggio corto termine (a seconda del kilometraggio e della durata del viaggio).
    Qundi il possesso delle auto da parte del comune non diminuisce minimamente il costo delle trasferte (hotel o pasti).

  3. Scritto da Ranger

    La giustificazione fornita è peggio del fatto in se stesso !

    1. Scritto da paolin

      Ok, Ranger; tu allora cosa proponi, di concreto fattibile e dimostrabile? Ah, bada che se non rispondi ti qualifichi agli occhi di tutti come uno che si lamenta e basta

  4. Scritto da Orgoglio PA

    A tutti i cippa lippa che fanfaronano sulle auto blu del Comune di Bergamo gradirei chiedere: chi evade? I privati o la pubblica amministrazione? Chi tarocca i bilanci per pagare meno tasse? I privati o la pubblica amministrazione? Chi sono gli abusivi? Da chi viene l’illegalità? Chi elude le tasse?

    1. Scritto da Cippalippa

      Pensare che nella PA c’è gente che fa ragionamenti come il tuo è drammatico. Che cavolo c’entra ? La PA è pagata dai cittadini che hanno tutto il diritto di chiedere efficienza gestionale e che non vi siano eccessi o sprechi. Nella PA c’è tanta gente che fa il proprio dovere ma gli sprechi in troppi settori sono diventati intollerabili

      1. Scritto da paolo

        Se solo i cittadini in regola (non evasori, non abusivi, non illegali) avessero il diritto di chiedere efficienza, probabilmente questa ci sarebbe già nel sistema Italia. Il problema è che, invece, in Italia si straparla sempre e chi straparla è pieno di scheletri nell’armadio.

      2. Scritto da Damiano

        Inoltre nella PA (vertici e politici), si ha il potere di legiferare o influenzare leggi, compensi e spese a propria discrezione. Non è da tutti, potersi stabilire autonomamente il proprio stipendio e i propri tetti di spesa “per legge”, con i soldi degli altri (quindi non figurare tra i disonesti e gli evasori); ma anche non figurandovi, è palese agli occhi di tutti che certe storture sono “interessate”, alla faccia dei cittadini e dei loro soldi…

        1. Scritto da vero?

          perchè i cda delle banche non si stabiliscono gli stipendi da soli, vero? senza limiti peraltro

          1. Scritto da Damiano

            Secondo me, i cda delle banche non usano soldi pubblici, e questo è profondamente differente dal settore pubblico. Certo, poi se volessimo fare un discorso filosofico, le direi che anche le banche, campano sui soldi dei clienti, ma qui, il cliente può scegliere quale banca avere (non può invece scegliere quale Stato o apparato pubblico avere). Nel settore pubblico, devo prendere quello che passa il convento. E a quanto pare, il convento ha passato ogni limite, se siamo conciati così…

  5. Scritto da Zorro

    C’è molta verità in quei dati, c’è la consapevolezza che 4 auto sono anche troppe, ma c’è anche da dire, che forse l’autobus potrebbe costare di più ! Gli sprechi sono ben altri e si potrebbe fare di più, ma noi non siamo così messi male e soprattutto qualche testolina che funziona l’abbiamo.
    F.to zorro

  6. Scritto da Panara

    ma queste auto blù non saranno mica come gli alloggi del comune ?

  7. Scritto da cua de paja

    Per “consentire una forte riduzione dei tempi di trasferta ed evitare la gran parte delle spese di vitto e pernottamento in altre città” suggerisco di permutare le auto con CAMPER BLU .
    Ma ci credetete degli allocchi? Sappiamo leggere e fare i conti!
    Speriamo di vedere presto pubblicati anche i 730 e le consulenze

    1. Scritto da Basta demagogia

      Ma scusa, nel settore privato, non vengono forse rimborsate le trasferte ai dipendneti?

      1. Scritto da Renzo

        E’ ovvio, ma non girano con qualcun altro che la guida

    2. Scritto da Basta demagogia

      Ma scusa, nel settore privato, non vengono forse rimborsate le trasferte ai dipendneti?

  8. Scritto da Andrea FLI Bergamo

    ….ma per favore!!!

    1. Scritto da roberta

      Signor Andrea del FLI, le ricordo che il suo capo e il suo partito hanno sostenuto ININTERROTTAMENTE per 17 anni l’alleanza di Bossi e Berlusconi. Ora la legge dell’equità vi imporrebbe 17 anni di silenzio, prima di poter parlare nuovamente.

    2. Scritto da PIO

      DA CHE PULPITO LE RICORDO CHE SE ESISTE OGGI QUALCUNO CHE NON MOLLA LA POLTRONA E’ PROPIO LUI IL CARISSIMO FINI MA DI CHE PARTITO E’???????

  9. Scritto da mauro

    sono talmente falsi che cercherebbero di convincerci che la neve è rossa….peccato che i cittadini sono arrivati al limite…e se le cose non cambiano alla svelta finisce come con maria antonietta in francia (i cittadini non hanno più pane? dategli brioches……) e sappiamo tutti com’è andata a finire…..

  10. Scritto da Sconcerto

    L’auto blù consente il rientro in giornata e quindi di evitare le spese dell’albergo ? MA DI COSA STATE PARLANDO ?
    Il rimborso kilometrico appare più oneroso ? Allora suggerisco le autoblù anche alla mia azienda privata !!!!

    1. Scritto da Auto aziendali

      Ma scusa, nel settore privato, le aziende non hanno forse intestati degli automezzi? Le famose auto aziendali….. Oppure sono gli automezzi del padrone scaricati, come costi, sull’azienda?

      1. Scritto da cittadino

        Nel settore privato, parlo di grandi aziende, le aziende non comprano auto ma usano la formula del full leasing (con card magnetica per il rifornimento di carburante) e le assegnano ai propri dipendenti solo in casoi di kilometraggio elevato.
        In caso di trasferte brevi conviene il rimborso kilometrico o il noleggio corto termine, a seconda del kilometraggio e della durata del viaggio.

        1. Scritto da basta demagogia!

          La sostanza non cambia: sempre di auto blu aziendali si tratta.