BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Benvenuto al nord Storia di un segretario comunale

“Giù al nord”: stalle, dialetto e strade sterrate. Libro verita’ di un segretario comunale meridionale Trasferito al nord. Sabato 18 febbraio, alle 10 ad Almenno San Bartolomeo

“Giù al nord”: stalle, dialetto e strade sterrate. Libro verita’ di un segretario comunale meridionale Trasferito al nord.

Sabato 18 febbraio, alle 10 ad Almenno San Bartolomeo alla presenza del Prefetto di Bergamo Camillo Andreana, viene presentato il libro di Francesco Lamberini che parla di quando il Nord era ancora un po’ Sud.

“Giù al Nord: stalle, dialetto e strade sterrate: un segretario comunale racconta”(Ed. Tecnograph, Bergamo), è il titolo del libro verità di Francesco Lamberini, giornalista de L’Eco di Bergamo, di un segretario comunale di Ariano Irpino, che 50 anni fa fu assegnato a un Comune del Nord.

Un libro che ha suscitato curiosità a Bergamo tanto da meritare la prefazione del Prefetto, Camillo Andreana (anche lui oriundo campano finito Giù al Nord).

Il libro sarà presentato sabato 18 febbraio, alle 10 in sala consiliare di Almenno San Bartolomeo, paese del profondo nord bergamasco dove inizia la storia di Crescenzo Purcaro, protagonista del racconto, negli anni del Boom economico, in una realtà ancora da “Albero degli Zoccoli”.

“Il sindaco mi faceva da interprete nei consigli comunali dove si parlava solo in bergamasco”, si legge nel libro. In un paese dove a possedere un’auto erano tre persone: un bergamasco, il sindaco, e due meridionali: il segretario comunale e il medico condotto (siciliano).

Curioso l’episodio del matrimonio, che sembra uscito dal copione di Benvenuti al Nord. Nel 1965, una delegazione di bergamaschi calò al Sud per salire a Montevergine (Avellino), dove si celebrò il matrimonio (con una ragazza di Bari) del segretario comunale. Testimone di nozze, il sindaco orobico. Tra uno stuolo di irpini e pugliesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Aristide

    C’è un rapporto di parentela tra il segretario comunale di Almenno s.B. Crescenzo Purcaro del quale il libro recensito narra le vicissitudini e il segretario comunale di Treviglio Antonio Sebastiano Purcaro (trattamento economico: 82.039,14 euro/anno, lordi)? Comunque, è ovvio che non è reato essere parenti.

  2. Scritto da A.Z. Bg

    È lui che è venuto qui da noi per una professione assolutamente inutile,centralista e antidemocratica e perdi più super pagata.Poteva restare dov’era se i bergamaschi sono brutti e cattivi.In Irpinia invece dove sono tutti bravi stanno ancora incassando il denaro del terremoto del 1980.