BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da salvare solo il risultato Ora chiarezza su Marino

Un’osservazione statistica è già un commento alla partita che è stata: il Genoa si presentava al Comunale con 18 reti subite nelle ultime 4 trasferte, mentre l’Atalanta non aveva ancora segnato in casa nel 2012.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

Un’osservazione statistica è già un commento alla partita che è stata: il Genoa si presentava al Comunale con 18 reti subite nelle ultime 4 trasferte, mentre l’Atalanta non aveva ancora segnato in casa nel 2012. Per almeno un’ora abbiamo assistito francamente ad una partita brutta, ravvivata solo da due episodi: il legno di Denis che rispondeva alla traversa colpita in precedenza da Kucka e il solare fallo di mano non visto dal direttore di gara che doveva essere un calcio di rigore per l’Atalanta (a proposito, l’arbitro Doveri non è ancora da Serie A). Alla fine, però, le statistiche hanno sempre ragione, così un appena entrato Marilungo trovava l’angolino alla sinistra di un Frey completamente sorpreso. A nulla valevano le recriminazione del Marino allenatore del Grifone, abbiamo visto un Genoa piuttosto brutto, troppo lento e non giustificabile per la sola assenza di Gilardino. Insomma, una multinazionale di nuovi giocatori ancora senza una chiara idee di gioco.

Per l’Atalanta questi tre punti rappresentano una decisiva ipoteca alla salvezza finale, permettendoci di andare a Novara domenica sera senza affanni, pronti anche a concedere qualcosa ad un Mondonico presente in tribuna a vederci per l’ennesima volta, come se ancora avesse dubbi su come gioca l’Atalanta. In effetti lo schema tattico atalantino ha avuto in queste ultime partite una certa involuzione che non riusciamo a ben comprendere, senz’altro non positiva dal punto di vista del gioco espresso.

La migliore Atalanta dell’andata aveva nel suo dna il 4-4-1-1, con Moralez alle spalle di Denis. E per il sottoscritto rimane lo schema migliore con i giocatori a disposizione. In queste ultime partite Colantuono ha proposto uno strano 3-4-1-2 in casa con il Lecce, per poi passare, ieri sera, ad un nuovo 4-4-2 in cui Peluso stava poco più alto – quasi a ridosso possiamo dire – della grande sorpresa della serata, quel Carrozza chiamato a sostituire Moralez.

La partita con il Genoa ci ha lasciato di buono la vittoria, tre punti fondamentali e la certezza che l’esordiente Carrozza può starci anche in Serie A (con tanti saluti a Ferreira Pinto), mentre Gabbiadini ha dimostrato che, per ora, non pare essere pronto per il grande salto, almeno di fianco a Denis. Sono invece felice per Marilungo che è ritornato ad essere l’unica alternativa a Maxi Moralez, il quale o gioca con l’iniziale 4-4-1-1 d’inizio stagione, oppure se ne sta comodamente in panca. Sempre che il Marino atalantino non intervenga.

A proposito di Pierpaolo Marino, la Curva Nord ha sorpreso tutti con uno striscione che recitava: “Marino non scherzare, resta a Bergamo per farci sognare”, a conferma delle voci, da noi riprese per primi, che lo vorrebbero corteggiato da Fiorentina e da Inter.

E alla fine della gara, il direttore dell’area tecnica, assediato dalle varie televisioni, ha rilasciato dichiarazioni rassicuranti che, però, non ci hanno convinto del tutto, affermando che lo striscione della Nord se lo porterà nel cuore, ma aggiungendo anche che i contratti nel calcio servono a poco, giusto per ricordare di quando lasciò il Napoli nonostante il contratto di 5 anni che lo legava alla società partenopea. Marino ha anche elogiato la famiglia Percassi, definiti non inferiori ai Moratti, e ringraziato Bergamo e i suoi tifosi per avergli permesso di rilanciarsi.

Non ci resta che aspettare le prossime mosse: ora servirebbe un’uscita ufficiale della società, è questo che vogliono i tifosi, perché non puoi rinnovare il contratto a Colantuono e tacere su Marino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roberto Imola

    Grande passirani ! !! Un caro saluto da Imola

  2. Scritto da digeo

    Dobbiamo anche prendere atto del fatto che la storia di colantuono che non lancia i giovani è ormai davvero stucchevole. Il giovane da lanciare quest’anno, nelle opinioni di tutti, avrebbe dovuto essere gabbiadini. Senza volerlo bocciare o emettere giudizi affrettati, la prestazione dell’altra sera ha chiaramente spiegato perchè fino ad oggi colantuono non ha fatto giocare gabbiadini. Dobbiamo guardare il campo e abbandonare i luoghi comuni. I giovani vanno lanciati, se sono forti, quando sono pronti. E non si deve partire dal presupposto che il giovane è sicuramente forte.

  3. Scritto da uno qualunque

    Io non ho mai apprezzato questo allenatore per svariati motivi, ma quest’anno giu’ il cappello..27 punti (leggansi 33 al lordo della penalizzazione), meritano solo complimenti! Poi si discuta pure sul tipo di gioco e sulla gestione dei giovani, ma piu’ che dare demeriti al Genoa (tra i giocatori schierati cito solo Frey e Palacio…) darei i meriti ad una squadra solida che nelle ultime 4 gare ha preso solo 2 gol (a palermo, di cui uno su rigore..) Per il resto, trovo stucchevole da parte di chi poco piu’ di due settimane fa “perdonava” Padoin, aizzare una pseudo polemica sul contratto del DT..Si polemizzi sul fatto che piu’ emerge a Cremona e piu’ cala l’interesse dei media sulla vicenda…

  4. Scritto da digeo

    Ma scusi sig. cortesi, ma come fa a dire che marilungo deve giocare al posto di schelotto? Marilungo è una seconda punta, come moralez. O giochiamo con la difesa a 3 e il trequartista con due punte come con il lecce, e allora possono giocare sia marilungo che moralez, oppure uno sta fuori. Ma dire che marilungo deve stare in fascia al posto di schelotto, uno dei migliori in assoluto di tutta la stagione, mi pare davvero eccessivo. Ma colantuono cosa deve dimostrare ancora per essere considerato un eccellente allenatore? Ieri ha perfettamente azzeccato la formazione (chi avrebbe messo carrozza titolare??? facile parlare dopo) e tutti i cambi. Giù il cappello al mister.

    1. Scritto da nino cortesi

      Dietro si gioca a 4, con due dei difensori molto rocciosi che danno piena garanzia. Il gioco dell’Atalanta senza il metronomo, che ci deve sempre essere e che è Moralez, va venire, e lo dimostra tutto il campionato, i torcioni. Schelotto è un ottimo giocatore per la corsa e per la struttura fisica ma deve migliorare in coraggio quando si avvicina all’area avversaria ed in capacità di tiro. Far fare una partita al suo posto a Marilungo gli farebbe bene in tutti i sensi e penso che si vedrebbe bel gioco e gol. Gioco che ieri non si è visto per un’ora proprio per nulla. E questa Atalanta non doveva temere questo Genoa, anche con un arbitro che ne fa di tutti i colori.

  5. Scritto da nino cortesi

    Il risultato è oro. L’allenatore è però ancora carente in tante cose. Marilungo doveva essere subito in campo e doveva far giocare in alternativa o Dennis o Gabbiadini. Bene il fatto che in difesa giochino sempre i 4 Lucchini-Stendardo-Manfredini-Peluso. La formula giusta resta il 4-4-1-1. Ma Marilungo doveva essere in campo subito al posto di Schelotto. Moralez deve giocare in mezzo altrimenti è un REBELOTTO. Dennis e Gabbiadini si pestano i piedi. Prima gioca uno qualsiasi dei due e dopo entra a sostituirlo l’altro. Bonaventura purtroppo non ha nerbo. Incredibile che l’abbia fatto entrare prima di Marilungo. Coraggio possiamo farcela anche a Novara se non andiamo là troppo sicuri.