BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gruppo Pdl in Comune “Equilibri da rivedere”

Dopo il congresso del Pdl gli equilibri all'interno del gruppo cambiati e si attende una presa di coscienza del nuovo assetto. Prossimo passo indietro del capogruppo Petralia? Lorenzi: "Bisogna rivedere qualcosa".

Più informazioni su

Che fine ha fatto la verifica di mandato sbandierata dal capogruppo del Pdl Giuseppe Petralia prima del congresso di domenica 12 febbraio? L’incontro tra il gruppo consiliare e gli assessori si sarebbe dovuto tenere prima del voto, invece tutto è rimasto nel vago. E visti gli esiti della consultazione interna al partito è destinato a rimanerci. Niente più abbandono tout court della risalita e del parcheggio dell’ex parco faunistico come sostenuto dal capogruppo durante l’incontro con la stampa. Una boutade pre congressuale che a molti colleghi non è piaciuta. Petralia, sostenitore di Enrico Piccinelli, ha incassato una pesante sconfitta mentre il vice capogruppo Stefano Lorenzi ha fatto il pieno di voti ed ha contribuito al successo di Angelo Capelli. Gli equilibri sono quindi cambiati e si attende una presa di coscienza del nuovo assetto. Il sindaco Franco Tentorio cerca di gettare acqua sul fuoco. “Siccome fra poco dovrò incontrare tutta la maggioranza per illustrare la proposta di bilancio, penso che possa essere quella una sede per fare il punto della situazione – spiega -. Abbiamo bisogno di alcuni giorni”. Pur nel rispetto del ruolo del compagno di gruppo, Stefano Lorenzi confida in una presa di coscienza da parte di Petralia. “Sicuramente si dovrà rivedere qualcosa – commenta – non dobbiamo fare dispetti a nessuno. Però abbiamo visto tutti come sono andate le cose, quindi sarebbe opportuno prenderne atto. Se io mi rendessi conto di non essere gradito, farei un passo indietro. Tutto è da valutare in modo intelligente, con una discussione propositiva e costruttiva. La politica è come il tempo in montagna, tutto è possibile”. Sulle grandi opere Lorenzi ha idee ben diverse da quelle del collega capogruppo. “Abbiamo la risalita a un passo, sarebbe sbagliato abbandonarla adesso. Senza contare che dobbiamo rispettare le decisioni prese dai cittadini che hanno votato questo programma. Ci sono molte priorità, basta avere la volontà di raggiungere gli obbiettivi. Un esempio? La modifica del rondò dell’autostrada. E’ una roulette russa. Noi in pochissimo tempo abbiamo dato il via libera alla nuova sede dell’associazione Paolo Belli. E’ stata fatta una deroga al pgt e ora c’è l’ok. E’ la dimostrazione che se si vuole raggiungere un obbiettivo basta volerlo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ilaria

    I tre deputati sono i primi che dovrebbero fare un’analisi politica e capire che non hanno consenso. Abbiano almeno l’umiltà di riconoscerlo ed accetare le scelte di chi lavora sul territorio e costruisce la rete di lavoro e consenso. Altrimenti via!

    1. Scritto da DELUSIONE

      Hai ragione i Deputati dovrebbero avere la dignità politica di togliere il disturbo e cedere il posto a nuove leve della politica Orobica, Ma sappiamo che le poltrone sono sempre attaccati al sedere, è difficilmente se ne andranno via fino al termine della scadenza. Speriamo che almeno cambi la legge elettorale dove si possa rintrodurre la preferenza, i tre deputati bergamaschi non si candiderebbero in quanto hanno solamente i voti dei familiari, qualora riuscirebbero a convincerli di farsi dare il voto. A Casa

  2. Scritto da il gipeto

    il vero sconfitto ( anzi la vera sconfitta ) di questo congresso bergamasco è l’on. gelmini che tutti sanno aver imposto la candidatura di piccinelli che non piaceva nemmeno a saffioti e d’aloia . candidatura imposta per ragioni inconfessabili ma che dentro il pdl san bene perchè. La gelmini che nessuno si fila più a brescia ci ha provato a bergamo con scarso risultato. e petralia suo fido scudiero per ovvie ragioni di carriera subirà la stessa SORTE, fontana compreso…

  3. Scritto da "Non col vento"

    La risalita è un modesto, ma costosissimo ascensore, che collega via Baioni con il punto più baso del Complesso Monumentale-Universitario di Sant’Agostino e non rislove alcun problema di accesso a Città Alta.
    Un vero spreco di danaro pubblico, soprattutto in tempi di crisi.
    Sono ben altre le questioni legate alla mobilità che questa Giunta se ne guarda bene da affrontare. Da dove vine questo Lorenzi, da Bottanuco? Con il Non expedit certa gente non partecipava alla vita pubblica, che nostalgia!

  4. Scritto da Equazioni

    Equilibri da rivedere = Cadreghe da ruotare

  5. Scritto da ureidacan

    Questo vice capogruppo del Pdl (diventerà capogruppo?) dice “in poco tempo abbiamo dato il via libera alla nuova sede dell’associazione Paolo Belli”. Quindi secondo lui tutti i permessi a costruire rilasciati ai privati possono essere considerati come delle opere pubbliche realizzate dal Comune di Bergamo? Lorenzi, si faccia una bella ridiscesa a piedi da città alta!

    1. Scritto da Alberto

      probabilmente Lorenzi non diventerà capogruppo, troppo signore!!! ma che importa. Faccio i complimenti a Ureidacan o come caspita ti chiami per la tua presenza assidua, sei sul pezzo bravo …… ma proà a laurà……….???? Ma come puoi essere così fazioso e ottuso da strumentalizzare delle cose così serie, credo che la ridiscesa di città alta dopo una bella risalita nella speranza che ti si ossigeni il cervello ti sia veramente salutare e la debba fare tu. facci sapere ………….

      1. Scritto da ureidacan

        Senti Alberto, o come caspita ti chiami, riguarda alla mia occupazione, io lavoro ininterrottamente dal 9.12.1975. Siccome prima per hobby ho frequentato l’università ho riscattato anche quegli anni e ad oggi ho circa 42 anni di marchette, molte di più di quanto pretende Monti per andare in pensione. Siccome sono un lavoratore autonomo, un artigiano, posso permettermi qualche piccola pausa nella giornata. Soprattutto quando leggo delle “incredibilità” (si chiamano così?) da chi mi amministra.Per le opere pubbliche ci vogliono le palanche (il progetto della risalita è nel cassetto), per le autorizzazioni ai privati bastano i timbri.

  6. Scritto da nausea

    Cari pdellini vi ho votato ma ora mi avete nauseato, per il futuro il mio voto l’avete perso, vi manderei tutti a lavorare in fonderia, la gente è arcistufa delle vostre beghine per un pizzico di potere, vi manderei tutti a lavorare in fonderia. P.s. la risalita è proprio una porcheria!

    1. Scritto da Anto

      La prossima volta vota MOVIMENTO A 5 STELLE!… almeno cìè una speranzza in più. Cittadini in movimento.

      1. Scritto da red

        Il Movimento a 5 Stelle di Beppe Grillo? Quello che dice che è contro il dare ai cittadini stranieri il diritto di voto amministrativo piuttosto che la cittadinanza italiana ai bambini/ragazzi che passano una vita in Italia, vanno nelle nostre scuole, i genitori pagano le tasse come noi,ecc.? Quel Movimento lì? Quel Grillo lì? Non parlate di “cittadinanza in movimento” per piacere,siete solo dei qualunquisti e populisti come quelli della destra.

        1. Scritto da Anto

          Ti rendi conto che la tua risposta è frutto del populismo? izzare il popolo con questi falsi argomenti è populismo. Anzi,demagogia. Quel post idiceva che in questo periodo particolare non è priorità italiana dare la cittadinanza. Come spesso accade ci si ripulisce la coscenza con la carità. ..Forse l’integrazione non passa dalla cittadinaza. Quante volte ognuno di noi è stato a cena da un immigrato e la sua famiglia nell’ultimo mese?e con la cittadinaza cambierebbero le cose? parleremmo solo di un emarginato riconosciuto con diritto di voto. Sia chiaro, personalmente eliminerei tutti i confini del mondo.ma occorre un essere umano nuovo. Il M5S è una filosofia di vita in costruzione

        2. Scritto da Benny

          Il discorso sulla cittadinanza é molto complesso. Purtroppo gli italiani non fanno più figli. Se diamo la cittadinanza a tutti i nati da figli stranieri fra 30 anni noi e i nostri figli saremo una minoranza. E se poi facessimo la fine del Libano!!!
          Io non tifo per Beppe grillo ma su certi argomenti è più populista chi scrive come te. Le scelte sbagliate della politica, i rapporti catto comunisti hanno portato il debito che oggi abbiamo sulle spalle.
          La sinistra e i sindacati sono stati la rovina d’Italia.
          Fiero di aveva una filosofia di destra vi saluto

  7. Scritto da luca

    ritengo che Petralia abbia fatto il suo corso ed è giusto che le venga revocata dal partito la responsabilità di capogruppo, poichè secondo me non rappresentativo di un gruppo coeso e compatto!

  8. Scritto da Rimpastino SìSìSì

    Io rivedrei anche qualche Assessorato tipo:
    CECI e D’ALOIA
    (e magari anche la Foppa)

    1. Scritto da Laura

      e allora facciamolo anche in provincia sto rimpastino.. ah no giusto le poltroncine ai ciellini non si toccano! è così che vogliono “sistemare” il partito? cominciamo bene!

  9. Scritto da millo

    mi sembra il minimo che petralia si faccia da parte