BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Colantuono può sorridere: “E’ la vittoria della pazienza”

Il tecnico nerazzurro non commenta il rigore non assegnato all'Atalanta e incorona Marilungo: "E' stata la sua serata, sono contento per lui. Ora pensiamo alla battaglia di Novara".

Più informazioni su

E’ raggiante Stefano Colantuono al termine del match vinto dai suoi contro il Genoa: "Era una partita difficile – ha attacato il tecnico di Anzio -, siamo stati bravi a portarci a casa i tre punti. Loro sono venuti qua con un 4-5-1 che ci lasciava pochissimi spazi: se fosse finita come contro il Lecce non mi sarei stupito. Quella conquistata contro il Genoa la potremmo definire la vittoria della pazienza".

Dall’analisi del match si passa poi a quella della gara di Manolo Gabbiadini, uno dei nerazzuri più attesi alla vigilia: "Manolo non ha giocato una brutta partita – ha spiegato Colantuono -, anche se è chiaro che l’intesa con Denis va migliorata, assolutamente. Il ragazzo, però, ha bisogno di crescere in pace. Finora ha avuto il suo spazio e da qui alla fine ne avrà altro: lasciamolo tranquillo".

Su Marilungo: "E’ stata la sua serata, sono contento per lui, anche se a me Guido non era dispiaciuto nemmeno domenica contro il Lecce. Sarà lui la spalla di Denis d’ora in poi? Nessuno può dirlo – ha risposto il tecnico di Anzio -. Qua di titolari fissi non ce ne sono, e questo discorso vale per tutti, non solo per Marilungo".

Il tecnico non vuole parlare di torti arbitrali, dribblando brillantemente le domande sul calcio di rigore non assegnato ai suoi: "Preferisco non commentare quell’episodio – ha tuonato -, pensiamo piuttosto ai tre punti che abbiamo conquistato. Per noi si tratta di una vittoria importantissima per morale e classifica: non fatemi pensare a dove potremmo essere senza penalizzazione".

Infine una battuta sulla gara di domenica, quando i nerazzurri saranno chiamati all’esame Novara: "Sarà una battaglia – è stato il commento di Colantuono -, una battaglia per la quale noi ci faremo sicuramente trovare pronti. Mondonico è venuto a studiarci? No, non penso. Piuttosto credo che sia venuto a vedere una partita come tante: conosce l’Atalanta meglio di me, non deve studiare nulla di noi".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    E non parliamo di Moralez fuori o fatto giocare sull’esterno. Questo sarebbe sufficiente per farti cambiare mestiere.

  2. Scritto da nino cortesi

    Abbiamo vinto nonostante hai fatto entrare Bonaventura, lasciato fuori quasi tutta la partita Marilungo e fatto giocare contemporaneamente Dennis e Gabbiadini che insieme si pestano solo i piedi essendo entrambi giocatori che puntano sempre verso il centro dall’area. Per furtuna che ghè Marino che continua ad approvvigionarti di giocatori tutti validi. Non ne canna neanche uno. Per un’ora ci hai fatto venire i turciù!