BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Capobianco, la felpa sartoriale Made in Bg

La Duelle di Zanica, fondata nel 1985 da Marco Lorenzi ha dato vita nel 2008 al brand "Capobianco". Un marchio che ha registrato nel 2011 una crescita del 70% del fatturato.

Più informazioni su

Il nome del marchio, Capobianco, è preso in prestito dall’omonima spiaggia all’Isola d’Elba. La creatività e la lavorazione però è tutta bergamasca. Nasce infatti dalla creatività di Marco Lorenzi, titolare della Duelle Industria di Zanica. Reduce dai recenti successi di Pitti a Firenze, il brand dello scarabeo che ha fatto della “felpa sartoriale” il suo tratto d’eccellenza, rispetto al 2010 registra un fatturato totale di un milione e 700mila euro, in crescita del 70% con risultati simili anche in Italia, Olanda e Germania.

Un risultato che lascia ben sperare per il futuro, così come l’aumento del numero di clienti che, a conferma delle previsioni, si attestano sui 200 punti vendita di cui 150 in Italia. E le previsioni per il 2012 parlano la lingua dell’ottimismo: non solo la crescita totale ipotizzata è del 50%, ma anche le intenzioni di consolidare le posizioni acquisite è realistica. Particolare attenzione sarà dedicata soprattutto al mercato francese e Giapponese che riservano ancora importanti margini di crescita.

“Le ambizioni per il futuro – commenta Marco Lorenzi, titolare della Duelle Industria di Zanica cui fa capo il brand – vanno nella direzione dell’internazionalizzazione attraverso la distribuzione verso paesi come Spagna, Germania, Giappone e USA. Tra i nostri obiettivi ci sono anche la conferma della nostra presenza ai prossimi Pitti Immagine Uomo e Designer Collectives e, nell’arco di un quinquiennio, l’apertura di un monomarca. Riteniamo inoltre importante per l’azienda confrontarsi e stringere collaborazioni con università e atenei che facciano dell’universo moda il loro centro. Aprirsi ad iniziative e progetti che coinvolgano gli stilisti di domani è per noi un must. Mettere in circolo le idee ed investire nella creatività, del resto, sono i fondamenti della nostra filosofia di stile e le basi su cui continuare a crescere”. Insomma per la squadra della quindicina di dipendenti della Capobianco a Zanica le prospettiva di crescita non mancano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco

    Grande marco,
    ti faccio i miei più sinceri complimenti
    UN AMICO DI VECCHIA DATA