BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“A scuola saresti salito sul banco con la moto”

Messaggi di cordoglio da più parti del mondo e dagli amici di un tempo per il campione bergamasco di trial Diego Bosis, uno dei migliori in assoluto della Penisola, stroncato da un infarto su un treno a Milano.

Più informazioni su

"Dècès de Diego Bosis": titola così questa mattina (15 febbraio) la rivista francese Pitstop, una delle testate di motori tra le più importanti al mondo. Quel titolo è solo l’apice dell’onda di emozione e di cordoglio che la morte di Diego Bosis ha sollevato. Il campione bergamasco di Trial, originario di Valtesse, in città, ma che viveva a Paladina, è morto per arresto cardiaco sul treno che lo portava alla stazione di Milano Porta Garibaldi, nella mattinata di ieri. Da quel momento la notizia del decesso ha fatto il giro del mondo: in ogni angolo del pianeta gli appassionati di Trial sono tanti: quelle agili moto si adattano a tanti paesaggi, spesso anche artificiali per gare indoor. Come capita sempre più spesso i numeri offerti dalla rete Internet sono lo specchio dell’emozione collettiva, di quel che un fatto sa suscitare nel cuore di molti. E ai messaggi dei campioni o degli appassionati della disciplina motociclistica si sono affiancati di minuto in minuto, di ora in ora, anche i commenti degli amici di un tempo e di chi l’aveva incontrato fino a pochi giorni fa. "Campione di Trial e di vita, apri il gas come solo tu sapevi fare", scrive Lorenzo. "Ciao Diego, eri un mio compagno di classe e se avessi potuto saresti salito anche sul banco con quelle moto. Salutami il maestro mora e aiuta chi ti ama a superare lo strazio di questo momento, riposa in pace". E ancora: "Io che ho avuto il privilegio di conoscerti e di conoscere, la tua semplicita la tua determinazione ma sopratutto la tua grande umanità, proprio per il rispetto che ti ho sempre portato cerchero di ricordare sempre il tuo ricordo. Ricordo di un vero campione sulle piste ma sopratutto di un vero CAMPIONE nella vita. Ciao Diego". Decine di messaggi così. Chi ha vissuto come Diego Bosis ha costruito un suo mondo, fatto di fatica e di passione per uno sport mai banale e per nulla "normale" o semplice. Ed è in quei mondi che spesso servono sentimenti particolari. Tra tanti messaggi e tanta emozione sembra quasi di rivivere quel che accadde il 23 ottobre con la scomparsa di un altro grande delle due ruote: Marco Simoncelli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Demis

    Concordo con giacomina,un GRANDE come Diego andava ricordato con merito in tutte le tv nazionali,al pari del povero Marco!!

  2. Scritto da giacomina

    un grande campione della moto anti velocità ma neanche una parola sulle reti italiane per una grande persona stimata in tutto il mondo delle due ruote che ha sempre tenuto alta la stima dell ‘Italia nel mondo e la FMI non una parola non è così che si premia il merito .quando ai campionati mondiali o al trial delle nazioni a cui partecipava lui c’era una grande attenzione e rispetto per la squadra italiana che era seguita da tutto il pubblico