BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Colantuono rinnova Marino ancora no: andrà alla Fiorentina?

Di solito queste sono le partite che finisci per perdere, quindi ben venga questo pareggio che alla fine non ci premia perché due incredibili pali li abbiamo colpiti noi, mentre dall'altra parte del campo il Lecce non ha tirato in porta.

Più informazioni su

di Luciano Passirani

Di solito queste sono le partite che finisci per perdere, quindi ben venga e accettiamo questo pareggio a reti inviolate che alla fine non ci premia perché due incredibili pali li abbiamo colpiti noi, mentre dall’altra parte del campo il Lecce non ha fatto nemmeno un tiro in porta, tanto che dell’esordiente portiere Polito nulla possiamo aggiungere, se non che è più fortunato di Frezzolini che aspettava da anni questo momento: partire per una volta titolare in serie A, ma un attacco di infleunza lo ha proprio "fregato".

Per il resto tanto freddo, brutto gioco da entrambe le parti, tanta superiorità territoriale da parte nostra, nulla più, salvo scoprire che Colantuono, fresco di prolungamento di contratto, a sorpresa schiera la difesa a tre con, da sinistra, Manfredini, Stendardo centrale, a destra Lucchini fino a quando deve cedere il posto a Raimondi, attuando una specie di 3-4-1-2 che non convince per la posizione di Peluso, troppo alto per le sue caratteristiche e nemmeno quella di Schelotto, troppp basso per le sue sgroppate.

Convince invece finalmente Brighi che sembra aver risolto i propri problemi fisici. Ritengo che l’esperimento, che ha portato di nuovo maxi Moralez dietro le due punte, abbia poco convinto.

Le sorprese che ci devono preoccupare vengono dalla vittoria del Novara a San Siro, vittoria che rimette in gioco i piemontesi, soprattutto perché domenica dovremo far loro visita, con l’intermezzo del recupero di mercoledì con il Genoa che, dopo la batosta di Catania, scenderà a  Bergamo con ben altra determinazione.

Importante non perdere per arrivare domenica a Novara con un più 9 che ci consentirebbe di giocare con la giusta tranquillità.

Altre novità avremmo voluto arrivassero dalla società, dalla quale giunge in questo momento inattesa, ma coerente, la decisione di prolungare il contratto di un anno a Colantuono, senza accompagnarla e nemmeno precisando la posizione contrattuale di Pier Paolo Marino, il quale da notizie di terra toscana viene indicato come il sostituto naturale di Pantaleo Corvino, ben sapendo che anche da Milano, sponda interista, giungerebbero altre pericolse sirene.

SCOMMESSE: GLI AVVOCATI NON HANNO FATTO GOL

Una battura di un simpatico amico mi rimanda ancora a una analisi in tema di processi, di scommesse e di tutto quanto ci gira attorno e sta uscendo in maniera alquanto nuova e peggiorativa per noi rispetta all’inizio della vicenda.

Ricordo infatti che per tutti noi l’asso nella manica era il numero di avvocati importanti che la società aveva ingaggiato, partendo dall’avvocato del caso Bosman per finire con Coppi: si diceva che la società avesse investito un milione di euro per uscire indenne dalla vicenda. Erano più le incertezze sui gol che avrebbe fatto Denis, anch’io ero tra quelli, piuttosto che i dubbi sul decisivo agire in Procura e con Palazzi dei nostri avvocati.

Alla fine i gol di Denis stanno salvando almeno per ora l’Atalanta, mentre i suggerimenti degli "azzeccagarbugli" hanno finito per portare Doni in carcere, per far bollare Masiello dal gip con un  "decisamente reticente e giustificatorio". Tanto valeva avvalersi del difensore d’ufficio. Oppure per giocare in casa bastava l’amico Mario che quando esercita sta per avvocato Caffi al quale non avrebbe fatto difetto la conoscenza, unita all’esperienza di cose e uomini nerazzurri, per evitare certe figure.

In questo contesto lo striscione appeso dalla curva nell’intervallo, proprio nel giorno dello struggente ricordo della morte dell’indimenticabile Chicco (Pisani) ("in un’intervista preparata la parola scusa non l’hai mai pronuciata… per te una partita combinata è una goliardata… parli di Bergamo e dell’Atalanta come la tua vita, ma forse questa gente non l’hai mai capita…. Critiano fottiti") deve essere intrpretato come un chiaro richiamo ai valori in cui il tifo bergamasco si identifica: nessuno debba sentirsi escluso proprio per evitare il ripetersi nel futuro di quanto abbiamo sofferto in questa stagione, ben consci che questa vicenda deve ancora concludersi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ol lampada

    ogni tantomi entra l alzheimer fase on

  2. Scritto da Bombo71

    Mi dispiace se Marino non dovesse rinnovare, perchè mi sembra una persona che vale e che sa fare il suo mestiere. D’altronde anche dalle ultime mosse di mercato, pare di leggere che la società si stia attrezzando per il futuro campionato in serie B e non posso biasimare Marino se dovesse scegliere piazze calcisticamente parlando ben più appetibili di Bergamo. Ci mancava anche di perdere Masiello, Raimondi è impresentabile in serie A, come lo sono i Bellini e i Carmona … e se Denis non dovesse ritrovare alla svelta il fiuto del gol la serie B arriverà anche senza il prossimo “aiutino” di Palazzi …

    1. Scritto da oronzo canà

      per caso di cognome fai crisantemi e sei nato il 2 di novembre?

  3. Scritto da nino cortesi

    L’analisi è sballata. Marino è il 90% di questa Atalanta. Polito meritava 8. Peluso deve imparare a giocare anche nella metà campo avversaria. Schelotto ha tutto il campo per correre anche se dietro si gioca a tre le partite in casa con i pari grado. Finalmente la formazione giusta. Moralez è indispensabile e non può che giocare in mezzo altrimenti è un rebelot. Dennis e Gabbiadini si pestano i piedi. Manolo, almeno quest’anno, deve giocare sempre l’ultima mezz’ora sostituendo Dennis. Doni e Masiello sono indifendibili e non è l’Atalanta che deve difenderli ma i loro avvocati e non dobbiamo infierire perchè la spada di Damocle li ha già trapassati. Raimondi può giocare una partita su 5.

  4. Scritto da Gianluca

    io il prolungamento del contratto di Colantuono non la prenderei come buona notizia…. l’anno prossimo giochiamo con tutti over 30, come minimo torna Delvecchio….

  5. Scritto da GUIDO DA BG

    certo Passirani coglie il pelo nell’uovo: la società si affretta a prolungare a Colantuono e tace su Marino, molto strano

  6. Scritto da Roberto

    Bravo Luciano !! Analisi perfetta !!condivido tutto anche lo striscione il gioco del calcio per i tifosi rimane sacro speriamo che anche percassi lo sappia !!!