BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Voli di Stato: ecco come ho incastrato Calderoli

Sul Fatto quotidiano Fabrizio Biolè, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle ripercorre le tappe della sua iniziativa per smascherare l'uso privato dell'Airbus della Repubblica da parte dell'ex ministro leghista di Bergamo.

Più informazioni su

Sul Fatto quotidiano Fabrizio Biolè, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle ripercorre le tappe della sua iniziativa per smascherare l’uso privato dell’Airbus della Repubblica da parte dell’ex ministro leghista di Bergamo.

 

Se non ci fosse stato lui, il volo di Stato “per motivi personali” dell’allora ministro Roberto Calderoli sarebbe passato inosservato. Non ci sarebbero stati l’esposto, l’indagine della Procura di Roma per truffa aggravata e, di conseguenza, il pronunciamento della Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato, che mercoledì scorso ha negato a maggioranza la richiesta dei pm capitolini.

La sua iniziativa, quindi, per ora si è rivelata un mezzo buco nell’acqua, almeno dal punto di vista dell’iter giudiziario-parlamentare. Ciò non toglie, però, che la denuncia ha reso pubblico il comportamento poco istituzionale dell’esponente del Carroccio, almeno a sentire le accuse avanzate dai pm.

Il lui in questione è Fabrizio Biolè, 35 anni a luglio, consigliere regionale del Piemonte, eletto nel 2010 con il Movimento 5 Stelle grazie alle 737 preferenze raccolte nella circoscrizione di Cuneo. E proprio nei dintorni di Cuneo si trovava il 19 gennaio dello scorso anno, quando un suo conoscente gli ha segnalato che quella mattina era atterrato all’aeroporto di Levaldigi un Airbus della Repubblica Italiana con a bordo Calderoli.

Fabrizio Biolè ha deciso di verificare la ‘soffiata’. “Da tempo in zona si vociferava di aerei di Stato che atterravano a Levaldigi – ha detto al fattoquotidiano.it – , questa volta avevo la possibilità di andare a vedere con i miei occhi e così ho fatto”. In effetti, un velivolo con la sigla Repubblica italiana era fermo in pista. “Si trattava certamente di un Airbus, perché c’era un appassionato di aeronautica che stava scattando alcune foto”.

Il passo succcessivo si è rivelato più difficile: verificare chi ci fosse a bordo. “Sono andato agli uffici dell’aeroporto e ho chiesto quale fosse il motivo di quella presenza, visto che per quel giorno nel cuneese non erano previsti appuntamenti con la presenza delle quattro più alte cariche dello Stato. Adducendo motivi di privacy, nessuno ha voluto rispondere alle mie domande”.

Biolè non si è arreso: usufruendo di un articolo dello statuto della Regione Piemonte, ha inoltrato a chi di competenza una domanda formale per fare chiarezza su quella presenza insolita. Ma anche le vie ufficiali non hanno avuto buon esito. “Dopo una serie di discussioni con i vertici dello scalo, dopo circa un’ora e mezza sono stato spedito al posto fisso di polizia, ma anche in questo caso l’unica cosa che mi hanno detto è che si trattava di un personaggio con alto livello di protezione. Sono rimastro ancora per un po’ di tempo e a un certo punto ho visto arrivare una serie di auto: forse erano quelle che accompagnavano il ministro, ma io Calderoli non l’ho mai visto”.

L’identità del passeggero misterioso è stata scoperta a distanza di qualche giorno, quando Biolè ha divulgato un comunicato stampa per rendere noti i particolari della vicenda e chiedere le risposte che nessuno aveva voluto dargli. “La redazione di Cuneo de La Stampa ha collegato il volo di Stato a Calderoli, che proprio in quei giorni si trovava in zona – ha raccontato Biolè -. A questo punto, l’entourage dell’allora ministro della Semplificazione ha risposto al quotidiano di Torino. Dicendo tre cose: che il ministro si trovava a Cuneo per l’incidente occorso al figlio della sua compagna; che l’aereo con cui avrebbe fatto ritorno a Roma non era un Airbus di Stato; che il ministro era arrivato all’aeroporto con mezzi propri per rientrare a Roma in tutta fretta”.

Il motivo? Doveva partecipare a una seduta della Commissione parlamentare sul federalismo. “Non era vero – ha detto Biolè – Ho cercato su internet e ho scoperto che quel giorno non c’era nessuna riunione della Commissione. Fatto sta che avevo tutti gli elementi che mi servivano, li ho raccolti e ho presentato un esposto alla Procura di Cuneo”.

Dopo mesi di silenzio, a gennaio la questione è diventata di dominio pubblico. I giornali hanno scritto di Calderoli indagato per truffa aggravata, la Procura di Roma ha inviato l’incartamento al Tribunale dei ministri e, storia di appena una settimana fa, la Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato ha respinto la richiesta. Per loro, la versione fornita dal ministro (volo legato a “comprovate e inderogabili esigenze di trasferimento connesse all’esercizio di funzioni istituzionali”) era credibile. Peccato che la Procura e le indagini in proprio del Tribunale dei ministri parlavano di “artifici e raggiri” di Calderoli ai danni dei funzionari della Presidenza del Consiglio per ottenere il volo di Stato per motivi strettamente personali”.

“Non posso negare di essere molto amareggiato da questa decisione – ha confidato il consigliere regionale ‘grillino’ – Considerando il momento che sta vivendo il Paese, speravo in un comportamento diverso da parte dei parlamentari della Giunta, in un segnale in controtendenza. E invece non è cambiato nulla: deputati e senatori continuano ad usufruire di quell’ingiusto privilegio che si chiama ‘autorizzazione a procedere’ a scapito dei cittadini, tanto che le indagini sulle loro malefatte vengono autorizzate dai loro colleghi di partito. Calderoli sarebbe dovuto andare davanti al giudice e dimostrare le sue ragioni, ma come al solito la casta si è autodifesa”.

Sulle voci di altri voli di Stato atterrati all’aeroporto di Levaldigi, Fabrizio Biolè ha preferito non sbilanciarsi: “Se ne è parlato molto da quelle parti, ma non ho mai avuto la possibilità di verificare per mancanza di tempo. Certo, quando l’ho fatto ho scoperto che era vero, ma con questo non posso dire che ce ne siano stati altri. Una cosa è certa: dopo quanto accaduto del 19 gennaio 2011, di voci ne sono circolate sempre meno”.

Come dire: finora la sua iniziativa non ha avuto l’esito sperato, ma forse ha contribuito a metter fine ad una pratica che, se confermata, aprirebbe nuovi scenari sul senso di Calderoli per le istituzioni che ha rappresentato fino a tre mesi fa.

Pierluigi Giordano Cardone

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PADANO VERO

    Spero che tutto questo non sia vero altrimenti caro Calderoli fai fare una figura di m.alla Lega,con che spirito i militanti che ci mettono di tasca loro potrebbero continuare a farlo gente che rinuncia alle ferie per servire ai tavoli alle feste delle Lega,sbrigati a smentire caro Roberto….sempre se puoi.

  2. Scritto da balabiot

    gia la politica non gode di ottima reputazione.la lega è la piaga che fa piu male ai cittadini.perla gente del nord è una vergona che ci portiamo in giro per il mondo quando viaggiamo

  3. Scritto da exleghista

    Lega ladroma Bergamo non potrà mai perdonarvi, traditori e venduti vete approfittato della nostra buona fede per arricchirvi e solazzarvi con privilegi e quant’altro. VERGOGNA!
    Non vi voterò mai opiù, è finita un’epoca……..

  4. Scritto da contalenticchie

    E c’e’ ancora chi si meraviglia? Se leggete bene l’articolo quello non è stato un volo “isolato” ma erano praticamente voli “a nostre spese” roma-morosa-roma di un ministro per ragioni o meglio “scop…” istituzionali a suo dire. Cosa c’e’ da meravigliarsi di cosa faccia uno che ha spinto all’inverosimile per inventare un fantasioso ministero da affidare all’uopo al suo amicone di merende Brancher per salvarlo dal tribunale? Da uno che “l’importante è che se magna” e che non perde occasione per accompagnarsi a furbetti del quartierino stile gianpy fiorani? Peccato che il 75% dei leghisti non sappian cos’e’ internet e finche’ si abbeverano da “La Padania” il calderuolo gongola e gozzoviglia.

    1. Scritto da e

      purtroppo hai perf ragione. esattissimo.

  5. Scritto da poison

    movimento 5 stelle unica via!

  6. Scritto da Giuseppe

    @Stanco di quest…:

    super Mario senatore a vita 25000 euri al mese
    per 13 mensilita’ == 325.000 euri

    io sono gia’ stanco di questi…..

    siete i soliti guardate la pagliuzza e avete le travi,
    negli occhi. ORBI DI SINISTRA!!!!!!!!

    1. Scritto da Trota

      Giuseppe, la tragedia non è questa , è che calderoli prende uguale !!
      Fatti visitare da un oculista perchè mi pare proprio che sei tu che stai confondendo le TRAVI con le pagliuzze.

      1. Scritto da Giuseppe

        Caro Trota sei cosi’ furbo che non sai nemmeno leggere
        tra le righe, nel 2013 quando scadra’ il mandato di questo
        GOVERNO FANTOCCIO il senatore a vita sara’ in casa
        a grattarsi la pancia e ogni mese ricevera’ 25000 euri,

        tu che sei cosi’ furbo mi puoi dire quando il PADRE ETERNO
        gli stacchera’ la SPINA ?????

        1. Scritto da danilo

          Caro Giuseppe devo dirLe che il prof. Monti, se sarà effettivamente pagato con la cifra che Lei descrive, devo dire che se li è guadagnati, mentre il suo amico…..

    2. Scritto da mask

      per ora tra quanto ha fatto Monti e quanto ha fatto Calderoli è da vedere. E i soldi a Monti, tanti, sono spesi molto meglio. Quanti altri senatori o altro fanno quel che fa l’attuale premier?

      1. Scritto da Alberto

        Quel che dici è vero, ma quanti “non tecnici” attuerebbero una politica del genere sapendo che la legislatura dopo si giocherebbero la poltrona?
        Gli italiani stanno ingoiando rospi che si sono rifiutati di ingoiare per decenni.

        1. Scritto da Ernesto

          Evidentemente ci volevano lega e pdl per portare il debito al 121% del pil , ad essere impresentabili in europa e nel mondo . Dopo di che le cose le devi fare per forza. No ?

  7. Scritto da nino cortesi

    Il problema sostanziale non è se lui ruba o non ruba, ma che noi elettori non abbiamo alcuna possibilità di mandarlo a casa. CAVOLO!!!!!!!!

    1. Scritto da Damiano

      Sono d’accordissimo: pensi che “insulto”, ai cittadini. Anche chi perde le elezioni, continua tranquillamente a intascare lo stipendio e usufruire di privilegi vari. Ma cosa si fanno a fare, allora, le elezioni? Che si vinca, che si perda, ciò che è certo, sono le loro entrate incalcolabili… Poi, una volta a posto le loro tasche, il bene del Paese è un optional.

  8. Scritto da Bob

    Niente più scuse. Chi ancora lo vota è come lui.

  9. Scritto da Stanco di questi parlamentari

    8 uomini di scorta(24ore su 24) davanti alla sua villa al p.sso della Madonna del Bosco ………tutto l’anno e Lui è quasi sempre a Roma ….. quanto ci costa un simile personaggio???
    Considerando che un poliziotto costa €30/32.000 all’anno x 8)=€240.000/256.000……questo è il sosto della scorta.
    VERGOGNA

    1. Scritto da carmelo

      Ho segnalato anch’io questa cosa, ma neppure bergamonews.it l’ha pubblicata…
      http://liberiincroci.blogspot.com/2012/02/sprechi-pro-calderoli-in-via-rabaiona.html

  10. Scritto da tegn dur

    al nord,ROMA LADRONA,a roma ROMA MANGIONA,con posto in prima fila.
    VERGOGNA

  11. Scritto da Rizzetta

    Ma ci stupiamo ancora? Per ora i soli ad essere stati sacrificati siamo noi del Popolo, carne da macello per la nostra classe politica.NON Ci considerano come persone da rispettare, ma come numeri di voto elettorale. Calderoli è uno dei tanti maiali della Lega, tant’è che l’unica legge da lui fatta è stata definita “porcellum”: ma noi continuiamo a pagarlo!!! che rabbia e che schifo!

  12. Scritto da giorgio

    Perchè l’Eco di Bergamo e la Padania non ne parlano?
    Anche solo per smentire, se ci riescono.
    Questi quotidiani possono anche essere di parte ma non è giusto che i loro lettori non conoscano le gesta dei loro nominati.

  13. Scritto da verita'

    Sono tutti uguali,predicano bene e razzolano male.Mandiamoli a casa questi pseudopolitici.Abbiamo bisogno di una nuova classe politica,con la meta’ dei parlamentari attuali,e basta previlegi e’ ora di finirla,se devono essere sacrifici che lo siano per tutti.

  14. Scritto da il polemico

    anni fa,il presidente del consiglio di turno al governo,invia aereo di stato per prendere una donna accusata di omicidio e di terrorismo negli stati uniti,e portarla in italia….c’è stata qualche indagine della magistratura pure in quella occasione?possibile che in italia ci si debba sempre indignare a senso unico?ok che i leghisti possono stare antipatici o peggio,però puntare sempre il dito verso uno e non verso tutti,mi sembra alquanto di parte

    1. Scritto da Toni Corberi

      Dura arrampicarsi sui vetri per difendere i suoi amici ehhh? Niente di meglio che tirare in ballo storie di 20 anni fa.
      La Baraldini è stata condannata per eversione ma non risulta aver mai partecipato personalmente a azioni violente, è stata rimpatriata dagli stati uniti (vostri amici e padroni a casa nostra) e ha finito di scontare la sua pena in Italia (era ammalata di cancro).Invece gli aerei che portano indietro i clandestini chi li paga? Basta scemenze,dai, non attaccano più, se riformano la legge elettorale come dicono e voi correte da soli c’è una buona probabilità di vedervi scomparire.Speriamo di avervi più tra i piedi, peccato aver perso tanti soldi fra trota a compagnia brutta..

    2. Scritto da Narno Pinotti

      Ah, già che c’è, spieghi perché un piccolo giornale online bergamasco nato nel 2009, nel trattare una notizia di cronaca del 2011 e un articolo di ieri 9/2/2012, riguardanti un politico bergamasco, dovrebbe tirare in ballo la vicenda di una detenuta italoamericana romana, che è stata estradata nel 1999, ha finito di scontare la sua pena nel 2006 e non rilascia nessuna intervista né dichiarazione pubbliche da decenni. Forse dietro al Suo “puntare il dito verso tutti” c’è l’ipocrisia del “non dire niente di nessuno”?

      1. Scritto da il polemico

        il giornale non deve tirare in ballo niente di anni fa,è solo chi commenta che non deve avere la memoria corta,oppure come dice il commento sopra:storie di 20 anni fa,era malata,ha fatto bene a rimpatriarla..non ci pensiamo più,quelli erano soldi spesi bene…puntiamo il dito solo verso alcuni e salviamo gli altri,perchè ci sono simpatici o di stessa fede politica?…coerenza prego

      2. Scritto da La verità fa male

        Non è per ripetere la solita solfa del “tutti colpevoli”, ma nel 2012 è indagato un tesoriere di partito che ha stornato 13 milioni di euro dal bilancio del proprio partito senza che il segretario politico (che a quei tempi si candidava a presidente del Consiglio) si accorgesse di nulla. Proprio in questi giorni ricorre il 20° anniversario di Mani Pulite in cui un segretario di partito in Parlamento dichiarò che i TUTTI I BILANCI DI TUTTI I PARTITI ERANO FALSI e chiese ai presenti di alzarsi e di smentirlo. Nessuno si alzò, nessuno smentì. Si uscirà dal marciume soltanto quando TUTTI i segretari dei partiti della Prima Repubblica confesseranno pubblicamente le loro colpe

        1. Scritto da Bah !

          Mi preoccupa molto di più il fatto che nel 2012 ci sia un solo partito con il bilancio pubblico e certificato da nota società di certificazione internazionale, il PD . E tutti gli altri ?

        2. Scritto da muc

          Bravo giovanotto ha scoperto che esistono i ladri.Mi auguro progredisca imparando a distinguere i ladri che sanno di esserlo e rubano di nascosto da quelli che invece,dopo aver rubato strepitano affermando che chi li accusa li sta perseguitando e dicono che siccome anche altri hanno rubato loro non si sentono ladri.Poi, sempre sviluppandosi,mi auguro che capisca la differenza fra un governo che cerca di punire ladri ed evasori da uno che invece li condona e,se per caso è coinvolto qualcuno dei suoi (magari il capo del governo),promulga leggi ad personam per evitargli i guai (processi + lunghi,prescrizioni+brevi) e al suo interno annovera anche dei ladri “a loro insaputa”.Auguri giovanotto.

      3. Scritto da sfrisù

        Bendetto, è ora di finirla con il dire “ma anche gli altri lo fanno”!

    3. Scritto da Narno Pinotti

      Lei parla di Silvia Baraldini, il cui volo su aereo di stato fu richiesto dagli Usa per ragioni di sicurezza: la detenuta tornava in Italia solo alla condizione che vi finisse di scontare la pena avuta in Usa. La Baraldini non è mai stata né accusata né processata per omicidio e nemmeno per atti di terrorismo. Caro Polemico, il Suo ormai è un riflesso di Pavlov: appena si tocca un politico leghista Lei sa sempre e solo dire “e allora quell’altro?”, perlopiù con paragoni che – come questo – sono insensati, disinformati e in malafede. Mai una volta che si attenga alla questione trattata. Sta diventando monotono. Dedichi un po’ di energie alla punteggiatura.

  15. Scritto da bruna

    Dopo questo governo tecnico che può o non può piacere ma sono comunque delle persone che sanno quello che fanno e soprattutto quello che dicono, sono curiosa di sapere quanti italiani andranno a votare.

  16. Scritto da giargiana

    signor biole ha scoperto l acqua calda.ma non lo sapeva ancora che i leghisti sono piu romani della politica degli anni 80 90?????
    le serviva ancora qualcosa per avere conferma che sono piu magna magna dei romani???oramai hanno dimostrato tutto il loro valore.
    solo le capre con le bende sugli occhi non lo vedono o non lo vogliono vedere.speriamo che la gemnte si sia svegliata e alle prossime elezioni spariscano sotto la soglia del 4%.
    se venissero eletti ancora sarebbe drammatico per tutti

  17. Scritto da Antonio

    Se dovessimo sapere cosa combinano e come sperperano i nostri soldi questi signori che ci chiedono sacrifici importanti tutti i giorni per noi e le nostre famiglie, ci verrebbe voglia di prenderli a calci in culo dalla mattina alla sera 2 alla volta fin quando non diventano dispari. S i dovrebbero vergonare per il cumulo di bugie e menzogne che ci imppapinano tutti i giorni.

  18. Scritto da indignato

    Ma è mai possibile che un uomo che si è macchiato di tante porcate possa ancora essere sopportato! Doveva fare il Ministro delle semplificazioni e il nuovo Governo Monti trova oltre 300 leggi inutili che ha abolito in due mesi! Si vanta di essere un uomo importante per il bene dell’Italia e quindi ha diritto a 8 uomini di scorta anche quando va a Disneyland.Uomini di scorta continua sotto casa sua anche quando non c’è.
    Ma quanto ci costa un simile personaggio? A me fa schifo e a voi?

    1. Scritto da DD

      siamo in due

    2. Scritto da perplesso

      costerà come qualsiasi altro politico di spicco italiano,da bersani scaiola passando da d’alema e bondi.la togliamo a tutti o solo ai leghisti?

      1. Scritto da riflesso

        Sto riflettendoci bene, persone inutili che oltre a percepire di regola un sacco di soldini nostri (mettiamoci anche il trota e i consulenti congelatori di pesce di Castelli) è proprio meglio che vengano cancellati, io non mi perplimo neanche un po’ peccato che ci sia sempre chi (come lei) per malafede o per ingenuità continui a sostenerli contro l’interesse dei poveri comuni cittadini che pagano il ticket o vanno in pensione più tardi o viaggiano sui treni congelati per consentire a quella gente qua di vivere alla grande e togliersi tutti i capricci (compresi i finti ministeri a Monza).

  19. Scritto da anna

    semplicemente vergognoso!!!! ma c’era da aspettarselo.

  20. Scritto da Fab

    Se alle prossime elezioni il M5S riuscisse ad entrare in parlamento ne vedremmo delle belle….

  21. Scritto da Gio

    doppio sdegno.. per calderoli che predica bene e razzola male… e per questo biolè che è riuscito a farsi scrivere un articolo ad hoc con finalità di guadagnare consenso elettorale

  22. Scritto da calore

    ROMA LADRONA e LEGA MANGIONA
    ridicoli