BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rabbia anti evasione, chiamate alla Gdf +540%

Pur con numeri assoluti non elevatissi (64 telefonate nell'ultimo semestre) il bilancio 2011 delle Fiamme Gialle di Bergamo parla chiaro: i bergamaschi telefonano più che in passato al 117, per segnalare ogni forma di evasione.

Più informazioni su

C’è un dato del bilancio 2011 della Guardia di Finanza di Bergamo che parla chiaro: cresce esponenzialmente la tendenza dei bergamaschi a chiamare le Fiamme Gialle per segnalare forme di evasione se non addirittura di elusione fiscale. Ed è in particolare sul secondo semestre del 2011 che si riscontra il fenomeno: 54 telefonate da parte di cittadini bergamaschi al 117, contro le 10 telefonate del primo semestre. E’ forse la crisi che morde e può portare ad una maggior richiesta di correttezza di chi vive e lavora accanto ad ogni bergamasco (che sia il barista o l’azienda con cui si ha a che fare), sarà forse l’effetto mediatico di una serie di operazioni di una serie di operazioni contro l’evasione nell’ultimo mese dell’anno. Sta di fatto che i numeri delle telefonate al 117 ( ci sia concesso, non un numero che ha un grande appeal) hanno sorpreso un po’ tutti al comando provinciale di Bergamo. Anche il comandante in carica, il colonnello Giovanni De Roma. "Anche se non è un dato che dà l’idea di quanto si evade, che non riporta grandi numeri, secondo me si tratta di una delle statistiche più interessanti e inaspettate. E’ in crescita il contatto tra i cittadini e la guardia di Finanza. Sull’85% di quelle chiamate c’è stato anche un riscontro. Vale a dire una verifica del cittadino che ha telefonato, una segnalazione al reparto territoriale competente e un incontro tra chi telefona e il nostro personale". Il bilancio 2011 conferma inoltre la tendenza all’evasione tramite la mancata emissione di scontrini fiscali: irregolarità in un caso su quattro. Sull’evasione totale e paratotale in provincia di Bergamo il bilancio 2011 della Guardia di Finanza rispetta a grandi linee i dati già forniti a fine novembre 2011 dal colonnello De Roma in un’intervista (leggi l’intervista datata 30 novembre).

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da perplesso

    un conoscente che ha gestito un bar per un periodo di tempo,diceva che se uno non fa un pò di nero,con tutte le tasse da pagare,non guadagnerebbe nulla,a meno che non pratichi prezzi da costa smeralda…però poi la gente non verrebbe più.dovevo dargli torto e denunciarlo alla finanza,o capire sue ragioni?

    1. Scritto da Jeffrey

      Sta introducendo il principio che “le tasse le decido io”. Guardi che in tutto il mondo se una attività non regge chiude. E’ dura ma è così.
      Tenga anche presente che in italia troppo spesso chi ha certe attività si è abituato a stili di vita sostenuti dall’evasione . Se hai un’edicola non è scritto nella bibbia che dev avere il supersuv !

  2. Scritto da pm

    Eh già… il torto è dalla parte di chi segnala, non di chi ruba.
    Bravi, bravi… però fatemi almeno il favore di non accusare di omertà quelli di altre latitudini, alla prossima occasione.

  3. Scritto da il polemico

    mah,tornano in massa gli informatori per denunciare chiunque sia sospetto,mi ricorda il vecchio stile dei paesi dell’est…. mi piacerebbe poi sapere quanti di questi telefonatori mascherati scaricano illegalmente da internet,oppure fanno lavori in nero ecc ecc.chi è senza peccato scagli la prima pietra

    1. Scritto da a saper leggere...

      Al solito, non vale niente quello che c’e’ scritto, ma solo il pregiudizio. Mascherati? Sta scritto che per l’85% c’e’ un riscontro, quindi si sa chi denuncia. Tornano agli informatori? Stiamo parlando di denunce spontanee. Infine la solita conclusione: siccome saremmo tutti un po’ ladri, teniamoci i ladri. Se permette, ladro dara’ lei!

      1. Scritto da il polemico

        ok,allora classifichiamo i ladri di serie A e di serie B,mi piacerebbe che il suo vicino la denunciasse perchè magari fa fare un lavoro senza chiedere la fattura per risparmiare,e che poi lei ,dopo avere pagato dovuta ammenda salata, venga a sapere chi è stato….immagino già quale sarà il suo primo commento….,quoto un commento qui postato.dobbiamo diventare tutti spioni degli altri,ma guai a toccarci noi

        1. Scritto da a saper leggere

          I suoi interventi sono abbastanza inutili e tutti uguali: qui come altrove sono costruiti sui “magari” e sugli “immagino”. A quanto pare quindi il suo immaginario e’ fondato sulle solidissime basi dei “magari”, quindi e’ alquanto incoosistente. SI ricordi che non sono tutti ipocriti e ladri (piccoli o grandi poco conta). Magari molti, magari lei, ma non tutti. E meno ce ne sono in giro meglio e’ per tutti. Anche per lei. Forse. Anzi, magari.

        2. Scritto da me...doni

          Bergamo 11 mesi 1,2 miliardi di evasione……

          1. Scritto da il polemico

            e palermo?napoli?bari?roma?possiamo avere dati anche di queste città?

          2. Scritto da w la GdF

            che lavoro fa “il polemico”? scommetto che è un lavoratore autonomo

          3. Scritto da il polemico

            piuttosto che chiedere che lavoro faccio,perchè non si batte per ottenere a tutta italia controlli più severi,invece di limitarsi alle zone considerate più ricche?

          4. Scritto da w la GdF

            non mi interessa dove, l’importante è che si combatta l’evasione fiscale perchè mi da fastidio sapere che io, come lavoratore dipendente, guadagno più di un idraulico, di un dentista, di un ristoratore, di un elettricista ecc.
            ps. perchè non dici che lavoro fai?

          5. Scritto da A saper leggere

            Appurato che lei “si batte per ottenere a tuttta Italia controlli piu’ severi” invece che “limitarsi” alle zone del nord tartassato e bastonato e vittima da decenni (gli stessi in cui la maggiroanza dell’elettorato del nord esprimeva le maggioranze di governo) della polizia finanziaria, sarebbe interessante capire: dove legge che controllano piu’ qui che giu’? lo dice, tanto per cambiare, per sentito dire? Oppure, MAGARI, lo da’ per scontato? Faccia il favore, si faccia una breve ricerca di notizie dell’ultime mese sui controlli a bari, palermo, pescara e vedra’ cosa risulta.

          6. Scritto da La verità fa male

            A puro titolo di cronaca la informo che per l’Ufficio Studi della Confartigianato di Mestre (ufficio studi molto stimato, le cui statistiche sono considerate attendibilissime) l’evasione fiscale si annida soprattutto nelle società di capitale (cioè società per azioni e s.r.l., quindi industriali, non lavoratori autonomi) e una cospicua parte dell’evasione (20% del totale) nel lavoro dipendente e nei pensionati. Già, proprio tra quelli che “io pago le tasse fino all’ultimo centesimo” si scoprono NUMEROSI CASI di doppio lavoro (di cui il secondo lavoro “in nero”), pensionati che “arrotondano”, gente che va a lavorare “in nero” mentre è in malattia o in cassa integrazione

          7. Scritto da w la GdF

            è una statistica di confartigianato….mi piacerebbe vedere i dati dell’agenzia delle entrate!! e comunque abbiamo capito che lavoro fa il polemico. Altra informazione, negli Stati Uniti chi denuncia un evasore ottiene il 20% di quello che viene recuperato !!! questa non è delazione ma dovere civico in quanto chi evade il fisco è un parassita della società e come a tutti i parassiti bisogna impedirgli di nuocere.

          8. Scritto da mahhh

            il 20%del recuperato.e chi lo stabilisce la cifra esatta?allora io commissiono un lavoro,pago in nero chi me lo fa,e poi lo denuncio perchè non mi ha dato la fattura?..tutti che denunceranno il vicino se vedono qualcosa di sospetto…..so che in romania,chi denunciava persone che parlavano male del regime,anche tra parenti,venivano premiati con dei bonus,perchè chi parlava male era un parassita della società e si doveva impedirgli di nuocere….negli stati uniti si può pure sparare e detenere armi piu facilmente che in italia..dobbiamo copiare pure in questo caso?oppure,copiamo solo dove ci conviene e sparliamo dove ci conviene?

          9. Scritto da w la GdF

            sbagliato!! se tui fai fare un lavoro e non chiedi la fattura sei complice dell’evasore fiscale quindi non lo puoi denunciare. se chiedi la fattura e non te la fanno allora la situazione è diversa. in romania c’era la dittatura in italia no !! se denunci il falso c’è il reato di diffamazione e uno ne deve rispondere perciò non puoi denunciare il vicino se non hai prove certe!!!

  4. Scritto da Arturo

    Un popolo di delatori da grande fratello.Stiamo andando verso il mondo descritto da G. Orwell nel suo libro 1984 scritto nel 1948.Leggetelo o rileggetelo è attualissimo.

    1. Scritto da Fantomas

      Già , scomodiamo Orwel per una banalissima questione di “signori” che sfilano i soldi dalle tasche degli altri ? Quando ti rubano in casa (è esattamente la stessa cosa !) tu sei un delatore se denunci il ladro ?