BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Abuso d’ufficio, sindaco a processo

Il primo cittadino rinviato a giudizio con l'accusa di abuso d'ufficio per aver deciso una nuova pianta organica delle farmacie. A dare battaglia al sindaco è la farmacista Silvia Farina. "Sono tranquillo", commenta.

Più informazioni su

Il sindaco di Verdello, Luciano Albani, è stato rinviato a giudizio per abuso d’ufficio. Il gip di Bergamo ha disposto che il primo cittadino di Verdello venga processato per aver modificato la pianta organica delle farmacie senza averne il potere. A denunciare il sindaco è l’unica farmacia presente in paese, in via Marconi, gestita da Silvia Farina. La vicenda è una vera e propria battaglia sulle farmacie. Tutto ha inizio il 15 aprile del 2011 quando il Consiglio comunale approva una nuova pianta organica che individua l’ex statale 42 come linea di divisione fra le zone di competenza delle due farmacie di Verdello. Il 6 giugno 2011 il sindaco Albani invia una lettera alla Regione Lombardia in cui indica i confini di queste zone di competenza.

Secondo Albani una semplice precisazione della delibera del Consiglio del 15 aprile. Per la farmacista Farina si tratta invece di una modifica sostanziale che danneggia la sua farmacia, avendo chiesto all’Asl l’autorizzazione il trasferimento in via Papa Giovanni. Con la lettera del sindaco, infatti, si blocca di fatto il trasferimento della farmacia e secondo Farina questa scelta le ha procurato un ingente danno economico.

“Sono molto sereno, alla prima udienza andrò davanti a giudice e spiegherò che non c’è stato nessun abuso dei miei poteri – afferma il sindaco Albani –. La farmacista Farina ha presentato cinque ricorsi, quattro sono stati bocciati, il quinto il giudice ha deciso di accoglierlo. Non temo nulla, sono molto sereno e spiegherò le mie ragioni”.

Intanto a Verdello è stata aperta la seconda farmacia che vede una partecipazione del Comune con un privato. La farmacista Farina aveva presentato ricorso, poi respinto, al tribunale di Bergamo sezione di Treviglio per l’annullamento dell’atto di costituzione della società che gestisce la farmacia privata-comunale. Contro questa decisione la farmacista Farina ha già presentato ricorso. Insomma, la vicenda prevede di avere dei tempi lunghi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.