BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Casa Pound: siamo fascisti e possiamo manifestare

Alberto Brandolin, 24 anni, responsabile bergamasco dell'associazione di destra. "Siamo fascisti del terzo millenio, come un giornalista ha scritto pensando di darci un'etichetta negativa. Da quel che ne so nessuna legge ci vieta di dire la nostra".

Più informazioni su

Aria fredda ma soprattutto tesa, a Bergamo, in vista della serata di domani, venerdì 10 febbraio. Casa Pound si scalda per il presidio regionale programmato in piazzale Alpini, dove i militanti dell’associazione di estrema destra si ritroveranno per ricordare le vittime delle foibe, nella giornata istituzionale del ricordo. "Si, mi ritengo assolutamente fascista, anzi ci riteniamo fascisti", dice il responsabile provinciale di Casa Pound Alberto Brandolin, 24 anni. "Per la precisione "fascisti del terzo millenio", come ci ha definiti qualche tempo fa il giornalista Paolo Berizzi. Doveva essere secondo qualcuno una definizione in chiave negativa. Noi ce la prendiamo, in un’ottica pienamente positiva nella quale ci riconosciamo assolutamente". Brandolin prende atto della lettera aperta scritta a Bergamo nella quale politici locali, uomini di cultura, docenti universitari, chiedono al prefetto di revocare le autorizzazioni per la manifestazioni di Casa Pound. "Si continua a parlare delle radici antifasciste della Costituzione, che per quanto ci riguarda sono tutte da dimostrare" dice Brandolin. "Nella serata del 10 febbraio vogliamo manifestare in modo assolutamente tranquillo per ricordare chi finì nelle foibe e anche quegli italiani che furono costretti a lasciare la loro casa in Istria e Dalmazia. Abbiamo tutto il diritto di farlo, non ci risultano leggi che possono impedirci un presidio. Qualcuno dovrebbe mettersi il cuore in pace". Casa Pound prevede l’arrivo a Bergamo di circa un centinaio di persone: potrebbero essere di meno, dipenderà anche dal clima e dall’eventuale contro presidio a sinistra.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maria viviana di bella

    come possono essere dei giovani così negativi e retrogradi nel 2012 riproponendo dei modelli di vita e di pensiero che hanno creato tanta infelicità alle persone nel passato ……con tutta me stessa dico no al fascismo la nostra repubblica e la nostra costituzione è nata dalla resistenza condivido pienamente il pensiero di Elio lasciate in pace le foibe ….e cercate il positivo non il negativo comunque provo un senso di disgusto e squallore per queste manifestazioni e per questi lupi non persone.di casa
    Pound mi dispiace molto per loro perchè hanno come ideale soltanto di dimostrare che sono i più forti…………e i più arroganti
    …con.molti problemi mentali.Quale Civiltà .

    1. Scritto da miki

      CP e FN ringraziano i centri sociali, grazie a loro l’antifascismo è diventato soltanto violenza e stupidità (lo stesso che stasera avremmo voluto combattere)

  2. Scritto da castellant

    FABIO SABATINI – Il programma politico di CasaPound
    Su Micromega :tanto per farsi un’idea su Casa Pound.

  3. Scritto da oscar

    eheheheheh….povero lupo

  4. Scritto da Nemo

    Che strano….se non ci fosse stata la lettera e quindi tutto il tam tam mediatico non l’avrebbe saputo nessuno di questa manifestazione e ci sarebbe andato forse un centinaio di persone…così invece oltre alla tantissima pubblicità le persone saranno sicuramente di più, il tutto condito da un’aria di legittimazione.BRAVI BRAVI

  5. Scritto da Toni Corberi

    Un’attenta riflessione storica ci ammonisce su quanto sia stata improvvida la scelta degli italiani di affidarsi al fascismo,le vittime delle foibe sono tutte una conseguenza della criminale invasione della Jugoslavia da parte delle truppe fasciste che dopo aver compiuto crimini e massacri hanno poi dovuto fare ritorno sulle posizioni di partenza,anzi perdendo parte di territorio che italiano all’epoca dell’invasione fascista è poi tornato sotto le sovranità precedenti.Come qualunque altra popolazione violentata e vessata la popolazione jugoslava si è vendicata e ne hanno fatto le spese tanti,anche molti non fascisti.Queste ricorrenze sono fatte per rifiutare il fascismo sempre e comunque

  6. Scritto da LILLY

    Chi non vuole queste manifestazioni ha ancora una mentalità retrograda… come ci sono manifestazioni di sinistra ( vedi fatti e misfatti dei vari regimi comunisti dalle deportazioni lituane a pechino) non vedo perchè uno di destra non può dire la sua…in bocca al lupo Casa Pound

    1. Scritto da wolfenstein

      Vi aspetto con ansia assieme a Ezechiele (lupo) e a Pugacioff (il luposki della steppaski) Uhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!!

    2. Scritto da fan del lupo

      speriamo che il lupo vi mangi tutti!

  7. Scritto da castellant

    va bene ricordare…va bene anche esaminare il presente ed andare avanti per superare questo schifo di capitalismo finanziarizzato ,questa collusione tra politica e cricche mafiose di vario tipo che rendono asfittica la ns economia ,che aumentano le diseguglianze , distruggono il welfare.E noi cosa facciamo ? continuaimo a dividerci su ideologie che hanno avvolto l’Europa e il mondo intero in nere lenzuola di morte.

  8. Scritto da Elio

    “L’art. 4 punisce con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da lire 400.000 a lire 1.000.000 “chi pubblicamente esalta esponenti, principi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche. Se il fatto riguarda idee o metodi razzisti, la pena è della reclusione da uno a tre anni e della multa da uno a due milioni.” ” Legge Mancino, fonte Wikipedia. http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_Mancino Vorrei solo far riflettere sull’ammissione dell'”essere fascisti”, lasciando in pace le Foibe, per cui è lecito e doveroso il ricordo.

  9. Scritto da Cidney

    Chi è senza peccato scagli la prima pietra…
    Non credo tocchi di certo ai militanti di sinistra o del Pacì Paciana decidere se possano manifestare o meno.
    Indi per cui, direi che è il caso di stare ben attenti..manifestare non è reato.MAI!

  10. Scritto da V.

    non vedono alcuna legge che gli vieti di manifestare le loro opinioni? LEGGE SCELBA. non vedono le radici antifasciste della costituzione? XII disposizione transitoria e finale

  11. Scritto da Sergio

    Certo che ognuno può manifestare la propria schifezza morale; gli antifascisti sono morti anche per questo…Poi, schifezza era e schifezza rimane, seppur democraticamente manifestata, poiché quando si sceglie una ideologia della morte, come l’aiutare a bruciare nei forni crematori milioni di innocenti o come lo spedire obbligatoriamente in Russia a morire migliaia di ventenni e come l’imporre ad altrui con la violenza la propria ideologia… Dunque era e rimane una schifasse da far emergere anche con odiose manifestazioni, perché queste fanno discutere e illuminare le persone per bene…

  12. Scritto da domanda

    Ma l’apologia al fascismo non è un reato ??

  13. Scritto da Daniele

    A me queste manifestazioni ricordano molto quelle dei nazisti dell’Illinois, non trovate? Pagliacciate da due soldi buone giusto per scaldare un venerdì sera invernale.
    Ciò che preoccupa è che l’opposizione a simili uscite debba essere portata avanti da individui organizzati autonomamente, mentre dovrebbero essere le istituzioni repubblicane a vietare, perseguire e ricacciare i seguaci di certi ideologismi nella cloaca da cui sono usciti.

  14. Scritto da Stefano

    Se verrà confermata l’autorizzazione a svolgere la manifestazione, sarebbe bello se i rappresentanti di Casa Pound – che affermano di voler ricordare persone ammazzate – ricordassero anche i morti ammazzati di quella che loro considerano “l’altra parte”. Lo fareste? Sareste pronti a piegare il ginocchio di fronte a chi è morto per consegnarvi la tanto sbandierata “libertà di espressione”?

    1. Scritto da Alberto Brandolin

      Non mi risultano contro-manifestazioni e lettere aperte alla città da parte nostra all’indirizzo di commemorazioni – come quella del partigiano Ferruccio dell’Orto tanto per fare un esempio, che si svolge ogni 8 Febbraio – o altri eventi riguardanti i morti ammazzati “dell’altra parte”.

      La cosiddetta memoria condivisa è una grossa farsa. Ciascuno ha i propri morti da piangere. Ed è giusto che li pianga e li commemori in piena libertà e nel silenzioso rispetto della parte avversa.

      Il “lutto obbligatorio” lo lascio volentieri a qualcun altro.

      Non pretendo che chi non vuole, pianga i “nostri” morti – posto che le Foibe sono un dramma ITALIANO e non di parte -, pretendo però rispetto per loro

      1. Scritto da Stefano

        Sig. Brandolin, manca una parte alla sua replica, le rifaccio la domanda più chiaramente: “è sicuro che “la sua parte” avrebbe garantito libertà di coscienza, di espressione, di partito, di religione, di manifestazione, ecc…? Le risulta qualcosa alla voce “leggi razziali”?”. Grazie e buona manifestazione.

        1. Scritto da Stefano

          Detto questo, ha ragione: il rispetto per chi muore è dovuto a chiunque. Quello che non posso rispettare è la scelta che hanno fatto certe persone. Per fugare ogni dubbio: non sono nè fascista nè comunista, entrambi i sistemi hanno fallito perchè hanno basato il loro sistema sulla limitazione delle libertà altrui. Ogni volta che un uomo muore per mano di un altro uomo, si tratta di una sconfitta, a qualunque parte appartenga quell’uomo.

  15. Scritto da muc

    Aspettiamoci le stesse espressioni di rappresentanza e di opinione anche dalle brigate rosse e dalla mafia.Con un appropriato linguaggio possono tutti trovare spazio e rivendicare diritti di esistenza e di rappresentazione; le brigate rosse possono rivendicare il fatto di essersi opposte ad una realtà che ci ha portato allo stato attuale e la mafia può dire di aver sostituito lo stato dove non era presente. Tutti i citrulloni che qui sostengono il diritto dei fascisti di sentirsi tali ed esternarlo con protervia dovranno fare silenzio.E non vengano a dire che mafia e brigate rosse sono fuori dalla legge perché nella costituzione l’apologia di fascismo è comunque considerato un reato.

  16. Scritto da Matteo

    penso sia un diritto di tutti manifestare. Si può non essere d’accordo e si può contromanifestare ma non gli si può impedire di esprimere ciò che pensano.

  17. Scritto da Marco

    Fascisti e comunisti, gli estremi si toccano, duecento nostalgici di un ideologia retrogada che in tutto il mondo da quando è esistita non ha portato nientaltro che ignoranza, povertà, violenza, e miseria. Ideologie aimè ancora attive, ma non accostatevi alla politica, cari comunisti e cari fascisti la guerra è finita, se alla vostra età avete ancora bisogno di identificarvi nell’appartenenza di un gruppo che avvalori la vostra personalità, se vi sentite forti nel branco sappiate che individualmente siete soli e vittime di un passato che non passa mai. Buon divertimento fateci sapere chi ha vinto.

  18. Scritto da Maverik

    Non è compito del comune cittadino, nè di associazioni e partiti avversari, decidere se Casa Pound viola la Costituzione e le leggi italiane. E’ compito della magistratura. E non mi risulta, ad oggi, che il Potere giudicante abbia decretato che Casa Pound debba essere sciolta o le debba essere impedito di esprimere e manifestare il proprio pensiero. Quindi non fate i nazifascisti con i fascisti

  19. Scritto da LUIGI

    Caro Brandolin, tutti hanno il diritto di manifestare, ma nessuno ha il diritto di ritenersi fascista !
    Questo è contro la Costituzione e lei lo ha fatto, quindi è già un fuorilegge ! E’ inutile che cerchi di arrampicarsi sugli specchi.
    Lo sanno anche i sassi a chi s’ispirano Casa Pound, Forza Nuova e altri rigurgiti di questo tipo. ALMENO…NON CI PRENDA IN GIRO !!!

    1. Scritto da Alberto Brandolin

      “Nessuno ha il diritto di ritenersi fascista!” (cit.)

      Io spero che lei non studi giurisprudenza, signor Luigi, ma la informo che la libertà di pensiero esiste ancora, almeno sulla carta, in Italia…

      Esiste il divieto di ricostituzione del Partito Nazionale Fascista ed esistono le leggi Scelba e Mancino per apologia del fascismo.
      Altro non v’è. Che le piaccia oppure no.

  20. Scritto da maurizio

    Mobilitandosi e combattendo istituzionalmente i -come si autodefiniscono-fascisti di “Casa Pound”e tutti i loro camerati,si attua un principio fattuale della Costituzione ancora vigente. DiIfendere la Costuzione va di pari passo con la difesa della Democrazia in questo paese,almeno fintantoché non venisse messa fuori legge anch’essa,e con lei la legalita’ democratica nata dall Resistenza.

  21. Scritto da Ciapèl

    Maia de meno che al ta fa bé.

  22. Scritto da drogo

    libera manifestazione in libero stato…

  23. Scritto da lele

    non c’è bisogno di essere comunista per essere antifascista. SIAMO TUTTI ANTIFASCISTI

  24. Scritto da Marino Foletta

    tutto questo baccano per una manifestazione alla quale parteciperanno 100 persone ( se non fa troppo freddo) ???
    Penso che lo scopo di questa gente sia creare il caso e far parlare i giornali…. L avessero fatta senza troppi comunicati non se ne sarebbe accorto nessuno.

    1. Scritto da Alberto Brandolin

      Veramente non abbiamo rilasciato un singolo comunicato che fosse uno. Comunicati, lettere aperte, appelli al sindaco, al questore, al prefetto e – mi dicono – anche al papa è farina del sacco di altri.

      Altro che pubblicità, prove di forza e altre fanta-supposizioni degne di un romanzo poliziesco di bassa lega: la manifestazione, che è a carattere regionale, si svolge da 4 anni, ogni volta in una città diversa della Lombardia. Quest’anno è toccato alla città di Bergamo. L’anno scorso eravamo a Varese, l’anno prima a Milano e così via.

      Consiglierei, anche a chi ha il dovere di fare informazione – a consiglieri comunali, sinistri figuri & co. chiedo troppo -, di documentarsi perlomeno.

  25. Scritto da MarinoB.

    la riorganizzazione del partito fascista è vietato dalla costituzione Italiana.
    I fascisti pensino ai 6milioni gasati e trucidati durante l’ultima guerra mondiale.Poi parleremo delle foibe titine.!

  26. Scritto da Luca Lazzaretti

    Guardi sig Brandolin…io mi sforzo da tempo,voglio essere laico e guardare i fatti storici con distacco…ma non trovo nulla,ma proprio nulla di utile nell’ideologia fascista..si trova solo solitudine,disperazione e morte…e miseria per la maggior parte della popolazione..a meno che al vostro movimento piace così,eh!Il mondo è pieno di matti…

    1. Scritto da Alberto Brandolin

      guardi, sig. Lazzaretti questa è la rispettabilissima quanto opinabilissima posizione.

      Permetta che io, come altre migliaia di ragazzi in tutta Italia, abbia una visione totalmente differente del fascismo e del mondo rispetto alla sua.

      1. Scritto da piagnolin

        proprio perchè avete una visione distorta della storia e della realtà che siete da ributtare nelle fogne!
        ti hanno lobotomizzato da piccolo e ora non ragioni più… povero ciccio cuccioloso! stasera magari qualcuno riesce a farti qualche grattino!

  27. Scritto da Ezio

    Combattere il fascismo con il fascismo…. lasciamoli dire la loro!

  28. Scritto da anna

    riguardo alla giornata del ricordo, consiglio a tutti di leggere Italiani, brava gente?! di Del Boca. I morti italiani delle foibe devono essere contestualizzati al periodo storico e politico a cui appartengono e quindi non si possono tralasciare anche tutti i morti sloveni per mano degli occupanti fascistissimi.
    Riguardo Casa Pound, la costituzione dichiara illegale fondare associazioni di natura fascista e poi ci sono le leggi (es. mancino) che dicono che l’apologia di fascismo è reato.

  29. Scritto da Giuseppe

    “Si continua a parlare delle radici antifasciste della Costituzione, che per quanto ci riguarda sono tutte da dimostrare” Brandolin vuoi un disegnino?

    1. Scritto da Alberto Brandolin

      no signor Giuseppe, voglio l’articolo e la dicitura esatta in cui si dichiara che la Costituzione della Repubblica Italiana è antifascista o si basa sull’antifascismo.

      Lo cerchi, se lo trova mi faccia un fischio.

      Nel frattempo se vuole il disegnino glielo faccio io…

  30. Scritto da MAURIZIO

    Non siete fascisti. Siete quattro fascistelli del secolo scorso in cerca della rissa. La storia non ha più tempo per voi. Siete noiosi e senza una idea adatta al 2012. Farewell. Punto.

  31. Scritto da gianfranco

    La gente “per bene ” che cerca di boicottare una manifestazione della destra italiana è semplicemente ridicola e ipocrita. Da una parte dicono di essere italiani, poi non ricordano i caduti se non quelli fatti dall’epoca hitleriana. A noi sono vietate tante possibilità di espressione e aggregazione solo perchè fascisti, ai comunisti tutto è permesso anche se il loro passato non è roseo. Nelle valli bergamasche trovi più risentimento per i partigiani che hanno derubato e ucciso per scacciare i tedeschi.Peccato abbiano ucciso e derubato italiani neutrali e inermi. La libertà di parola e di manifestare è di tutti non solo degli altri….

    1. Scritto da mario59

      Poi ogn’uno è libero di raccontarla come gli pare…ma è da quando ero un bambino che sento raccontare dai più anziani, quelli che hanno vissuto in quei periodi drammatici, che le violenze nei confronti dei civili inermi, sono state perpretate dai repubblichini che bruciavano cascine, stalle e fienili sui monti, nella speranza di trovare eventuali partigiani.
      A quelli di casa pound invece voglio dire che la costituzione Italiana considera reato qualsiasi associazione o manifestazione che si ispiri al partito fascista…per il resto in democrazia ogn’uno è libero di esprimere il proprio pensiero, mentre durante il fascismo era assolutamente vietato criticare il partito,e i suoi membri.

  32. Scritto da hazet 36

    tornate nelle fogne!!!

  33. Scritto da paolo

    La cosa grave è che, nel terzo millennio una buona parte di gioventù italiana giochi alla rivoluzione, centri sociali che di sociale non hanno nulla se non determinate pratiche antisociali spacciate per “progresso”… Purtroppo sono bamboccioni incolti al pari degli altri, non è meritocrazia ma la realtà. Le sedi dei due opposti si trovano ai limitrofi della città, questo è sintomo di non integrazione nel tessuto urbano e sociale. Nascosti giocano ai soldatini. Nascosti giocano alla rivoluzione.

    1. Scritto da mao

      Caro paolo, l’essere ai margini della città è perche non viviamo nel “Borgo” ma in altri quartieri, e non per nostra scelta…secondo non siamo bamboccioni, io ho solo 27 anni, 2 lauree, d’estate pulisco gli escrementi delle capre, d’inverno spalo neve, lavoro da quando ho vent’anni e pensa ho pagato solo 6 mesi di contributi inps (grazie, marco biagi), non ho futuro nonostante ho investino nel mio futuro, studiando nel tempo libero mentre lavoravo, e non mi sono mai tirato indietro, come puoi vedere dai miei lavori…Non gioco a fare la rivoluzione, è una mia necessità sociale che forse tu da buon borghese non puoi capire

      1. Scritto da paolo

        da come ti firmi, da come ti esprimi, dalle etichette che proponi capisco che era meglio farti lavorare fin dai 13 anni e, magari con le capacità che ti contraddistinguono oggi saresti un bravo casaro, che ne so un ottimo gestore di agriturismo, non un tronfio spaccone che beandosi delle sue due lauree si crogiola nel sol dell’avvenire lavandosi la bocca con la necessità sociale. A fare il casaro o forse l’agriturismo la necessità sociale l’avresti combattuta in prima persona, per davvero. Per questo la parola bamboccioni fa tanto effetto, l’effetto dell’incapacità. E fidati non sono un borghese. Parola tanto cara ai soviet d’antan. O ex rivoluzionari d’antan che vi scaldano ancora la testa.

  34. Scritto da mauro

    mamma mia……
    consiglio una visita a Mauthausen…..

  35. Scritto da nicola

    la legge che vi impedisce di manifestare, che forse non conosci Brandolin, è la 645 della Costituzione che all’art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque «faccia propaganda per la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista

    1. Scritto da Alberto Brandolin

      la conosco bene quella legge, e stia tranquillo, signor nicola, che proprio in virtù di quella legge, tanto più in un contesto come quello di domani sera che di “ricostituzione del PNF” non ha proprio nulla, il diritto a manifestare come liberi cittadini ci è più che garantito.

    2. Scritto da rodolfo pandolfini

      Ben detto Nicola!

  36. Scritto da Maverik

    La cosa grave è che i tanti “democratici” che hanno firmato la lettera per impedire il presidio degli avversari politici non abbiano pensato loro ad organizzare qualcosa per commemorare gli innocenti assassinati nelle foibe dai comunisti titini

    1. Scritto da Gabriele Gonella

      Ma che commemorare, fanno propaganda appellandosi come al solito a paure e vecchi rancori. che schifosi.

    2. Scritto da Ivaldi

      Commemorare gli innocenti? Lo sai cosa hanno combinato gli italiani nell’Istria e nelle zone di occupazione durante la seconda guerra mondiale? …e fino aprova contraria non siamo stati forse noi italiani a invadere l’ex-jugoslavia?

    3. Scritto da che schifo

      ricordiamoci, comunque, che senza i nazi-fascisti non ci sarebbe bisogno di commemorare alcuna strage di innocenti. (E il fatto che a distanza di anni, con tutte le prove storiche documentate di quello che questi criminali hanno compiuto contro le popolazioni, nei lager ecc. ci sia ancora gente che ne segue le orme, fa veramente orrore)

      1. Scritto da paolo p

        se non sbaglio il numero dei deportati nei gulag è superiore ai lager.. e li non c’erano nazi-fascisti..giusto per dare voce alla storia, non mi schiero politicamente

        1. Scritto da che schifo

          vero, però per quanto riguarda i gulag non esiste negazionismo (tutti sia a destra che a sinistra ne hanno conoscenza) mentre per i lager nell’estrema destra il negazionismo è dilagante. E’ questa la differenza a prescindere dal fatto che entrambi siano stati una vergogna dell’umanità.

      2. Scritto da paolo p

        se non sbaglio il numero dei deportati nei gulag è superiore ai lager..giusto per dare voce alla storia, non mi schiero politicamente

        1. Scritto da Massimo

          Uno che dice che erano peggio i gulag dei lager si schiera non solo politicamente ma anche in modo misero. Entrambe le esperienze erano il peggio orrore che la mente umana poteva partorire. Ed io sono schierato politicamente a sinistra da sempre

    4. Scritto da castellant

      Condannare i comunisti titini non assolve i fascisti italiani.

    5. Scritto da tarta

      E gli innocenti trucidati dalle truppe di invasione italiane nella ex jugoslavia?Le donne e i bambini uccisi e infoibati nella pulizia etnica portata da noi, italiani brava gente? Non le ricordiamo? Ipocrisia? Nessuno nega il male delle foibe ma sarebbe opportuno anche raccontare tuttala storia e non solo in maniera parziale e faziosa! Sveglia!

      1. Scritto da maurizio

        Osservazione tragicamente vera:nemmeno i nazisti condividevano le atrocita’ commesse da “noi” italiani,soprattutto in Slovenia.I generali italiani dovevano finire a Norimberga,ma ci insegnano ancora a considerarli dei salvatori della patria!