BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dhl non smentisce l’ipotesi Malpensa Ma niente è deciso

Doveva essere l’incontro dei chiarimenti, non è stato altro che la conferma delle indecisioni che regnano attorno alla vicenda. Il presidente Sacbo Miro Radici: abbiamo tante proposte da mettere sul tavolo, ma prima vogliamo sapere le loro decisioni.

Si è tenuto mercoledì pomeriggio, a Orio al Serio, il tanto atteso faccia a faccia tra sindacati e DHL Aviation Srl.

Quello che doveva essere l’incontro dei chiarimenti, però, non è stato altro che la conferma delle indecisioni che regnano attorno alla vicenda.

Dall’ottobre scorso voci sempre più insistenti si rincorrono in merito all’ipotesi di spostamento a Malpensa del traffico merci gestito da DHL all’aeroporto di Orio al Serio. Nello scalo orobico, però, va segnalato che lavorano per la società di trasporto e logistica 484 dipendenti (ai quali si aggiungono 16 persone in somministrazione), mentre nella galassia di cooperative che fanno parte del sistema DHL ci sono altri 150 lavoratori.

Dall’incontro però, è uscita solo tanta incertezza, come confermato dal segretario della FIT CISL Alberto Civera: “DHL non ci ha dato nessuna rassicurazione ma solo tanti dubbi – ha spiegato -. Non c’è stata nessuna smentita circa la possibilità di passare a Malpensa e, al tempo stesso, è arrivata la conferma che nulla è stato deciso. Quel che è certo, comunque, è che qualsiasi decisione definitiva verrà presa dai vertici”.

Qualche dato, però, dall’incontro di questo pomeriggio è uscito: “La notizia positiva – ha continuato Civera – è data dal fatto che nel 2011 i conti dell’azienda sono stati chiusi senza perdite. Ora non ci resta che aspettare: da parte nostra c’è stata la richiesta di avere segnali dai vertici dell’azienda al più presto”.

Sulla questione DHL, infine, è intervenuto anche Miro Radici, presidente di Sacbo, la società che gestisce l’aeroporto di Bergamo Orio al Serio: “La questione è in stand-by da mesi – ha spiegato -. Aspettiamo che decidano da Lipsia. Noi abbiamo tante proposte da mettere sul tavolo, ma prima vogliamo sapere le loro decisioni. La speranza, ovviamente, è che DHL possa restare a Orio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tiberio Cron

    Tante chiacchiere per niente, chi ha il pallino in mano sceglierà la soluzione che gli metterà più soldi in tasca, tranquilli che delle famiglie e del rumore non gliene frega niente.Malpensa ha più collegamenti internazionali primari di Orio, ha spazi liberi e strutture capaci, ha politici per i quali è vitale farla andare bene (la lega) ci saranno anche là famiglie che per sopravvivere si accontenteranno di guadagnare qualcosa meno che qua a Orio; chi deve decidere farà tutti i suoi conti e deciderà.Non illudetevi anche fra chi appoggia quelli che si lamentano per il rumore e l’inquinamento ci sono quelli a cui non frega niente e lo fanno solo per visibilità e convenienza politica.

  2. Scritto da malfidet

    Se il signor Radici dice che ha tante proposte da mettere sul tavolo ma aspetta le decisioni di DHL, forse sbaglia.
    Se DHL non vede le proposte Sacbo, decide in base alle proposte che vede, e cioè solo quelle di SEA, e alla Sacbo non resta che leccarsi le ferite. Ma per curare le ferite, grazie a Formigoni e Zanetti, Sacbo si è attrezzata con importanti assunzioni di manager provenienti da enti ospedalieri!! Vero ???

    1. Scritto da me...doni

      …..ci sono anche leghisti

  3. Scritto da Paolo

    Ma come si fanno a dire fesserie del genere? Ancora con le favole della politica! Svegliatevi! Voi siete quelli che di sviluppo aeroportuale non sapete nulla e fate finta di spacciarvi per esperti.
    BGY ha SEMPRE voluto rinunciare ai voli cargo per fare spazio ai voli passeggeri. Sono anni che Sacbo aveva intenzione di dare incentivi alle compagnie come DHL per spostarsi a VBS (Brescia). Quando il piano per Orio era quello di creare un terminal nuovissimo a nord della pista principale, si dovevano chiudere aeroclub e zona cargo.
    Poi, con l’andamento dell’economia, Sacbo ha preferito ampliare il terminal esistente e rinunciare al vecchio piano…In DHL sanno che MXP offre più servizi di VBS…

    1. Scritto da wies

      Io non sò molto di sviluppo aeroportuale,ma è palese che certi “affari”non sono molto chiari,o lealmente concorrenziali,vedi Ryanair che pur di prendere pochi euro in più a passeggero spostò alcuni voli da Montichiari,tra Catullo e Ryanair non sò a chi dare il premio “cinismo”,la Sacbo vedeva bene negli spostamenti cargo a VBS,ne avrebbe giovato,in qualità Ori,o ed in incremento Montichiari.
      Ma questi sono fatti che solo le Lobbyes ( ma ci sono altri termini più efficaci…)possono capire….,caro Paolo…

  4. Scritto da Mammaindhl

    Prima di tutto il trasferimento a MXP per moltissime famiglie sarebbe proprio impossibile, la vedete una mamma che deve partire alle 5 del mattino e tornare alle 9 di sera per lavorare? Se DHL si sposta a MXP io mi dovrò licenziare…
    Secondo,davvero la decisione arriverà dalla sede centrale e incrociamo le dita che pensino alle persone e non alle cose…

    1. Scritto da paolo p

      GIUSTO..prima alle persone poi alle cose e agli € se permette xò tra le ppersone ci metto anche chi l’aeroporto lo SUBISCE quotidianamente, senza che ci sia un minimo di rispetto per le regole..

      1. Scritto da Walter Toni

        Allora mettiamo anche chi subisce le autostrade e le movide e l’atalanta.
        Poi, l’aeroporto ti fa viaggiare. La tua macchina ti fa viaggiare ma a me dà fastidio.
        Alle persone, GIUSTO: allora mettiamo anche il 1.000.000 di abitanti della provincia di Bergamo e i milioni provenienti dal Nord, che usano l’aeroporto.
        Le persone…

  5. Scritto da Nicola

    …. e diciamolo pure che le centinaia di dipendenti dovranno ringraziare gli amministratori leghisti che stanno dietro a SEA e che stanno lavorando per questo spostamento al fine di tappare qualche buco nella catastrofe tutta leghista di Malpensa.

  6. Scritto da gigi

    Ma non erano 5000 i lavoratori DHL tanto strombazzati?
    Ma mica li licenzierebbero, come hanno fatto molte aziende della Valseriana, verrebbero trasferiti.
    DHL non sono scemi, sanno benissimo che a Orio i voli notturni sono vietati e preferiscono anticipare le scelte.
    E tutti quelli in cassa integrazione a Malpensa e Montichiari.
    Concorrenza sleale? Ma se SACBO è maestra in materia (vedi Ryanair)
    Vuoi vedere che a difendere la salute di decine di migliaia di persone ….ci penserà il mercato?
    Chi è causa del suo mal… altro che denunce. Fatele, fatele, che faremmo ridere il mondo. Così imparate a non rispettare le leggi.
    o

    1. Scritto da Gassi Ugo

      Io dico che se andate avanti così voi del comitato, ad un dato momento quelli della SACBO si stuferanno le faranno, visto che parli solo perché ti hanno detto di dire così e il realtà di materie aeroportuali non sai niente. Vedrete che le denuncie anche penali per diffamazione e millantato credito vi faranno passare la voglia di fare cinema.

  7. Scritto da Orio al Serio, un aeroporto diventato grande (Facebook)

    Caro presidente, in prima luogo veda se esistono gli estremi per una denuncia a SEA per concorrenza sleale. Non si faccia intimorire dai ricatti di Bonomi. E soprattutto valutate se esistano gli estremi per sporgere querela nei confronti dei sindaci, soprattutto di Orio, che sputa nel piatto in cui mangia, e poi di altri sindaci, che, con lui , affermano il falso quando il VIA 2003 sosterrebbe un limite dei voli cfr. http://94.86.40.85/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf

    1. Scritto da giusy

      I Decreti vanno letti nella loro integrità. E’ vero il numero dei voli non è indicato nel V.I.A., perchè il VIA è un documento con il quale il Ministero “….esprime giudizio positivo circa la compati
      bilità ambientale del progetto relativo al Piano di Sviluppo…… a condizione che si ottemperi alle seguenti prescrizioni……….”. Trova la documentazione al sito:
      http://www.cartografia.regione.lombardia.it/silvia/jsp/procedure/archivioGenerale.jsf .
      Il Piano di Sviluppo per poter essere approvato indicava tutta una serie di dati, tra cui anche il numero dei voli, il numero dei passeg
      geri e il numero degli abitanti esposti al rumore. Se ha tempo e voglia di leggere troverà sorprese….

      1. Scritto da Anna Guzzi

        Corso di italiano per gente non rimbambita (dai mass-media?). Usa la tua testa.
        E leggi: dati di previsione e non tetti o limiti: si tratta di stime.

  8. Scritto da me...doni

    600 posti di lavoro…sono seicento famiglie che mangiano, ma qualcuno non lo sa.

    1. Scritto da marinoB.

      se vi trasferite a Malpensa , morite di fame.?.

      1. Scritto da me...doni

        Marino B non meriti risposta, sei troppo intelligente, bravo. Da come rispondi devi essere (stato) un gran lavoratore…..

      2. Scritto da Gassi Ugo

        Di sacrifici le famiglie che lavorano ne fanno già abbastanza. Devono tirare a fine mese e non allenarsi a fare i barboni.
        Non sono mica come quelli del comitato, che hanno tempo da perdere. Provate a fare la fatica del lavoro.
        Ecco di nuovo l’esempio di un fratello (coltello) italiano egoista e parassita

        1. Scritto da giusy

          … guardi che anche quelli del comitato lavorano e non hanno tempo da perdere, e faticano tanto e quanto lei : mi creda! Forse di più, perchè oltre al lavoro, alla casa ed alla famiglia impegnano il poco tempo libero che resta affinchè siano rispettati i diritti di salute e sicurezza, previsti da tutta la normativa da quella europea a quella regionale. Secondo lei se non si sentissero nel giusto, poichè avendo letto tutta la normativa hanno capito di essere stati presi in giro dalle istituzioni, pensa che protesterebbero? Vada a vedere il Piano di Sviluppo Sacbo e la delibera regionale n. 12564 del 28/03/2003, cosa diceva a proposito di compatibilità ambientale troverà molte sorprese…