BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Più voli, meno rumore, parlano le centraline

Gli aerei in decollo da Bergamo-Orio al Serio sono meno rumorosi rispetto agli anni scorsi. Lo dimostrano i dati che elaborano i rilevamenti delle tre centraline di Campagnola, via Canovine e Colognola.

Gli aerei in decollo da Orio al Serio sono meno rumorosi rispetto agli anni scorsi. Lo dimostrano i dati che saranno diffusi sul sito internet del Comune di Bergamo e che elaborano i rilevamenti delle tre centraline di Campagnola, via Canovine e Colognola. Meno decibel quindi, ma più voli: una curva inversamente proporzionale frutto degli accorgimenti messi a punto per evitare disagi alla popolazione dei quartieri cittadini interessati dal decollo degli aerei. Una problematica molto sentita dagli abitanti, che hanno più volte manifestato il proprio dissenso agli amministratori e a Sacbo attraverso lettere ai giornali, manifestazioni.

I grafici mostrano l’andamento dei decibel durante i mesi dell’anno. I picchi sono estivi, con l’aumento dei voli diretti verso i luoghi di vacanza, mentre in inverno si registra una netta attenuazione del disagio. Nella norma, come in tutti gli scali. Il dato interessante è la dimostrazione dell’efficacia delle procedure antirumore adottate da agosto: l’anticipazione della virata di 25-30 piedi, decolli in direzione Est e la concentrazione degli stessi dalla testata alfa della pista. Le stesse che erano state interrotte in modo unilaterale da Enac a metà dicembre perché ritenute provvisorie e sperimentali. Lo stop aveva causato un confronto abbastanza acceso tra l’ente e l’amministrazione di Bergamo. Da oggi, martedì 7 febbraio, verranno ristabilite a tutti gli effetti anche se è doveroso far notare che in questo mese e mezzo non sono state abolite totalmente.

L’assessore all’Ambiente Massimo Bandera ritiene positivi i risultati raggiunti in questi due anni e mezzo di lavoro. “In zone in cui l’impatto è forte abbiamo avuto miglioramenti importanti – spiega Bandera -. Soprattutto stiamo parlando di Campagnola e via Canovine. La sfida è Colognola, lì dovremo diminuire l’impatto. Questi dati dimostrano che lo sforzo fatto negli ultimi anni ha dato risultati. La nostra priorità, l’ho sempre detto, è la lotta al rumore. Sul tema dei numeri e dei voli non voglio esprimermi, noi riponiamo la massima attenzione al processo virtuoso dal punto di vista ambientale”. Anche se poi l’assessore non nasconde le sue perplessità quando qualcuno accenna a un ulteriore sviluppo dello scalo. Penso però che siamo arrivati al massimo sviluppo – continua -. L’obbiettivo è ora ridurlo perché siamo alla saturazione”. Nelle ultime settimane pare che la rabbia dei cittadini abbia lasciato spazio a un confronto costruttivo. “Abbiamo apprezzato l’apertura da parte dei comitati.. Io sono disponibile ad incontrare i cittadini anche perché mi piace confrontarmi su queste tematiche. Lo faccio però con dei dati precisi, che si possono commentare e interpretare. Posso dire che stiamo facendo passi avanti e nei prossimi mesi il lavoro continua perché si deve sempre migliorare la qualità della vita dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Abele

    Ma perchè il sig, Bandera non richiede agli amici della Sacbo anche per una sola settimana il decollo di tutti gli aeromobili in modo che transitino sopra il palazzo del Comune ? Avrebbe sicuramente la percezione REALE del rumore. Scommetto che dopo poche ore si vedrebbe installata sul Sentierone una centralina di monitoraggio !
    Cordialità

  2. Scritto da usiamo il cervello

    Egregio Assessore le centraline più che parlare “balbettano” perchè lei sa bene che quella di Campagnola per es. non tiene conto (come dovrebbe per legge!) del rumore dei rullaggi degli aerei. Quindi il rumore “vero” è molto più alto di quello dichiarato (come ha dovuto ammettere anche la stessa ARPA Regionale)
    Se i dati sono “scientifici”, come mai SACBO rifiuta pervicacemente di metterli in rete come avveniva fino al 2004 quando erano gestiti dalla Provincia?
    Perchè l’Assessore non risponde alla precisa contestazione che con questi livelli di rumore dichiarati dalle centraline per legge i voli notturni sono vietati?
    Altro che “miglioramenti importanti”!!!!

    1. Scritto da pro ARPA

      sempre i soliti a scrivere, ma quando si fanno certe affermazioni bisognerebbe citarne le fonti, o avere la correttezza di dire “secondo me…” La sfido: mi dica DOVE, COME e QUANDO ARPA ha detto che le centraline misurano meno del dovuto e che non tengono conto del rumore dei rullaggi… attendo risposta.

      1. Scritto da x pro ARPA

        stia tranquillo che non sono sempre i soliti… quanta passione per un buffetto, invece di sfidare, ci dica come è stato assunto in arpa, quali sono le procedure (vere) per i controlli, le sue responsabilità, i controlli a cui siete soggetti, ecc… non è necessario essere un genio dell’acustica, basta andare a 10 Km dall’aeroporto, una notte qualunque e vediamo se i rumori rispettano la normativa…genialoide precisino

  3. Scritto da MARIO

    premesso che il comune di Bergamo è l’unico che non supporta i suoi cittadini nei confronti del disagio creato dall’aeroporto, stupisce la dichiarazione dell’assessore Bandera quando cita miglioramenti importanti in zone critiche come Colognola e Campagnola. NON E’ VERO, IL RUMORE E’ AUMENTATO !Le centraline rilevano meno rumore perchè sono ancora posizionate
    per le vecchie rotte, Bandera aveva garantito il loro posizionamento per le nuove rotte, ma come il suo sindaco ci hanno preso in giro e mancano al loro mandato di amministratori pubblici.VERGOGNA!

    1. Scritto da tr

      Tu non hai affatto letto l’articolo. Non c’è scritto che le ARPA hanno rivelato i dati a Colognola, ma Bandera dice che a Colognola c’è da lavorare.

  4. Scritto da silvio

    Diminuito il rumore? Ma a me sembra invece di sentirlo con più frequenza rispetto a tempo fa.
    Io quando alzo gli occhi al cielo vedo un aereo boh poi vedo aerei che passano sull’autostrada altri sopra il Km rosso e altri più verso Azzano.
    Tranquilli “so mia CIOC” abito solo a Stezzano

  5. Scritto da polaroid

    quello che dice l’articolo conferma ciò che dicono quelli di Colognola: il rumore è vero e c’,è tant’è che se lavori sulle rotte e distribuisci i voli, elimini il rumore (canovine lo dimostra) ed i cittadini sono contenti… il problema è che l’unica risposta che da l’assessore è “tenetevi il rumore”.

  6. Scritto da Einstein

    Non sono un contestatore dell’aereoporto (abito pure lontano ….) , però l’equazione “più aerei=meno rumore” la trovo più rivoluzionaria della teoria della relatività. Qualcuno deve pur averci rimesso, no ?

  7. Scritto da senza parole

    Ah ah ah..certo in via canovine è diminuito perchè adesso gli aerei sono più vicini ad Azzano…che scoperta…ma con che coraggio affermano orgogliosi che i decibel sono diminuiti su certe zone però non dicono che sono aumentate in altre?!!ad Azzano e Stezzano prima gli aerei non si sentivano mentre adesso si sentono eccome..Bandera ovviamente guarda solo il dato di BERGAMO CITTA’…scandaloso…

  8. Scritto da elena

    fra un po’ ci direte che gli aerei non fanno più rumore e scaricano a terra profumo di rose. può anche darsi che il rumore sia diminuito di 1/100 di decibel, ma la situazione è ancora del tutto inaccettabile. finchè non si decide di dare uno stop all’aumento dei voli e di diversificare le rotte, non c’è palliativo che tenga. noi siamo qua sotto e il disagio è sempre enorme.

    1. Scritto da Squori Luca

      No, diciamo che i dati delle centraline sono scientifici. cmq in tutto il mondo esiste questi disagi.
      Ma l’autostrada di disagi ne crea di più. La tangenziale che passa sotto e va fino a Milano ne crea altri, la statale da Treviglio altri ancora.
      Anche le movide del giovedì creano disagi.
      Però nessuno dice niente. Come mai?

      1. Scritto da rita

        La movida del giovedì? E ti sembra paragonabile un evento che capita tre volte l’anno con le decine di decolli al giorno? Ma ci sei po ci fai?

  9. Scritto da qandis

    L’assessore Bandera non deve pontificare sullo sviluppo dell’aeroporto, che compete all’ente gestore. La politica deve starne fuori. Linate, che è circondato da paesi, ha avuto un traffico di 14 milioni di passeggeri l’anno, arrestato solo dal furto legalizzato di malpensa per aprirne la nuova aerostazione, scoperchiando case e facendo imbufalire abitanti limitrofi, problemi di qualsiasi aeroporto del mondo.
    Prendiamo atto, infine, delle proposte concerte allo sviluppo dello scalo, come il prolungamento della pista e / o la seconda pista sul Serio.

  10. Scritto da guga

    In merito alla realtà faccio solo presente a gigi che le centraline sono ancora posizionate sotto le vecchie rotte e non sotto le rotte che gli aerei percorrono adesso. Poi faccia lui. Secondo me è abbastanza normale che segnalino un calo del rumore, visto che dove sono loro gli aerei non passano più o passano molto più lontani rispetto a prima. Ma sotto le rotte percorse realmente cosa succede? Chi distorce la realtà?

    1. Scritto da gigi

      ma smettetela di piangere, credete che abitare di fianco alla circonvallazione sia meglio ? quando dalle 4 del mattino cominciano a passare i camion e in estater non puoi tenere aperta la finestra ? siete una minoranza che vuol dettare legge agli altri, replico solo per evitare che vi montiate la testa, non perchè mi interessi del vs pensiero

    2. Scritto da Anna Guzzi

      Chi mistifica la realtà siete voi, che della salute non ve ne importa niente e che avete solo la lingua fallace cone spada. Un esempio?
      http://www.minambiente.it/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf in cui non si parla del limite dei voli, ma voi continuate a negare l’evidenza. Chi mistifica la realtà? Chi?

  11. Scritto da gigI

    aspetti 5 minuti per sentire qualcuno del “comitatone contro l’aereoporto” che le dirà che son dati taroccati, che non è vero , che LUI personalmente li ha visti e sentiti, che è pagato dalla rayan air, che è un’azzionista ecc ecc, la fantasia e la capacità di distorcere la realtà ai “comitatoni” (20/25 persone) non manca

    1. Scritto da da colognola

      A nessuno piace essere preso in giro, tanto meno quando è in gioco la salute e la sicurezza delle persone. Le leggi della fisica dicono che, a parità di condizioni, aumentando il numero dei voli aumenta il rumore. Il miracolo delle centraline bergamasche si spiega con la non corretta localizzazione delle stesse, determinata dalla modifica della rotta. Le parole dell’assessore suonano pertanto offensive per chi subisce ogni giorno l’inquinamento acustico e chiede un confronto leale con le Istituzioni, chiamate a anzitutto a far rispettare la legge e non a modificare le rotte “per opportunità politica”. Ben venga l’apertura ad un costruttivo dialogo coni comitati ma, c’è da sperare, che ogni confronto si basi su dati oggettivi e non su mistificazioni.

      1. Scritto da Ricky Lasi

        Appunto su dati oggettivi e non su mistificazioni. Come questa http://www.minambiente.it/export/sites/default/archivio/allegati/Decreti_VIA/2003_677.pdf dove NON si dice di nessun tetto dei voli. Infatti il tetto è un invenzione del ciccione di bergamo e voi merluzzi d’acqua dolce ci siete cascati. A me suonano offensive non le parole dell’assessore, ma chi per accalappiare 4 voti in più si dimentica che Bergamo ha 121.000 abitanti. Questa è la democrazia italiana!
        Mi dimostra quello che ha affermato lì sopra? Visto che Lei parla di leggi della fisica, vorrei vedere la sua confutazione in modo dettagliato I dati sono scientifici e inerenti ad alcuni quartieri.