BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trincea nuovo ospedale “Procedura illegittima”

Protestano l'associazione degli avvocati Gargano e Trussardi e il consigliere regionale Gabriele Sola. Opera affidata senza appalto e non ritenuta necessaria dai collaudatori. "Mancavano i requisiti principali..."

Più informazioni su

“In merito alla realizzazione della trincea drenante a nord del nuovo ospedale di Bergamo, avente lo scopo di abbassare il livello della falda acquifera che già ha provocato copiose infiltrazioni nella struttura appena costruita, vogliamo sottolineare come la procedura scelta per l’affidamento dei lavori da parte dell’Azienda Ospedaliera sia palesemente illegittima.

Come riportato da notizie di stampa, l’Azienda ha scelto di attribuire l’incarico della realizzazione della trincea drenante alla DEC (la medesima impresa che ha realizzato la nuova struttura sanitaria) mediante procedura di affidamento diretto anziché a mezzo di gara d’appalto.

La differenza è semplice: con la gara d’appalto si pubblica un bando con ’indicazione dei lavori da eseguire e del loro costo (base d’’asta), si raccolgono le offerte al ribasso rispetto alla base e si aggiudicano i lavori a chi ha presentato l’’offerta più conveniente. Con l’’affidamento diretto si salta questa procedura e si affidano i lavori direttamente ad una determinata impresa scelta  dal committente pubblico senza alcuna gara.

Con la gara d’’appalto il committente può realizzare un notevole risparmio (spesso le gare vengono aggiudicate con il 20%, il 30% o anche il 40% di ribasso), che invece sfuma affidando direttamente i lavori all’’impresa prescelta senza gara. In base all’’art. 57 comma 5 lettera a del Codice degli Appalti (richiamato dall’Azienda Ospedaliera a conferma della correttezza del proprio operato) la procedura di affidamento diretto è legittima in presenza di queste condizioni: “per i lavori o i servizi complementari, non compresi nel progetto iniziale nè nel contratto iniziale che, a seguito di una circostanza imprevista, sono divenuti necessari all’esecuzione dell’opera o del servizio oggetto del progetto o del contratto iniziale. Pare evidente come nel caso in esame questi requisiti manchino.

In primo luogo, la trincea drenante viene realizzata in base ad una circostanza prevedibilissima e prevista: la presenza della falda acquifera superficiale nell’’area della Trucca e le conseguenti infiltrazioni alla struttura che la stessa provoca. Non ci dilungheremo sul fatto che tutti sapessero della falda superficiale: oltre che essere fatto notorio, esistono almeno due perizie geologiche che ne confermarono la presenza e consistenza ben prima che si decidesse di costruire il nuovo ospedale. Il rischio infiltrazioni venne messo in risalto nel 2002 da una perizia presentata dal Groupe 6 (secondo classificato alla gara di progettazione), che contestando la sottostima dei costi esposti dalla vincitrice Scau mise in evidenza come sarebbe stata necessaria la realizzazione di una trincea drenante per l’abbassamento del livello della falda.

In secondo luogo, manca il requisito della indispensabilità della trincea drenante all’esecuzione dell’opera principale, ovvero la struttura ospedaliera. E stata la stessa commissione di collaudo nominata dall’Azienda a stabilire nel luglio del 2011 che la trincea non era più necessaria: (Carlo Nicora, Eco di Bergamo 04.09.2011:  A fine luglio la Commissione tecnica di collaudo ha comunicato che la sospensione della dichiarazione di collaudabilità a fronte della mancata risoluzione delle infiltrazioni d’acqua era da ritenersi rimossa: questo viste le attività svolte per migliorare e fronteggiare la situazione.)

Ciliegina sulla torta: non solo la procedura scelta è illegittima e potenzialmente fonte di danno economico ma la scelta quale impresa esecutrice dell’impresa che ha promosso una causa contro l’Azienda Ospedaliera per oltre cento milioni di Euro e cui l’assessore regionale alla sanità ha imputato errori nell’esecuzione delle opere di impermeabilizzazione desta più di una perplessità in termini di opportunità. Anche questa vicenda dovrà essere vagliata dalla Corte dei Conti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Questa vicenda non è nemmeno più commetabile. Formigoni ha appena presenziato ad un delizioso e opportuno Open Day dell’Ospedale Nuovo (le parole italiane presentazione o porte aperte sono troppo provinciali. Meglio stare sull’anglosassone). Salatini, gessatini grigi, orologini rolex, belle battute da wine bar alla moda, qualche spacco discreto, ma osè, leggere abbronzature, scaprpette di prada, audi e mini cooper parcheggiate fuori, sobrietà di plastica, bianchini rigorosamente del territorio, sorrisi appena sbiancati dal Ferdy, il dentista di tendenza, ammiccamenti, serie riflessioni politiche, quanche citazione culturale, linguaggio convenzionale, relazioni pubbliche con e tra i signorotti politici locali, grande cordialità, telecamere della Tv locale. C’era tutto. Una giornata di festa e di ottimismo per opporsi agli straccioni pessimisti. Hanno ragione, i soldi non sono mica i loro. Molti politici, imprenditori e tecnici orobici sono esattamente come i politici del fumetto Alan Ford. quello del Gruppo TNT. Il genio di Max Bunker rappresentava i tre sindaci della città come uomini ben panciuti, in doppiopetto scuro, con la faccia da maiale. Max Bunker sapeva bene di cosa parlava.
    Io sono per la ricchezza e l’abbondanza. Ma questa ricchezza e questo tipo di economia distruggono il paese.

    1. Scritto da katia

      scusa ma…hai sbagliato open day!non c’era nessun rinfresco o altro,ameno che tu non parli dei distributori automatici,solo visite guidate…e chi è venuto l’OSPEDALE l’ha visto e vi ha passeggiato dentro

      1. Scritto da MAURIZIO

        Cara Katia, lo so. Ho solo immaginato un iopen day tipo. Mi sembra molto meno grottesca la mia riscostruzione fantasiosa che l’open day proposto in una situazione squallida e non più commentabile come questa. Oggi per capire la realtà, così involuta e disgregata, devi raccontarla a volte in modo surreale. Non ti sembra?

  2. Scritto da luciano

    ma che razza di ingegneri e progettisti abbiamo a che fare???? che vergogna…… gli arabi costruiscono cattedrali sulla sabbia in mezzo al mare e qui non riescono nemmeno a tappare un buco in una fontana povera italia , oltre agli sprechi pure le beffe….

  3. Scritto da e

    vergogne su vergogne. Ineccepibile il ricorso.
    La sanità “eccellente”?!?….?