BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Testimoni del nostro tempo incontro con Marco Revelli

Primo incontro dei “Dialoghi con i testimoni del nostro tempo”. Marco Revelli ospite mercoledì 8 febbraio nella sala incontri di Torre de’ Roveri

Incontro pubblico con Marco Revelli dedicato al tema “Quale lavoro? Per accogliere le sfide del cambiamento.

La Fondazione Don Primo Bonassi organizza un incontro pubblico con Marco Revelli che si terrà mercoledì 8 febbraio 2012 alle ore 20.30 nella sala incontri de Il Pitturello di Torre de’ Roveri.

L’incontro è il primo dei “Dialoghi con i testimoni del nostro tempo”, un itinerario in tre tappe per comprendere il nostro presente e per contribuire a un progetto culturale, sociale e civile di convivenza nel quale futuro e felicità possano liberarsi. Compagni di viaggio sono alcuni ‘testimoni’, credibili, vicini alla realtà quotidiana e in grado di tracciare orizzonti come Marco Revelli, figlio dello scrittore e partigiano Nuto Revelli, è professore ordinario di Scienze della politica all’Università del Piemonte Orientale “A.Avogadro”. Scrive per il quotidiano La Repubblica. Ha sviluppato un’accurata riflessione sulle culture politiche e sulle loro trasformazioni, approfondendo la ricerca sul rapporto tra forme della politica e strutture sociali e produttive. Ha coordinato la Commissione di Indagine sull’Esclusione Sociale (CIES).

Il ciclo di incontri prevede inoltre: “Stili di vita praticabili per un’economia sostenibile” dialogo con Francesco Gesualdi venerdì 2 marzo 2012.

Francesco Gesualdi, in gioventù allievo di Don Lorenzo Milani, coordina le attività del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano (PI), un centro di documentazione che si occupa di squilibri sociali, economici e ambientali a livello internazionale, con l’obiettivo di indicare iniziative concrete per opporsi ai meccanismi che generano ingiustizia e cattivo sviluppo. Promuove l’utilizzo di strumenti come il consumo critico, la "non-collaborazione", il boicottaggio, il commercio alternativo, l’obiezione fiscale, la finanza solidale, le reti locali, la banca del tempo, lo sviluppo sostenibile, cercando di proporre modelli alternativi negli stili di vita, della produzione e dell’economia.

“L’economia è importante, la felicità di più”. Dialogo con Luigino Bruni mercoledì 18 Aprile 2012. Luigino Bruni è docente di Economia Politica all’Università di Milano-Bicocca.

Si occupa principalmente di storia del pensiero economico e dei fondamenti etici e antropologici in economia. Tra i principali argomenti di ricerca, ha approfondito i temi della reciprocità, della felicità in economia, dei beni relazionali, dell’economia civile, sociale, di comunione.

Per informazioni tel. 035.583485  www.aeper.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.