BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lega Nord da sola, Saffioti: “Un gioco da opposizione”

L’annuncio della corsa solitaria alle prossime elezioni amministrative è un duro colpo per il Popolo della Libertà. Nei 19 Comuni bergamaschi il centrodestra ora dovrà riorganizzarsi.

Più informazioni su

L’annuncio della corsa solitaria alle prossime elezioni amministrative è un duro colpo per il Popolo della Libertà. A Bergamo come nel resto della Lombardia dove si preparano al voto città come Monza e Como. Nei 19 Comuni bergamaschi chiamati alle urne il centrodestra ora dovrà riorganizzarsi consapevole che il Carroccio ha deciso di staccarsi definitivamente del partito di Berlusconi nonostante a livello territoriale l’alleanza sia salda. Non sono in discussione invece le amministrazioni in cui Lega e Pdl sono già al governo, come Comune e Provincia di Bergamo. Nonostante Umberto Bossi abbia preso le distanze dal suo ex alleato, all’orizzonte non si vedono maggioranze a rischio. “In quei casi è stato fatto un patto con i cittadini, quindi sarebbe venir meno a un impegno preso con loro – spiega il coordinatore del Pdl Carlo Saffioti che domenica 12 febbraio lascerà il posto a Enrico Piccinelli o Angelo Capelli -. Io spero che ci sia la possibilità di valutare caso per caso, anche perché in molti Comuni l’alleanza ha funzionato e sarebbe opportuna una riconferma. E’ chiaro che la Lega Nord in questo momento sta premendo l’acceleratore sulla strada dell’opposizione per capitalizzare il malcontento della gente nei confronti del governo. Peraltro credo che Monti nonostante la situazione non facile stia raddrizzando il tiro. Gli interventi sull’articolo 18 sono cruciali e mi sembra che sia procedendo con decisione. A mio avviso questi sforzi dovrebbero essere supportato da tutti. Bisognerebbe cercare di non guardare all’interesse contingente, mi rendo conto che non è facile”. Quale strategia adottare? Nelle prossime settimane si terranno gli incontri tra gli schieramenti per capire come muoversi in Comuni non certo di secondo piano come membro, Brembate Sopra, Capriate San Gervasio, Gandino, Curno e Mozzo. Non è escluso che la necessità di presentare un fronte di centrodestra compatto spinga il Carroccio a chiedere una deroga al regolamento votato venerdì dal consiglio nazionale della Lega lombarda.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Ma ritiratevi entrambi. Avete già stressato abbastanza questo paese.

  2. Scritto da roberta

    Scusate, ma perchè Saffioti non si ricandida alla segreteria del PDL? Sarebbe il primo caso nella storia di segretario uscente che si faccia spontaneamente da parte… a meno che ci sia stata la forte pressione di qualcuno. Spero in una smentita chiarificatrice, grazie

  3. Scritto da Giuli

    Caro dott. Saffioti, volevo sommessamente informarla che la seconda scarpa in cui ha sino ad ora tenuto il piede, si è improvvisamente ristretta ed ora le fa male. Non ho capito cosa c’entri Monti in tutto ciò, ma non era stato nominato perchè era esterno ai partiti ed in grado di fare operazioni indigeribili per l’elettorato del PDL? Dunque la Lega capitalizza i risultati della propria azione politica (magari utilitaristica ma azione) ed i dirigenti del PDL giustificano il proprio immobilismo e la conseguente perdita di consensi con l’operato di Mario Monti? La prego dott. Saffioti dia un segnale faccia politica e non si limiti a fare la ruota di scorta della Lega, è proprio vero che la storia di questi ultimi anni nella provincia non insegna nulla.

  4. Scritto da Aristide

    «Non è escluso che la necessità […] spinga il Carroccio a chiedere una deroga al regolamento votato venerdì dal consiglio nazionale della Lega lombarda»: ah, mi pareva. Poi c’è la gherminella di fare liste civiche farlocche (la Lega ha detto: Pdl no, liste civiche sì). Così alcuni uomini politici del Pdl sperano di salvarsi (a spese del Pdl). Però in questo ragionamento furbastro non si sono fatti i conti con il convitato di pietra: il crollo del carisma, sia quello di Berlusconi, sia quello di Bossi. Si dà il caso che Pdl e Lega fossero (parlo al passato) due partiti carismatici. Mettiamocelo bene in testa: “No charisma, no party”.

  5. Scritto da bassaiolo

    Saffioti chi vive sperando…… etc etc