BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La Teb non aumenterà il costo dei biglietti”

Teb sopravvive alla crisi senza aumentare il costo dei biglietti. Parola del presidente della società Nunziante Consiglio, deputato leghista, che ha relazionato sullo stato economico del 2011 e sulle previsioni gestionali dell’anno appena iniziato.

Più informazioni su

Teb sopravvive alla crisi senza aumentare il costo dei biglietti. Parola del presidente della società Nunziante Consiglio, deputato leghista, che ha relazionato sullo stato economico del 2011 e sulle previsioni gestionali dell’anno appena iniziato. La convenzione scaduta lo scorso 31 dicembre è stata rinnovata fino a marzo, poi verrà firmato un altro documento che ricalca sostanzialmente la ripartizione tra Regione (50%), Provincia e Comune (entrambi al 25%). Il Pirellone si prepara a sborsare tre milioni di euro, Palafrizzoni e via Tasso 1,1. E dire che a dicembre la prospettiva era ben più nera, con l’assessore Cattaneo tentato dalla possibilità di togliersi definitivamente dalla gestione dell’infrastruttura. Il primo rilancio fatto consisteva in un salomonico 33,3% a testa, poi Tentorio e Pirovano hanno convinto Cattaneo a confermare l’impegno economico con la richiesta di pubblicare in anticipo la gara per la gestione del trasporto pubblico locale in Bergamasca. Entro l’estate verrà quindi pubblicato il bando. L’azienda che lo vincerà potrà gestire l’intero sistema del trasporto nella provincia orobica: urbano ed extraurbano, compresa la Teb. Le difficoltà economiche hanno portato la società a chiedere mutui trentennali per circa 20 milioni di euro. Nonostante tutto i costi dei biglietti rimarranno invariati: “La tramvia Bergamo-Albino è un’opera sociale – spiega Consiglio – potevamo triplicare i costi dei biglietti ed avevamo risolto tutti i problemi, però non sta nella logica di un’infrastruttura pubblica così importante”. Nessuna chance invece per la tratta che dovrebbe collegare Bergamo a Villa d’Almé. Il problema, manco a dirlo, è una questione di costi. “Costa 100 milioni. Lo Stato ha garantito che copre il 60%, ma dobbiamo allo stesso tempo portare sul piatto gli altri quaranta. Penso che rimarrà un progetto sulla carta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.