BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“In 10 anni 5 lavori Altro che monotonia”

Notapolitica ha intervistato Francesco Luccisano, 29 anni, bergamasco, che ha cambiato moltissimi lavori negli ultimi anni e dà ragione a Monti. Il presidente del Consiglio ospite della trasmissione Matrix aveva definito il posto fisso “monotono”.

Più informazioni su

Notapolitica ha intervistato Francesco Luccisano, 29 anni, bergamasco, che ha cambiato moltissimi lavori negli ultimi anni e dà ragione a Monti. Il presidente del Consiglio ospite della trasmissione Matrix aveva definito il posto fisso “monotono”.

"Monti dipinge una realtà che i giovani già vivono. In 10 anni ho cambiato 6 città, 10 case, 5 lavori. Non é male". Lui è Francesco Luccisano, 29 anni, bergamasco per nascita e cosmopolita per necessità lavorativa. Francesco fa anche parte di RENA, la Rete per l’eccellenza nazionale, un’associazione indipendente di giovani che si occupa, tra le tante cose, di spiegare ad altri giovani qual è il mondo del lavoro che lo attende. Quello citato in apertura è il suo tweet di giovedì mattina, rimbalzato in lungo e in largo nella rete dopo le parole del premier Mario Monti sulla "monotonia" del posto fisso. A Notapolitica ha spiegato perché, secondo lui, Monti non ha fatto altro che sfondare una porta aperta, a mostrare una realtà con la quale in troppi, oggi, si ostinano a non voler fare ancora i conti.

Insomma, Francesco: tante case, tanti lavori…non ti annoi di sicuro. A dire il vero quello che mi ha colpito è che forse ci siamo persi l’affermazione più forte. Che non era quella del posto fisso noioso, ma era la parola "apartheid" che Monti ha usato dopo un po’ per descrivere la separazione tra chi non gode di nessuna tutela e ammortizzatore sociale, cioè la nostra generazione, e quelle precedenti. Forse quello è il vero problema. Il fatto di dover cambiare lavoro spesso e di non poter contare sul posto fisso lo sapppiamo già. Infatti, la cosa che mi è piaciuta è che tante persone hanno risposto al mio tweet dando i loro numeri: cinque case, sei paesi, quattro nazioni, tre lavori… Di fatto, Monti ha squarciato un velo che nella vita di tutti i giorni era già squarciato. Nessuno, secondo me, nutre più l’illusione, ma neanche l’aspirazione ad un posto che sia uguale a se stesso per tutta la vita. E se qualcuno ha ancora quella speranza, bisogna anche dirlo che si sbaglia. Senza dover per forza nascondersi dietro un dito.

Ed è poi anche quello che cercate di insegnare ai ragazzi coinvolti nel progetto "(In)formiamoci", con l’associazione Rena. Sì, è un progetto che abbiamo pensato per gli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori. L’obiettivo è quello di colmare il gap tutto italiano tra scuola ed università, o scuola e mondo del lavoro. Si concretizza attraverso incontri nelle scuole, durante i quali i ragazzi vengono coinvolti in veri e propri giochi di ruolo. Gli studenti vengono incoraggiati ad immedesimarsi in professioni che non conoscono, e che sono sostanzialmente tutte quelle che facciamo noi, che fanno i giovani della nostra generazione. Da questo gioco nasce la curiosità e il desiderio di capire come funziona il mondo del lavoro. Una delle prime cose che spieghiamo loro, è che non devono avere paura della flessibilità, di cambiare lavoro, di costruirsi un curriculum che sia fatto soprattutto di esperienze, e non solo titoli.

Si può fare un parallelismo con l’affermazione di qualche giorno fa del viceministro Michel Martone, quella sui 28enni "sfigati" perché alla loro età non hanno ancora una laurea? Un parallelismo può esserci sotto l’aspetto della comunicazione, più che dei contenuti. Entrambe le uscite sono state percepite in maniera negativa perché, sostanzialmente, hanno detto cose che tra di noi ci diciamo tutti i giorni, ma forse non vogliamo sentirci dire da chi non è percepito come uno che vive la nostra stessa situazione. Mi spiego. Tra noi ce lo diciamo, magari, che il tale è uno sfigato perché non si dà da fare e resta a farsi mantenere dai genitori. Tra noi ce lo diciamo che non troveremo mai un posto fisso e che, anzi, sarebbe forse persino noioso restare più di due o tre anni nello stesso posto. Però sentirselo dire da qualcuno che viene percepito come "estraneo" può aver urtato. C’è da dire che Monti ha fatto questa affermazione mentre con l’altra mano sta lavorando per andare a infastidire altre categorie, che non sono certo i giovani. Fare una riforma del mercato del lavoro che incide sulla licenziabilità dei lavoratori dipendenti va a colpire i più vecchi, sostanzialmente. Così come la riforma delle pensioni. Secondo me né Monti né Martone hanno detto nulla di falso. L’urto è stato più che altro mediatico. Forse è anche colpa nostra, che guardiamo il dito e non la luna quando qualcuno indica i problemi che ci riguardano.

Vivi il fatto di aver dovuto cambiare lavoro così tante volte come un problema, un ostacolo, oppure come un’opportunità? Innanzitutto, premetto che non ho cambiato sempre in meglio. La carriera non è una linea che cresce esponenzialmente, ma ha i suoi alti e bassi. Dal mio punto di vista è stato sicuramente un arricchimento. Ogni esperienza, ogni lavoro diverso che ho fatto mi ha permesso di aggiungere valore ai lavori che ho fatto dopo. Non nascondo però che il nostro Paese non ci aiuta ad essere così aperti al cambiamento. Ho cambiato cinque città, molti lavori, ma non ho mai usufruito di un affitto agevolato, non ho mai avuto un sussidio di disoccupazione che mi aiutasse nei momenti di passaggio. Ho sempre contato soltanto su di me e, soprattutto all’inizio, sull’aiuto dei miei genitori. E questo mi ha fatto pensare: la mia carriera è iniziata con degli stages a titolo gratuito a Ginevra, che mi hanno permesso poi di trovarmi lavori interessanti negli anni a venire. Ho sempre pensato: i miei colleghi più brillanti di me, che non potevano permettersi quell’ultimo miglio dopo l’università, come hanno fatto? Sono uno spreco per il Paese, perché nonostante fossero più bravi di me non hanno potuto permettersi quel passo in più in una città straniera. Il cambiamento è giusto, è vero, ma ci serve un sistema di ammortizzatori sociali che lo incoraggi e lo aiuti, non che lo ostacoli.

Invece da noi è tabù quello che negli altri grandi paesi occidentali è la normalità: essere pronti a fare le valige per andare dove gli studi e il lavoro portano. Senza aspettarci che accada il contrario. Noi abbiamo preferito aprire un’Università per ogni paesino, in modo da poter andare in una sorta di "grande liceo" anche dopo la maggiore età. È vero che spesso è questione di maggiore o minore apertura mentale, ma è anche vero che questa deve essere supportata da precise scelte politiche. Per favorire davvero la creazione di un ambiente che sia aperto alla flessibilità e al cambiamento, bisogna essere pronti a cambiare anche quelle cose che fanno un po’ paura. Come ad esempio chiudere qualche università e magari destinare qualche soldo in più per i sussidi agli studenti fuori sede. Oppure ripensare alla cassa integrazione così com’è strutturata oggi per poter desinare più risorse ai sussidi di disoccupazione. Sono tutte cose che nascono da cambiamenti culturali, ma devono trovare un riflesso necessario anche nelle politiche.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da La verità fa male

    Qui di “fisso” da due settimane ci sono solo le cretinate che sparano questi ministri dal pianto facile (ovviamente, come qualsiasi politicante, il giorno dopo aver detto la stupidata smentiscono, rettificano, precisano, dichiarano che i giornalisti hanno capito male). Nella loro vita questi ministri predicatori PRIMA hanno piazzato sè stessi e i loro parenti in posti sicuri, addirittura Monti in un posto “a vita”, e soprattutto in posti pubblici (quelli retribuiti dai cittadini, dove non si rischia mai il licenziamento e che danno diritto a ricche pensioni); DOPO che si sono messi al sicuro, e soprattutto DOPO che hanno stangato i giovani a suon di tasse e di “riforme delle pensioni” (che non li riguardano) hanno pure il coraggio di insultarli con frecciatine stupide (ma “sobrie”). Se queste cretinate le avessero dette Silvio e i suoi ministri, avremmo piazze piene di gente urlante, articoli di giornale e trasmissioni televisive di fuoco, intellettuali di regime “indignati” ecc …..

  2. Scritto da molot

    quasi quasi mi metto a fare il rapinatore e poi lo spacciatore sai che noia il posto fisso

  3. Scritto da Gio

    Inutile tentare di scusare quel trombone di Monti: UNO CHE PER DIVENTARE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, a tempo determinato, ha desiderato prima essere nominato SENATORE A VITA! Altro a posto fisso!!! A vita, è chiaro? 24.000 Eu/mese per sempre!! solo per questo e non deve neppure disturbarsi per la pensione (ovviamente ha già altre pensioni!). Quando il giornalisti smetteranno di assecondare questi IPOCRITI!

  4. Scritto da il polemico

    certo,cambio casa ogni anno,cosi pure gli amici,gli affetti e via dicendo…cavolo,ma è la vita del calciatore……allora se vuole la chicca,perchè non lavora a pulire gli animali nei circhi?altro che 5 città in 10 anni,qui le fa in 2 mesi.e poi dai,non tutti sono laureati,non tutti hanno genitori che ti appoggiano economicamente,ci sono anche onesti operai da 1200 euro al mese,come possono accedere ad un mutuo se sono sempre in movimento?e poi vorrei vedere quando avrà una famiglia come farà,sballotta il figlio in giro per l’europa solo per il gusto di raggiungere il suo ego professionale?e se monti dice che è noioso sempre stesso lavoro,perchè ha accettato carica di senatore a vita??fino a quando campa,sempre seduto in parlamento a votare per 15mila euro al mese..,.che barba,non può nemmeno avere tempio di spendere le altre pensioni che gode di già….che mondo ingiusto

  5. Scritto da dubbio

    Mi scusi, mamma e papà l’hanno aiutata negli studi e a “spiccare il volo”, le posso garantire che i giovani ormai neanche possono immaginare il posto fisso, per lo meno qui da noi nel sud Europa, la questione è un po’ diversa, sono quei diritti al lavoro e alla vita dignitosa che ci avevano riscattato negli anni ’70 e che dagli anni ’90 hanno avuto un lento ed inesorabile declino, senza alcuna alternativa imprenditoriale, fatta da veri “Imprenditori”.