BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fitch declassa 5 banche Ubi Banca ora è BBB

Tra i cinque istituti di credito figurano Ubi Banca, Banco Popolare (che detiene il Credito Bergamasco) e Iccrea Holding che raggruppa anche le 9 Bcc della bergamasca.

Più informazioni su

L’agenzia Fitch ha tagliato il rating di cinque banche italiane: Ubi Banca, Banco Popolare (che detiene il Credito Bergamasco), Monte dei Paschi di Siena, Iccrea holding (che raggruppa le Casse Rurali di cui nove in Bergamasca), e Intesa Sanpaolo. La decisione, secondo l’agenzia di rating, fa seguito al taglio del giudizio sul merito di credito dell’Italia
I rating di Mps e del Banco Popolare sono stati abbassati da “BBB+” a “BBB”, quelli di Iccrea Holding e di Ubi Banca da “A-” a “BBB+” e quello di Intesa Sanpaolo da “À ad “A-“.
Tutti i rating delle banche italiane, inclusi quelli confermati ad “A-” di Unicredit, Popolare di Sondrio e Banco di Desio e della Brianza, sono stati tolti dal rating watch negativo. Restano comunque negative le prospettive sui rating degli istituti coinvolti ad eccezione di quelli di Mps e Banco Popolare.
Le azioni sul rating seguono l’abbassamento del giudizio sull’Italia ad “A-” con prospettive negative dello scorso 27 gennaio.
“I fattori chiave che hanno condotto all’azione sul rating sovrano – spiega la nota diffusa dell’agenzia Fitch – contribuiscono anche al downgrade e all’outlook negativo sulle banche italiane”. Secondo Fitch l’andamento dell’economia italiana – con la previsione di una riduzione del Pil dell’1,7% nel 2012 e una crescita dello 0,2% nel 2013 – “produrrà probabilmente un ulteriore peggioramento della qualità degli asset e più alte perdite su crediti, mettendo la già debole redditività della maggior parte delle banche ancora più sotto pressione”. Nonostante le aste a tre anni della Bce “abbiano allentato” la pressione sulla raccolta e la liquidità dei nostri istituti, “Fitch ritiene che le banche italiane affrontino un accesso al mercato wholesale meno prevedibile e costi strutturalmente più alti del funding”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da @sb

    … e che c’azzecca monti con il management e la gestione di banche private?

  2. Scritto da sb

    e questo rappresente tutto ciò che monti ha fatto di “buono”? uno schifo!!!!!

    1. Scritto da Symba

      quanta ignoranza ceh c’è in giro ragazzi….

    2. Scritto da enrico

      E’ arrivato il fenomeno, abituato a quello che gli racconta la televisione, cioè che ci vuole il Mago Merlino per toglierci dalle secche in cui ci hanno messo trent’anni di politiche economiche scellerate, a partire dal Caf per finire col Cav. Caro sb, se ne faccia una ragione: servirà un duro lavoro, tanta pazienza, e soprattutto gente capace e sveglia, al contrario del nonnetto di Arcore che si addormentava in pubblico.

  3. Scritto da Gianluigi

    E ora il management di UBI che hanno portato la banca a questo disastro abbiano la decenza di andarsene!!!