BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, Belotti nella bufera “Sto solo esprimendo i dubbi di tante persone”

L'assessore regionale leghista potrebbe essere querelato dal pm del caso Yara, Letizia Ruggeri. "Non ho nulla di personale contro il magistrato, rispetto il ruolo della giustizia, ma deve arrivare un politico per chiedere di dare un supporto alle indagini?"

Più informazioni su

Daniele Belotti è in trincea nel caso di Yara Gambirasio e sul caso specifico che lui stesso ha sollevato, vale a dire la sua petizione nella quale chiede la sostituzione del pubblico ministero Letizia Ruggeri, eventualmente il suo affiancamento con un magistrato "più esperto", e definisce il pm di "basso livello tecnico e morale". Una frase che può costargli una denuncia per diffamazione.

Belotti, quella frase in effetti è piuttosto grave…

Mi riferivo al caso specifico, alla condotta specifica, non certo alla persona del magistrato, che non conosco.

Si, però si parla di caratura morale, non la ritiene pesante?

Quella frase nasce dalla delusione e dalle modalità con cui il magistrato ha negato alla famiglia l’accesso agli atti delle indagini. Credo che anche l’aspetto umano abbia un valore.

Però può rendersi conto che il caso a cui ci troviamo di fronte è difficilissimo?

Lo è, non lo nego. Io non imputo alla Ruggeri di non aver trovato il colpevole, perchè di casi senza colpevole, purtroppo, ce ne sono tanti, insoluti.

Cosa sta imputando allora?

In più di 14 mesi ho raccolto molti dubbi, leggendo i giornali, guardando la tv, apprendendo le cose che tutti i semplici cittadini hanno appreso. Il magistrato parla di illazioni della stampa. Ma le illazioni, se sono tali, devono avere o una risposta o una smentita, soprattutto quando parliamo di un caso che ha colpito tutti. E questo non è avvenuto. Non solo: i familiari di Yara si sono sempre comportati in modo encomiabile, con la massima fiducia nella procura della Repubblica di Bergamo. Quando anche loro hanno chiesto di sapere qualcosa in più si sono trovati di fronte a tre righe del magistrato per dire no.

Devono indignarsi i genitori di Yara, però, forse assistiti dal rispetto di tutti, non crede?

E’ una questione che riguarda i genitori di Yara, certo. Ma credo che quelle tre righe della procura, per negare l’accesso agli atti delle indagini, sia un passaggio che ha fatto male a tanti cittadini, bergamaschi e non solo.

Belotti, tolga un dubbio: lei ha agito dopo aver contattato la famiglia di Yara?

No, assolutamente no. La famiglia non ha contatti con me, io non ho contatti con loro. Io sono stato interpellato da gruppi di cittadini molto dubbiosi e molto amareggiati dall’ultimo episodio.

I magistrati le ricordano che un intervento della politica sulla magistratura, come il suo, non ha senso e non è previsto dall’ordinamento. Cosa ne pensa?

Do ragione ai magistrati che si sono espressi in questo senso. Ma mi pongo un’altra domanda: deve arrivare un assessore regionale a metterci la faccia prima che la Giustizia si muova per dare un supporto al magistrato del caso Yara?

L’impressione può essere che lei la stia buttando in cronaca per ottenere visibilità politica. E’ così?

A chi afferma questo dico che quando si fanno certe azioni la visibilità è niente rispetto ai rischi che si corrono. E lo si sta vedendo. Io credo che tantissimi pensino quello che io ho detto, a cominciare dai tanti giornalisti che hanno seguito sempre il caso e mi hanno chiamato per questa mia iniziativa. Mi dicono che persino la Palombelli e Meluzzi hanno condiviso questa azione. Ho sentito in forma anonima molti agenti di polizia che condividono tanti dubbi. Se tanti la pensano così ma nessuno ha mai avuto il coraggio di dirlo significa che i rischi sono molti. Qualche anno fa mi sono beccato 8 anni di procedimento giudiziario su querela di tre magistrati per aver commentato una scarcerazione facile: ne so qualcosa quindi.

Come ha già fatto altre volte lei quindi contesta l’incontestabilità della magistratura, o no?

Resto sul caso specifico e dico che chi rappresenta i cittadini deve comunque rischiare di suo. Io con la Ruggeri non ho nulla di personale. Anzi, nel caso in cui tutti gli errori emersi dalla stampa fossero davvero illazioni giornalistiche, e gli inquirenti avessero davvero in mano elementi importanti per risolvere il caso, allora sarò io il primo a complimentarmi, ringraziare e dire che mi ero sbagliato. Però non vedo cosa possa esserci di così grave se fosse potenziata la struttura di coordinamento dell’indagine.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luigi

    bravo daniele belotti !!! io non son piu’ leghista, ma apprezzo il gesto. assurdo non dare dati alla famiglia e al suo legale e consulente ! saranno loro parte lesa a vedere se parlando si compromettono le indagini o no. troppo comodo parlare di segreto istruttorio !!! l’ italia e’ il paese dei segreti non si sa perche’ . non devono esserci segreti per la famiglia gambirasio.

  2. Scritto da Le Fonti di Belotti

    In un caso di rapimento e omicidio c’e’ chi legge i giornali, guarda la tv, apprende le cose che tutti i semplici cittadini hanno appreso e poi decide di aprire bocca e dare addosso al PM.

  3. Scritto da fabrizio cabrelli

    Questo era quello che un anno fa ha sfilato per Bergamo per sostenere l’innocenza di Doni …..

  4. Scritto da ELLEKAPPA

    GRANDE DANIELE BELOTTI!!! A CASA CON TUTTI I SOCI DELLA LEGA, SOLO INUTILI POLEMICHE ….TAANTO LAVORANO GLI ALTRI ,MAGISTRATI E NON SOLO !!!

  5. Scritto da Chiara

    Ci dimentichiamo che, qualora la procura concedesse l’accesso agli atti alla famiglia di Yara per il tramite del loro legale… In men che non si dica ci si ritroverebbe a sentire a quarto grado tutti i dettagli dell’indagine compromettendola irrimediabilmente: qualcuno le informazioni ai giornalisti le passa e non e’ certo il pm!

  6. Scritto da Cicce Fraina

    Il politico in questione sta solo cavalcando sciacallescamente (bel neologismo) l’ondata di dolore che segue tristi fatti di questo tipo e sfrutta il bisogno di sicurezza della gente, tante volte promessa senza risultati di alcun tipo, e il dolore della famiglia.Purtroppo c’é sempre troppa gente che ci cade.Tutti noi, invece stiamo starnazzando senza neppure sapere cosa abbiano realmente in mano gli inquirenti e a che punto sia la loro conoscenza dei fatti. Io, ad esempio, fossi stato il PM la macchina del ragazzo ed il furgone bianco li avrei controllati ma non lo avrei detto a nessuno, anzi avrei fatto finta di averli trascurati in modo da lasciare tranquillo il colpevole vero intanto che si cerca di arrivare a mettergli il sale sulla coda, cosa peraltro sicuramente difficile.

  7. Scritto da Camicia rossa

    “Anche la Palombelli e Meluzzi hanno condiviso…” Ecco appunto, spiegato tutto! I professionisti dei talk show, la sostenuta compagna tuttologa di Rutelli e il ridicolo psichiatra in look dark con la croce all’occhiello garantista ad oltranza (vedi Garlasco, Cogne, Perugia). Che pulpito! Belotti contagiato dalla strategia mediatica di MMediàset…ah ah ah

  8. Scritto da Geppo

    Certe affermazioni le può fare l’uomo della strada non un politico. Probabilmente Belotti si sta preparando per le prossime politiche sperando di ottenere visibilità.

  9. Scritto da Red Cloud

    Un politico serio avrebbe investito del problema l’intero sistema istituzionale agendo dentro lo stesso non ergendosi a difensore dell’umanità per pura visibilità personale. Però forse ha ragione Belotti visto che, tra i disordini alla festa della Lega di Alzano, gli attacchi al Questore, i rapporti con gli Ultrà e via dicendo, sta facendo l’Assessore Regionale

  10. Scritto da massimiliano bavo

    Il mio dubbio è come sia possibile che uno come lei mi rappresenti, o meglio, dovrebbe rappresentarmi.

    1. Scritto da Luigi

      Belotti deve rappresentare solo chi lo ha votato.
      Così fan tutti .. in questa democrazia!

  11. Scritto da lisa

    bravo belotti,i politici dovrebbero essere tutti coraggiosi come te!!!

  12. Scritto da ANNA

    Io credo invece che la famiglia di Yara abbia ottenuto le attenzioni giudiziarie che occorrevano, bisogna smettere invece di polemizzare sempre e comunque, di spettacolarizzare ogni caso giudiziario e di attenersi solo a quello che dicono i rotocalchi. Per quanto riguarda Belotti mi pare assolutamente fuori luogo la sua “sparata” a un anno e mezzo di ditanza… che tristezza!

  13. Scritto da Italietta

    Ma perchè i politici non fanno i politici? già mi sembra un lavoro ben remunerato e fatto male, perchè pensano a ciò che non gli compete?

  14. Scritto da Ernesto

    Come al solito Belotti non perde tempo per mettersi in mostra.Ha paura di non essere eletto alle prossime elezioni amministrative e quindi sarà costretto ad andare a lavorare,cosa che NON ha mai fatto in vita sua

    1. Scritto da danilo

      sono perfettamente in sintonia con il signor Ernesto. Se il ragazzo in questione provasse a fare bene il suo “lavoro” (?) di politico (?), forse sarebbe meglio.

  15. Scritto da dante 41

    Bravo Belotti, era ora che qualcuno avesse il coraggio di scrivere cio’ che tanti, ma tanti italiani pensavano. Non capisco perche’ qualcuno si meraviglia di questa sua richiesta, ma non si fermi perche’ sono convinto che la lettera da lei scritta la sottoscriveranno molti cittadini. Forse non si ricordano piu’ dell’imbarazzante intervista fatta in televisione dei PM, non sapevano, stavano indagando, non ci sono novita’. Sono certo che la famiglia Gambirasio approvera’ la sua iniziativa.Non si preuccupi perche’ la gente la sosterra’, perche’ lei non ha fotto nulla di illegale, ha chiesto solo di aiutare una persone nell’espletare il proprio mandato. Bravo sig Belotti

    1. Scritto da carletto

      Mi dispiace che Lei confonda,ancora oggi che siamo 2012, i poteri di questo stato.Il Sig.Belotti, visto che abita Nella Bergamasca e la conosce a fondo, ma conosce soprattutto la strada per arrivare ai Giudici di Bergamo,invece di gridare allo scandalo della giustizia bergamasca, poteva andare di persona dai Giudici e prospettare loro le sue preoccupazioni, oppure andare con il suo amico parlamentare Stucchi a Roma dal Ministro della Giustizia del suo Governo o anche dell’attuale -perchè poco cambia- e portare le sue istanze. Ribadisco che alimentare caos tra le istituzioni aiuta solo i colpevoli. A meno che lui voglia aiutare i colpevoli!!!

  16. Scritto da Stefano

    … dimenticavo assessore

    con Maroni non si si sono visti assegnazioni di agenti in più a Bergamo,
    forse sarebbe il caso di adeguare l’organico nella nostra provincia perchè sarebbe indubbiamente utile.

    Oppure per voi, come sempre, è solo un tema da campagna elettorale?

  17. Scritto da Stefano

    Questa vicenda deve trovare risposte e giustizia: deve essere chiaro a tutte le Istituzioni.
    Se deve essere potenziata la struttura di coordinamento dell’indagine, che si potenzi.

    Quanto all’assessore Belotti, ovviamente ci si chiede, credo legittimamente, se non sia il tempo di smettere di strumentalizzare ogni occasione e perchè questi dubbi e delusioni non gli sono venuti qualche settimana fa quando c’erano Maroni e Alfano ministri? è un solo un caso?

    1. Scritto da Carletto

      quanto dici è verissimo, ma a quel tempo il grande leghista atalantino Belotti, era troppo impegnato a salvarsi la pelle perchè inquisito, con il suo amico sindaco di Gandosso, per i disordini alla festa della lega di Alzano L.do e per gli attacchi contro il vecchio Questore. Adesso che il suo amico Ministro, magari, l’ha salvato può iniziare il recupero dei voti persi.Vergognoso far soffrire la famiglia in questo modo: Yara muore due volte per i suoi genitori che vedono il loro dramma solo sui giornali e non risolto nelle aule del Tribunali. I canali per aiutare la soluzione del caso non sono questi.Non possiamo attaccare le Istituzioni in questa maniera con il rischio di favorire nella confusione dei ruoli i veri colpevoli! Basta chiacchiere, demagogie e strumentalizzazioni: lasciamo lavorare i giudici e lasciamo in pace Yara e la famiglia!!!

      1. Scritto da Damiano

        E’ giusto, ma è anche umano (senza l’intervento di Belotti) chiedersi perché i giudici non controllarono l’auto e il furgone di Fikri. Sarebbe sembrato tanto scontato ad ogni comune cittadino, e invece…

        1. Scritto da carletto

          Hai ragione, ma bisognava segnalare la cosa subito,magari attraverso i canali istituzionali preposti o attraverso tutti i parlamentari bergamaschi!! Ora è troppo tardi, dove è stato fino ad ora: non è credibile che un politico di Bergamo faccia questo chiasso solo ora e con tale arroganza ed aggressività.La deve smettere perchè fa solo danni!! Ancor più grave sarebbe se, davanti al pericolo di querele giuste,usasse firme di Sindaci e di Cittadini onesti e in buona fede!!

          1. Scritto da Damiano

            Purtroppo, io non ho elementi tali per affermare un bel niente… Ho soltanto saputo dai media in questi giorni, che i suddetti autoveicoli non sono stati ispezionati né analizzati. Da cittadino comune, in pace con tutti senza pelosità politiche, non confiderei troppo nelle indagini di tali magistrati che tralasciano certe piste investigative! Felicissimo se venissi smentito, per la memoria della povera Yara…

  18. Scritto da L76BG

    Politica o non politica, visibilità o altro.. Ciò che è stato FATTO NOTARE ha indubbio fondamento, pultroppo son ostati fatti e si stanno facendo troppi errori.. La famiglia di Yara meritava più ATTENZIONE e più COMPETENZA

  19. Scritto da fabio da brescia

    bravo belotti. ha espresso il pensiero ed i dubbi di tanta gente!!!

    1. Scritto da rita 60

      condivido in pieno. c’è ancora qualche persona con la coscienza co la C maiuscola

  20. Scritto da Marco

    Premetto che anche io ho dubbi sulla condotta delle indagini, ma provate voi ad indagare su un caso del genere e poi vediamo se siete più bravi. In Italia siamo tutti CT della Nazionale.
    1) Le telecamere della videosorveglianza di Brembate non funzionavano (alla faccia della sicurezza promessa dalla giunta leghista); 2) Il corpo è stato ritrovato mesi dopo alterando così tutte le tracce e gli indizi; 3) Il datore di lavoro (padano) di Fikri lo ha scagionato; 4) le testimonianze sono poche e contrastanti.
    Se vi ritenete più capaci, prego…

    1. Scritto da dubbi?

      Si hanno provato ad indagare con il detectiv privato ma qualcuno glielo ha impedito mettendo il segreto istruttorio…

  21. Scritto da Giuditta Ponsetta

    Dopo la Santanchè anche Daniele Belotti diffama la magistratura.
    E lo fa in un momento in cui la magistratura è sotto attacco sulla questione del risarcimento civile.
    Querelare Daniele Belotti è necessario perchè non è solo difendere la magistratura, la giustizia tutta dagli assalti della mala-politica, che pensa di sfilarsi dalle proprie responsabilità, ad esempio, della Lega Nord, di aver proposto il voto segreto per far passare un depontenziamento del potere giudiziario, attaccando a testa bassa con metodologie da bassa lega.
    Così, oltre a compromettere la serenità delle indagini, si tenta di dare una connotazione politica a questo o a quel caso, abbassando il livello di autonomia dei poteri e dei contrappesi democratici.
    Giocare poi sull’emotività dei genitori di Yara è di un cinismo e una spregiudicatezza senza pari, e non puo’ non essere tollerato. Pena, appunto, la professionalità, l’incisività, l’efficacia dell’azione giudiziaria e del libero convincimento ad essa correlato.

  22. Scritto da alfio

    tanto di cappello a belotti per aver sollevato dubbi e pensieri che risiedono nella testa di tanta gente. Qui non si contesta la persona bensì il metodo di lavoro e se non si può piû contestare nemmeno questo per paura delle quelere, allora addio democrazia. Presumo che anche la dr.ssa Ruggeri, o qualsiasi altro magistrato e chiunque, nella propria vita abbia espresso lamentele o criticato il lavoro ad esempio di un muratore, di un imbianchino o  di un meccanico ma nessuno di loro si è messo mai a minacciare denunce.

  23. Scritto da pippo1907

    sapete la differenza tra noi che la pensiamo come il belotti e il belotti che lui fa notizia noi poveri martiri che da mesi che ripetiamo che sono in un vicolo ceco e non ammettono di esserlo non ci caga nessuno vi siete gia dimenticati la merda che hanno sparato sui volontari dicendo che non era possibile non avere visto il corpo e loro non si sono accorti che a 400 mt da un delitto non ancora risolto nemmeno quello il corpo non l’hanno trovato !!!!!! e perche’ non danno gli atti alla famiglia gambirasio !!!!!

    1. Scritto da le virgole

      hai rotto il tasto delle virgole

  24. Scritto da Chamot

    quest’uomo è sempre quello che difendeva pure Doni…

  25. Scritto da Gio

    .. provo un profondo fastidio fisico nei confronti delle persone che usano tragedie di altri a fini propagandistici personali

    1. Scritto da gigi

      provo ancora più fastidio per chi crede che chi indaga ha sempre ragione

      1. Scritto da Alex Troni

        Certo. Sono d’accordo. Uno di quelli è bergamonews, che con le indagini aperte non fa mai fare commenti, come se i magistrati fossero dei in terra. D’altronde non sono forse… kompagni?

      2. Scritto da ex elettore

        Provo ancora piu fastidio per chi mette in dubbio la credibilità di chi indaga……

        1. Scritto da qandis

          Chi ti ha detto che chi indaga è infallibile? Non sono mica depositari della verità. Un magistrato è un uomo, non Dio in terra.

          1. Scritto da ivan

            A questo punto il Giudice in questione se ritiene di aver fatto bene il suo lavoro devo mettere la parola fine e querelare il Belotti!! Basta..aaaaa!! Non sopporto più queste polemiche vuote e pericolose. Belotti e i suoi compari di merende si Brembate che non curano neanche la sicurezza dei loro Cittadini, devono smetterla e stare a casa loro….altro che cercare voti e buttare sterco sulle istituzioni per interesse!!!

          2. Scritto da gigi

            nessuno è un dio in terra, ma fra intralci fra le forze dell’ordine, gelosie e errori è l’essere umano che è in errore !! pertante se fossimo sicuri che ha fatto onestamente e in modo integeriimo le indagini allora sarei + comprensivo

          3. Scritto da qandis

            Appunto! Ma guarda rileggi quanto ho scritto che l’affermazione che io sono d’accordo con te.
            Quando non parli di Orio sei pure simpatico…

  26. Scritto da Claudio

    Il sindaco leghista di Brembate ha lasciato guaste per cinque mesi le telecamere della palestra di Yara, compromettendo così le indagini. Gli investigatori avrebbero avuto molte informazioni su quella maledetta sera. Informazioni che per la sciatteria della giunta leghista sono andate perse per sempre. Belotti ed i suoi compagni di partito sono le stesse persone che si sono inventate le “ronde padane”, i “sindaci sceriffi” ed altre idiozie simili. In realtà costoro non fanno nemmeno quel poco che sarebbe loro richiesto, tipo mantenere in efficienza le telecamere in un punto sensibile quale è la palestra dove passano tanti giovani. Confido nel PM Ruggeri e in tutti quelli che si sono impegnati e si stanno impegnando a fondo per svelare le sporche verità che ci sono dietro questo atroce delitto, e prego perchè abbiano successo.

    1. Scritto da gigi

      non sono leghista ma le vera idiozia è attribuire le resp al sindaco e tirare in ballo le ronde ecc ecc, sono contro le telamere e le ronde che costano una cifra e non servono a nulla, se i comuni anzichè pagare un serviglio di sorveglianza che peraltro è limitato e inutile, destinassero quei soldi alle forze dell’ordine sarebbe + efficace

      1. Scritto da claudio

        Lei sarà anche contro, fatto sta che le telecamere c’erano eccome (già pagate dai contribuenti, quindi) ma l’amministrazione comunale colpevolmente le ha lasciate guaste.
        Caso vuole sarebbero state importantissime (altro che non servire a nulla!). E’ troppo comodo occupare le poltrone e non essere mai responsabili di nulla. Si vedono i bei risultati di questo modo di ragionare. Belotti si renda conto che è pagato per fare qualcosa di utile per la collettività, non per farsi ridere dietro con iniziative bislacche.

  27. Scritto da Elio

    Daniele continua a dare voce a tante persone che non possono esporsi, siamo con te !!
    perchè tutte le forze dell’ordine fanno in modo di non capitare con la pm nelle loro indagini ?
    il furgone bianco sulla nave ? la macchina del marocchino sulla nave che la signora non ha voluto controllare? il fatto che non abbia avvisato l’avvocato del marocchino ( unico indagato) quando hanno fatto l’autopsia della povera Yara?
    Incompetenza allo stato puro….. chiedete cosa ha risposto a chi ha telefonato per avvisare del ritrovamento del corpo di Yara?

    1. Scritto da Un passante

      beh diciamo che sarebbe bene che
      i poliziotti facessero i poliziotti,
      i magistrati i magistrati,
      i politici i politici.

      Qui vedo un po’ di confusione e in un caso del genere
      almeno questo potreste evitarcelo…

    2. Scritto da curius

      cosa ha risposto?

    3. Scritto da andrea

      Anche io sono d’accordo! ci sono troppi dubbi sul andamento delle indagini riguardo alla PM, il furgone bianco, la macchina del Marocchino, l’avvocato e tanti altri particolari fanno sorgere tanti dubbi, per cui do ragione a Belotti che qualcuno deve affiancare la PM.

      1. Scritto da Bedulani

        La PM deve essere sostituita. Punto.

  28. Scritto da Aristide

    A dire il vero, Belotti non è stato l’unico a buttarsi a corpo morto sul caso Yara. La stampa, ha le sue colpe. Quel che vorrei dire è espresso molto bene in un celebre film di Billy Wilder, ‘L’asso nella manica’: un giornalista, interpretato da Kirk Douglas, ritarda la liberazione di un operaio sepolto in una miniera del Nuovo Messico, per fare di quella tragedia uno spettacolo. Lo so, non è questo il caso di Yara. I giornalisti non hanno ritardato le operazioni, ma potevano facilitarle. A parte il cinismo, sarebbe stato necessario un metodo (parlo in generale) più razionale, meno retorico. A suo tempo, avevo sostenuto che in questi casi, come non mai, bisognerebbe ragionare bayesianamente. Un giornalista prese cappello. Mi disse che la professionalità di qui, la professionalità di là. E chi vuoi che capisca Bayes? Ecc. Va bene, mi taccio. Se la professionalità richiede l’approccio retorico, se a nessuo viene il dubbio che le squadre dei volontari non servono a niente se non sono coordinate secondo ricorosi criteri di ricerca, non lamentiamoci poi del fatto che non abbiano trovato niente. E facciamo pure della retorica sul volontariato. Ma è solo un esempio. Credo, comunque, che la l’eccesso di visibilità dato ai casi giudiziari, e da essi ricevuto, faccia male a tutti: alla giustizia, in primis. Alle volte anche a quelli che ci ronzano intorno. Questo, fra l’altro è il finale di quel film americano che dicevo. Ma non sempre finisce così.

  29. Scritto da notte dei Campioni

    belott… vai a difendere il tuo amico Doni!!! A testa alta!!!

  30. Scritto da ol salomer

    Il Belotti prima di dare giudizi sulla morale dei giudici pensi alla sua giunta, che se va avanti così rischia di riunirsi in qualche carcere. basta speculazioni sul dramma di quella famiglia. Solo i genitori potranno dire qualcosa. Gli altri zitti, per favore

    1. Scritto da anna

      Ma che responsabilità ha l’ass Belotti sui drammi della sua giunta???
      Il suo assessorato, delicatissimo e pesante, funziona.
      Lui molto attivo è presente ovunque.Forse i problemi appartengono a chi in giunta lavora poco o male, o a chi è stato scoperto con le “mani nel sacco”.

      1. Scritto da ivan

        Visto che non sa cosa sia la SCIA e la blocca mettendo in difficoltà gli uffici tecnici dei Comuni Lombardi, visto che non vedere che a Bergamo e dintorni nascono più supermercati che bambini, supermercati che distruggono i nostri negozianti, visto che non voler vedere nemmeno che le cave arricchiscono solo i suoi amici e che i rifiuti speciali e le mazzette viaggiano indisturbate nel suo assessorato, mi chiedo e ci chiediamo in tanti: cosa ci sta a fare il Belotti in Regione!! Ce lo vuole spiegare prima di interferire con le indagini dei Giudici???

    2. Scritto da sleghista

      Condivido pienamente ,fanno già danni in politica stiano fuori dal dramma di questa famiglia.

  31. Scritto da Sergio

    Tra tanti delitti irrisolti, poiché complessi e difficili, proprio quello di uno che sta facendo ancora sensazione doveva scegliere per farsi pubblicità? Probabilmente, non avendo qualcosina di positivo da farsi notare come uomo politico di potere e di governo……

  32. Scritto da stella

    Ad oggi, come dice Belotti e con i dati che si hanno, è lecito pensare e condividere ciò che lui dice e chiede.
    L’amarezza e la delusione sono forti e davvero condivise da molti, moltissimi.
    Grazie assessore per aver sollevato qs richiesta e per essersi messo in gioco con tutti i rischi che ne conseguono.Il silenzio è più comodo,è vero, ma la spinta umana che l’ha portato ad agire in qs modo sicuramente la rende degno di tanta stima.

    1. Scritto da Locatelli S.

      Stella e’ solo una trovata pubblicitaria sveglia che ci sono le elezioni amministrative in molti comuni…

      1. Scritto da stella

        Non mi risulta che sia candidato in elezioni comunali…
        Che trovata pubblicitaria potrebbe essere se il risultato è una querela????