BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L’importanza di chiamarsi Ernesto” divertimento intelligente

Al teatro civico di Dalmine la rassegna "Il teatro per il sociale" propone un testo di Oscar Wilde sabato 4 febbraio

Il Teatro Civico di Dalmine propone come terzo appuntamento della rassegna “Il teatro per il sociale” lo spettacolo “L’importanza di chiamarsi Ernesto” sabato 4 febbraio alle ore 21.

Lo spettacolo è tratto dalla celebre commedia di Oscar Wilde è portato in scena dalla compagnia teatrale “Il Colle”.

Il ricavato dall’ingresso (offerta liberta) sarà devoluto alla Fondazione A.R.M.R. (Aiuti per la Ricerca sulle Malattie Rare) che promuove la ricerca delle cause delle malattie rare e delle relative terapie. A tal fine raccoglie fondi per borse di studio e organizza convegni e dibattiti sul tema.

Si tratta di una commedia romantica, diretta da Lorenzo Corengia e Giorgio Mariani, che racconta la storia di Jack, un giovane inglese che inventa l’esistenza di Ernest, scapestrato fratello, per fuggire dalla campagna ed andare in città con la scusa di rimediare alle bravate del fratello.

A Londra vive Gwendolen, innamorata di lui, o meglio, del suo nome, che crede sia Ernest. Da qui, inizia una serie di equivoci, scambi di personalità e incastri che rendono la commedia esilarante e avvincente, fino alla sua ironica e lieta conclusione.

Ufficio Cultura: tel. 035 564952 teatro.civico@comune.dalmine.bg.it, www.dalminecultura.bg.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ivana suardi

    buona partecipazione di pubblico, la compagnia teatrale ha meritato generosi applausi per la professionalità dimostrata.
    grande gesto di generosità per aver rappresentato la commedia a titolo gratuito. Anche la raccolta fondi merita un plauso.