BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cazzola e il tacco di Dio Ecco l’ultimo colpo di Marino

Inseguito da mezza Serie A, Cazzola arriva a Bergamo dopo l'esaltante avventura di Castellammare di Stabia. Di lui si ricorderanno i cugini dell'AlbinoLeffe per un gol spettacolare subìto lo scorso 13 novembre.

Più informazioni su

L’ha cercato il Lecce, è stato a un passo dal Cesena e sembrava destinato al Cagliari. Su di lui c’erano anche diverse società di Serie B, tra cui Padova e Torino. Invece, alla fine è arrivato a Bergamo.

Riccardo Cazzola è il nuovo centrocampista atalantino, non proprio il vero sostituto di Simone Padoin, appena passato alla Juventus. Il friulano, infatti, è stato apprezzato nella sua avventura bergamasca per la sua favolosa versatilità, tant’è vero che Antonio Conte, dopo averlo utilizzato in ogni posizione del centrocampo durante la sua breve permanenza sulla panchina dell’Atalanta, l’ha voluto anche a Torino. Cazzola non sarà un tuttofare come Padoin, ma sulla mediana si è fatto apprezzare per l’ottimo lavoro svolto con la maglia della Juve Stabia, con la quale ha vinto i playoff di Prima divisione lo scorso anno e, al debutto in Serie B, disputato un ottima prima parte di stagione fino ad oggi.

Di lui si ricorderanno sicuramente i cugini dell’AlbinoLeffe che, in occasione del match disputato a Castellammare di Stabia lo scorso 13 novembre, sono stati puniti dal nuovo acquisto atalantino con un colpo di tacco spettacolare che ha lasciato tutti a bocca aperta. Un gol "alla Roberto Mancini", tanto per intenderci. E poco importa se al termine della gara è stato lo stesso Cazzola a dichiarare che il gol è stato solo il frutto di un vero e proprio colpo di fortuna.

Nato a Verona l’8 ottobre del 1985, il nuovo mediano atalantino ha debuttato nel calcio professionistico a 18 anni con la casacca della Sambenedettese in Prima divisione. Notato dal Perugia di Gaucci (che, però, non gli ha mai regalato una vera occasione), l’anno dopo viene acquistato dalla società umbra che lo gira subito in prestito alla Pro Vasto, società nella quale resta per tre anni, collezionando 85 presenze e 2 reti. Nel 2007 finisce ad Arezzo, in Prima divisione, dove, dopo 18 presenze stagionali, viene ceduto all’Olbia. In terra sarda la sua annata più prolifica con 3 gol in 31 partite in Seconda divisione. Nella stagione 2009-’10 è del Pergocrema ma l’estate dopo, nonostante la buona stagione disputata dal veronese, viene messo ai margini della rosa per una scelta tecnica abbastanza discutibile. Poco male. Cazzola, mentre si allena da solo sotto il caldo sole estivo, riceve la tanto attesa chiamata della Juve Stabia. Il resto è storia nota, con le grandi prestazioni offerte al pubblico campano che si è letteralmente innamorato di lui. Grande, infatti, la delusione del popolo stabiese al momento dell’annuncio del passaggio di Cazzola in nerazzurro.

Per il mediano veronese l’Atalanta ha subito sborsato 500mila euro per il prestito oltre al cartellino di Fabio Caserta e, qualora in estate Marino e soci decideranno di riscattare il suo cartellino, dovranno versare nelle casse campane un altro milione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Chamot

    si..la mezza serie A che sta a destra in classifica….