BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Misiani a Lusi: da tesoriere a tesoriere sono sconcertato

Il deputato di Bergamo del Pd commenta la situazione relativa ai rapporti dei bilanci tra Margherita-Ds e il Partito democratico dopo la sparizione di 13 milioni affidati al "collega" Lusi: "Servono più controlli".

Dal novembre 2009 il deputato di Bergamo Antonio Misiani è tesoriere nazionale del Partito democratico. Chi meglio di lui allora può commentare e tentare di spiegare la situazione venutasi a creare dopo che il senatore Luigi Lusi, tesoriere della Margherita, ha fatto svanire 13 milioni di euro del partito?

Ci dica, on. Misiani, ma come è potuto succedere senza che ve ne accorgeste?

Il Partito democratico e la Margherita sono due soggetti politici completamente staccati: ognuno ha un proprio bilancio e un proprio rappresentante legale. Noi del Pd non abbiamo alcun titolo nei confronti della Margherita né per fare controlli né per dare indirizzi. Peraltro il leader della Margherita, Francesco Rutelli, è uscito dal Pd.

Ma, scusi, il Pd non è nato dall’unione tra Ds e Margherita?

Sì, ma non per quanto riguarda i bilanci. La Margherita – così come i Ds – ha mantenuto la propria autonomia finanziaria.

Quindi i soldi dei partiti che hanno fatto nascere il Pd non sono poi confluiti qui?

Assolutamente no, anche perché non tutta la Margherita, come d’altronde non tutti i democratici di sinistra, sono passati al Partito democratico. C’è chi è andato nell’Udc, chi nell’Api, chi in Sel…

E non sono stati suddivisi pro quota ai vari partiti i proventi di Margherita e Ds?

No, il Pd si è costruito ex novo. Basti sapere che il Pd paga l’affitto alla Margherita per l’utilizzo della sede nazionale.

Ragion per cui il Pd non ha perso nulla con la "ruberia" di Lusi. Ci siamo. Ma potrebbe succedere un caso Lusi oggi nel Pd?

Noi, il Pd, siamo l’unico partito che sottopone il proprio bilancio al controllo di una società esterna che lo verifica annualmente. No, con noi non può succedere quanto accaduto alla Margherita.

E perciò non esiste alcun  problema?

Va certamente fatta una riflessione sui controlli. Premetto che i rimborsi elettorali oggi in Italia sono in linea (anzi sono meno) con la Germania, la Francia, la Spagna. Detto questo occorre controllo e trasparenza. I cittadini devono sapere, cioè vederlo pubblicato su internet, quanti soldi gestiscono i partiti e come li spendono. E’ una pratica comune in Europa, da noi no, e invece va resa obbligatoria come la certificazione dei bilanci dei partiti.

Come giudica il suo collega Luigi Lusi?

Io ci ho avuto a che fare più volte, lo conosco… devo dire che sono sconcertato, non mi sarei mai immaginato una cosa del genere. E’ doloroso per me constatare quello che è successo, di più: è un disastro.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ernesto

    In Francia e Germania c’è l’obbligo di revisione/certificazione del bilancio. In italia no, lo fa soltanto il PD di propria iniziativa.

  2. Scritto da Duilio

    E bravo il nostro “compagno”Misiani”peccato che come responsabile amministrativo del nuovo PD o meglio DS*Margherita, si perchè chi ancora non lo sapesse il nuovo Pd a Bergamo ha due sedi, gli sia sfuggito il comportamento del “Compagno”Penati.in merito alla sua contabilità che tanto discredito ci ha portato nella nostra Regione. Comunque buon lavoro e occhio ai mastri contabili.

    1. Scritto da Luigi

      Invece di bofonchiare qualcosa attinente alle tue fantasie non sarebbe più utile chiedere l’obbligo di trasparenza sui bilanci dei partiti ? Cioè come minimo la certificazione come fa il PD ?

  3. Scritto da usiamo il cervello

    Se Misiani è di sinistra io son Napoleone.
    Questo ha un compagno di partito che si frega 13 milioni di euro e lui è “sconcertato”?
    Ma chi vuol prendere per i fondelli? Se i due partiti sono confluiti nel PD avrebbero dovuto utilizzare i soldi dei rimborsi elettorali per fare campagna insieme. Anche un cieco si sarebbe accorto che la Margherita i soldi non ce li metteva…
    Ma d’altronde Misiani non è quello che non vuole abolire le Province?

    1. Scritto da Rupert

      Appunto, vedi di usare il cervello , di quello che c’era in cassa sarà stato responsabile la margherita con il proprio tesoriere e Rutelli.
      Che c’entra Misiani ?

      1. Scritto da piazza pulita

        Misiani non e’ stupido ma vuole giocare sull’ignoranza nostra. Se Misiani e’ del pd sa bene le cose come funzionano. un tesoriere di partito, non ha la liberta’ di muovrrsi come meglio crede ma deve avere l’ok del segretario oltre che la doppia firma.Ma adotteranno quanto fatto fare a mister Greganti. Adosseranno a colpa al margheritino, senzatanto clamore e noi conternti uniti a loro gridiamo la voglia di legalita’. altro che Berlusconi. anche la sx in questa strada si fa’ un poco Berlusconi. D’ altra parte cosa pretendere, sono alleati di governo. ahhhhhh anche se c’e’ da piangere.

        1. Scritto da Aldo

          Quanto racconti probabilmente accade nelle tesorerie che bazzichi tu, il PD ha il bilancio certificato e pubblico, unico tra i partiti. Dovresti pretendere l’obbligatorietà anche per tutti gli altri . “Piazza pulita” di chi non è trasparente, il resto sono palle.

  4. Scritto da MAURIZIO

    Ho letto che il partito dei Ds è proprietario di circa 3.000 unità immobiliari sul suolo patrio. Fosse vero, con quali soldi le hanno comprate? Il cambusiere Antonio Misiani dovrebbe chiederlo al ragiunàt Ugo Sposini e chiarirci la faccenda. I soldi sono pubblici non sono dei partiti. Quindi un appartamento comerato con i suldi pubblici non è di proprietà del partito. Ma questa materia è davvero troppo ostica per queste menti malate. Inoltre, i rimborsi elettorali sono solo una delle voci che compongono la spesa pubblica destinata purtroppo alla politica e ai partiti politici. Dunque, caro cambusiere Misiani la smetta di fare discorsi senza senso. La spesa per la politica in Italia non è affatto in linea con i paesi europei! Se così fosse, perchè Monti ha istituito una commissione per trovare un parametro europeo sul quale ridurre i compensi dei parlamentari? Inoltre, basta leggere due righe di Stella e Rizzo pere capire come stanno le cose. Il PD dice di essere un partito, ma ciascuna componente di esso bada alle decine o centinaia milioni di euro suoi. Inoltre, Rutelli si è dimesso dalla Margherita la quale però ha continuato a prendere i quattrini pubblici. Ancora, la cassa di una componente dei PD può essere svuotata, poco alla volta, con dei semplici bonifici perchè nessuno controlla. Bel partito, non c’è che dire. Non vi resta che dare addosso a Grillo. Avete davanti un futuro brillante.

  5. Scritto da Pinuccio

    Ho appena ascoltato la registrazione e non solo condivido quanto ha detto l’On. Antonio Misiani, ma desidero esprimere a lui tutta la mia gratitudine per quanto ha detto. Certo affinché alle parole facciano seguito i fatti bisogna premere con ferma determinazione perché venga inserita nell’agenda politica, oltre all’improrogabile riforma elettorale, la RIFORMA DEI PARTITI e nella quale, fra il resto, venga previsto l’OBBLIGO di presentazione di un bilancio pubblico e trasparente delle entrate e degli impieghi, che è prioritario rispetto alla previsione di norme che prevedano finanziamenti pubblici ai partiti.
    E’ del tutto evidente che tocca anche a noi, ai cittadini, all’intera società civile mobilitarsi affinché tutti i partiti facciano propria anche questa improrogabile richiesta, altrettanto indispensabile per poter ridare credibilità non solo alla politica ma alla stessa democrazia.

  6. Scritto da Giuseppe

    Certificazione? Di che? Del bilancio di un’associazione non riconosciuta, quali sono tutti i partiti, cioè avente la stessa struttura di una qualsiasi associazione di quartiere. Vale a dire che si certifica semplicemente quel che l’associazione dichiara. Quello che non dichiara, non può essere certificato. Una presa per i fondelli…

    1. Scritto da Billy

      Bene, allora comincia a far certificare il bilancio della Lega e fallo pubblicare su internet , poi ne riparliamo.
      Da cittadino trovo la tua osservazione incomprensibile. E’ l’unico strumento a oggi noto per darci un minimo di garanzie. Roba da matti.

      1. Scritto da Giuseppe

        Nel concordare ovviamente con la priorità di riformare dalle fondamenta i partiti (ciò che sta alla base del mio commento e che è oggetto del commento sopra al tuo), preciso che la certificazione del bilancio è senza dubbio meglio che niente, ma oggi sostanzialmente non consente alcun effettivo controllo da partedel cittadino. Ed è questo il punto essenziale.

  7. Scritto da Stefano

    Sentito poco fa un’intervista a Misiani in radio sul tema di bilanci e finanaziamenti ai partiti, semplicemente scandaloso, del resto da uno che e’ nato dirigente di partito non ci si puo’ aspettare niente di diverso

  8. Scritto da Parmalat

    Enron, Parmalat, Cirio, … e mille altri tra aziende, stati, enti, avevano i bilanci certificati da note società internazionali…
    Quale partner di una di queste società negherebbe la certificazione di bilancio a un partito che sostiene il Governo, amministra regioni, provincie, comuni, a loro volte con partecipate che magari hanno bisogno di un revisore di bilancio…?
    Mandate avanti la patrimoniale, l’asta delle frequenze TV, la revisione della legge elettorale, la legge anticorruzione se volete recuperare credibilità.
    Invece di fare fumo.

  9. Scritto da giobatta

    i parlamentari della margherita che non si sono accorti di un ammanco di tale portata, come possono pensare di essere degni di reggere le sorti del paese? io ho un’altra spiegazione, la più ovvia,…suffragata dal fatto che il tipo ne vuole restituire solo 5 di milioni, perché gli altri….

  10. Scritto da Luca Lazzaretti

    sig.Misiani,io sono un simpatizzante iscritto al Pd e dico che questa storia non doveva uscire dai giornali ma dovevate essere voi a far uscire lo scandalo e a mettere alla porta il signore in questione.In seconda battuta il Pd deve chiedere da subito con proposte di legge l’abolizione dei rimborsi a partiti che non esistono più…basta nascondere il marcio.. se no marcite anche voi.

  11. Scritto da nino cortesi

    Troppo formaggio per topi. Premesso che non dovrebbero esistere i rimborsi elettorali visto che un referendum ha abolito i finanziamenti ai partiti. Per riordinare anche questa “montagna di casini” si potrebbe dare il rimborso elettorale solo ai primi due partiti classificati; in fondo è una gara ed è bene che vincano solo i migliori, ciò per evitare anche che un solo Scilipoti conti di più dell’intero corpo elettorale. Poi per evitare che una valanga di soldi incontrollabili finisca a Roma, sarebbe giusto e salutare che vengano irrorati solo alle sezioni nei vari Comuni. Questo dice il cittadino elettore quando tutto l’attuale sistema è già intrinsecamente un congegno da truffatori. E poi, tagliando definitivamente la testa al topo, se ci sono i rimborsi elettorali perchè anche le tessere del partito che incredibilmente costano annualmente non meno di euro 30????

  12. Scritto da nino cortesi

    Troppo formaggio per topi. Premesso che non dovrebbero esistere i rimborsi elettorali visto che un referendum ha abolito i finanziamenti ai partiti. Per riordinare anche questa “montagna di casini” si potrebbe dare il rimborso elettorale solo ai primi due partiti classificati; in fondo è una gara ed è bene che vincano solo i migliori, ciò per evitare anche che un solo Scilipoti conti di più dell’intero corpo elettorale. Poi per evitare che una valanga di soldi incontrollabili finisca a Roma, sarebbe giusto e salutare che vengano irrorati solo alle sezioni nei vari Comuni. Questo dice il cittadino elettore quando tutto l’attuale sistema è già intrinsecamente un congegno da truffatori.

  13. Scritto da max

    Loro le leggi anche se orribili,o antidemocratiche logicamente sempre nei confronti dei cittadini-elettori,le scrivono,chissà perché proprio ora che ci sono i controlli sui conti correnti,case,ecc..incominciano a sparire i soldi dai conti dei partiti,anche se loro non hanno problemi ad esportare capitali in svizzera-austria,montecarlo,lussemburgo,essendo parlamentari non possono essere perquisiti dunque ci hanno già gabbato,altro che tanzania,rutelli poi è il più ridicolo,erano in due ad avere la firma sul c/c,e questo gli fa sparire 13milioni di euro e lui cade dal pero,ma chi vuole prendere per il naso,ci controlleranno anche il water,la pay tv,intanto i loro soldi come per craxi hanno già preso il volo,misiani non faccia l’immacolato,chissà dove saranno i vostri,pardon i nostri soldi san marino,lussemburgo.

  14. Scritto da un q@lunquista

    Il Sig. Misiani vada a leggersi gli articoli di fuoco che Lusi scriveva lo scorso anno contro i corrotti abruzzesi, così, solo x scaramanzia. I rimborsi saranno anche in linea ma, intanto, chiamarli rimborsi non è corretto. Spendete 1 prendete 4 e vorreste pure cassare le multe x i manifeti elettorali. Anche a Bg c’è una lunga storia di tesorieri problematici. Severino Citaristi aveva ben 74 avvisi di garanzia e lui, era uno che rubava solo x il partito.

  15. Scritto da Gianpiero cassina

    Molto chiare e utili le tue precisazioni.
    Quanto a Lusi, se si confermano le accuse e se non copre altre operazioni della Margherita lo definirei un mascalzone

  16. Scritto da LEGA

    ah ah ah ah ah !!!! mi scappa leggermente da ridere
    Dove sono tutti i sinistroidi che urlavano allo scandalo perchè la Lega ha investito, ALLA LUCE DEL SOLE , soldi in Tanzania ??
    Almeno quelli sono li’ e sono del partito ..
    Il Vostro compagnuzzo invece ve li ha sfilati da sotto il naso e non ve ne siete neppure accorti …..
    Non vi farei governare neanche il pollaio della nonna: rischiamo che gli rubate anche le galline , non solo le uova ….

    1. Scritto da Giorgio

      Come dice l’autrice del libro “Un idiota in politica” solo uno della Lega può ridere di queste nefandezze.
      I soldi delle nostre tasse che invece di andare ai servizi vanno ai vari partiti, sono troppi; i “tesorieri” sono costretti a farli sparire investendoli in Tanzania o in Canada o rubandoli; le società esterne che controllano i bilanci dei partiti, devono essere credibili; come sanno gli azionisti di UBI non basta la certificazione di KPMG per credere che i bilanci UBI siano veri.
      Perchè Lega e PD non mettono in rete i loro bilanci con i relativi dettagli fino al livello di sottoconto per consentire a chiunque di giudicare l’uso che si fa dei nostri soldi?

    2. Scritto da Alberto

      No amico mio, sono un elettore PD e mi fa piacere che il PD sottoponga il proprio bilancio all’esame di una nota società internazionale di certificazione. Se non mi sbaglio è anche su internet. Quindi certe cose lì non possono accadere. Lei ha poco da ridere visto che la Lega non lo fa ! Il PD è l’unico e per questo complimenti a Misiani.

      1. Scritto da LEGA

        Adesso capisco perchè vi hanno sfilato un sacco di soldi da sotto il naso e non ve ne siete accorti …..
        Tutto chiaro ….
        Vi fidate ciecamente della società esterna di certificazione …
        Chi è? Lehman Brothers?
        Ma n’di’ a ciapà i racc…….

        1. Scritto da Rintro

          Pienamente d’accordo con Giorgio qui sopra, solo un leghista può essere così rintronato da non volere la certificazione di bilancio del partito a cui da i soldi. Così rintronato da non sapere neppure che Lehman Brothers era una banca e non una società di certificazione.

          1. Scritto da LEGA

            Si …. Si ….Certo …… Hai ragione …..
            Visto che siete alla ricerca di un candidato per sfidare Tentorio fate pure le primarie e proponete sto Lusi come candidato …..
            Vogliamo scommettere che i voti li prende ?

  17. Scritto da Sergio 61

    Cavoli, da profano non sapevo che questi signori avessero in deposito simili cifre, perchè non li prestano a noi piccoli imprenditori, ne hanno più delle banche, vuoi vedere che adesso sentiremo: rapina al PDL, rapina al PC. rapina al FLI. siamo proprio alla frutta

  18. Scritto da Francesco

    Sono d’accordo con l’On.le Misiani e mi auguro che i dirigenti del PD seguano, su questo caso, una linea chiara e rigorosa nei riguardi di Lusi, non è assolutamente accettabile avere in seno al Partito simile gente, senza voler nè giudicare nè condannare alcuno, ma, purtroppo, sembra che i fatti parlino da soli.

  19. Scritto da Maria Grazia Bonicelli

    se gli argomenti sono la “fisiognomica” ritengo che non ci sia modo neppure di iniziare a discutere di qualcosa, da Lombroso a Darwin temo che ci siano di mezzo secoli di conoscenze scientifiche le cui lacune andrebbero colmate, ma ci vuole troppo tempo. intanto , se proprio siamo fermi a Lombroso, prendiamo le facce di Bossi e del figlio detto Trota, prima di parlare.

    1. Scritto da paolo

      chissà perché credi che sono leghista, alla faccia della coda di paglia e quant’altro. Piuttosto, come è la tua, forse uno spettacolo forse un disastro, il fatto sta, che gente che ragiona come te l’Italia è piena, mi spiego meglio = da quello che non sa chi gli paga tutto a quello che non immaginava = tutti proprio tutti a far la bella vita sul groppone degli altri = soprattutto i migliori, quelli che pensano per noi. Valà, mi sa che anche te sei del quartiere.

  20. Scritto da paolo

    Se la fisignomica non è un’opinione ma scienza, accostando le due foto, impressiona vedere la vicinanza morfica dei compagniucci di partito. Guarda uno cosa va a pensare, che, si rammenta quelli del quartierino… dopo tutto il partito è medesimo, quello dei migliori, che siano migliori anche in questo? forse si.

    aspettiamo le prossime elezioni

    1. Scritto da Renzo

      Paolo, stai parlando della margherita di Rutelli , lo sai benissimo, come sai benissimo che questo è l’atto di un singolo individuo. Per quanto riguarda Misiani il suo è un bilancio certificato, unico tra i partiti. Se queste sono le considerazioni che dedichi alle persone perbene “nei fatti” e nelle azioni, beh , non so come stai tu a “fisignomica” , ma non ti vedo tanto bene .

      1. Scritto da paolo

        Eccone qui un altro del quartierino. Come te, anche loro erano e sono persone per “bene”. Ci mancherebbe. Persone incapaci di insinuare il dubbio del distinguo, nella ggente per bene, all’atto di sottrarre dalle tasche i danè…, dotati e sovrabbondanti del coraggio di don Abbondio, qualunquisti al punto giusto, ne meno ne troppo, tanto da essere considerate persone equilibrate e a modo, saccenti al punto giusto che non si specchiano i più, perciò, prima regola ermeneutica, specchiarsi, seconda provare vergogna, terzo farsi da parte, anche al bar sport, quarta e ultima: messi sotto custodia della consorte l’unica attività concessa è portare SOLO a passeggio – diurno e serale – il cane. Renzo, ti sapevo Tramaglino ma ti scopro Rodrigo. Và te! la storia alle volte come va a finire anche a leggerla bene trovi sempre qualcuno disposto a riscriverla subito. Renzo, decisamente uno del quartierino.

        1. Scritto da Renzo

          Credo non valga la pena neppure di risponderti . Ti sei autodefinito in maniera compiuta.

          1. Scritto da paolo

            Ti sei turato il naso, montanellianamente parlando, per manifesta superiorità intellettuale (tua) nell’autodefinirmi? Compagno! Forse trattasi di: quando non si sa più a cosa appellarsi, lungo il crinale dell’ombra si lancia il sospetto (dell’ignoranza mia) che tratteggia e anticipa la fuga dello scolarizzato di maniera? Per galenteria a Maria Grazia Bo, non volevo far notare che Lombroso e Darwin sono quasi contemporanei e che tra i due, non ci sono di mezzo secoli di conoscenze scientifiche. Ma forse questo non sai. Oh sai! Se sai sappilo e diccelo… CIAO Nì.

  21. Scritto da ex elettore

    E la gente dovrebbe andare ancora ai seggi a votare? E’ anni che sostengo che sono tutti uguali. Il finanziamento pubblico ai partiti non dovrebbe esistere, i soldi se li pappano tutti loro, chi investe in immobili privati, chi se li mette in tasca, chi li investe in Tanzania…ce n’è per tutti, semplicemente uno schifo. E poi quando fanno la buffonata delle primarie al tavolino fuori dal bar hanno anche il coraggio di chiedere i 2 euro per mettere una croce. Ma va là che vergogna