BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tangenziale senza soldi E la Brebemi resta al palo

Affidato a "Banca Infrastrutture e Sviluppo" il compito di definire il quadro economico (servono 1,4 miliardi di euro) per la tangenziale Est esterna di Milano, sulla quale dovrà innestarsi Brebemi. Il rischio è che la nuova autostrada finisca in un campo di Melzo.

Più informazioni su

I tempi parlano chiaro. Avanti di questo passo e l’autostrada Brebemi potrebbe essere pronta entro l’autunno del 2013. Ma ancora oggi resta sulla carta un altro progetto, fondamentale per fare in modo che la nuova autostrada raggiunga Milano. Parliamo della nuova tangenziale est esterna milanese, o Tem, che passando per Melzo dovrebbe raccogliere il traffico di Brebemi e portarlo verso il capoluogo lombardo e allo stesso tempo alleggerire il congestionamento sulle attuali tangenziali.

E’ del 27 gennaio la nota ufficiale con cui la società "Tangenziale Esterna spa" comunica di "aver conferito a Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo il compito di strutturare il project financing da 1,4 miliardi di euro, necessario per trasporre dalla carta millimetrata alla realtà la nuova arteria". Vale a dire che ad un anno e mezzo circa dalla conclusione dei lavori di Brebemi non c’è ancora un quadro economico certo per la tangenziale esterna.

Due opere che forse avrebbero dovuto essere sincronizzate nei minimi dettagli rischiano quindi di arrivare spaiate alla meta, a meno che la Tem non subisca un’accelerazione da record riguardante finanziamenti, espropri, cantierizzazione ed esecuzione dei lavori.

In caso contrario lo scenario che si prospetta è abbastanza tragicomico: nel 2013 la Brebemi, ormai completata, avrà il suo ultimo casello a Melzo, non lontano da Milano ma sicuramente fuori dal tessuto urbano vero e proprio del capoluogo. Da lì gli automobilisti, invece di trovare una nuova tangenziale pronta a portarli verso la città, potranno riversarsi sulle strade già esistenti e intasate: Rivoltana e Cassanese, le più vicine.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Come fa lo stato che ha 2.000 miliardi di debito a finanziare opere pubbliche costosissime? Il Tav 8 miliardi di euro. Brebemi 4. Tem 2. Pedemontana 4. Totale 20 miliardi di euro. Il project financing, finanza di progetto, significa solo spostare nel tempo, occultandolo, nuovo debito pubblico (vedi l’opinione di Ivan Cicconi, direttore di Itaca, su Youtube).

  2. Scritto da il polemico

    io proporrei di farsi ridare dal signor penati,i famosi 150 milioni in piu versati per acquisto di quote della serravalle….se i pochi soldi che ci sono,vengono deviati per affari personali,chiaro che poi le casse sono sempre vuote

    1. Scritto da Bad Company

      Aggiungiamo gli extra per l’ospedale di bergamo e il saldo di qualche birichinata passata alle cronache degli ultimi tempi di un pò di assessori e assimilabili regionali.

  3. Scritto da giustino

    dai dai sotterriamo altre scorie!!!

  4. Scritto da Ezio

    Speriamo che resti al palo anche l’autostrada Osio-Treviglio.

  5. Scritto da Lee Mortacci

    Cosa pensavate ? L’importante era fare speculazioni nella Bassa .

  6. Scritto da Trevigliese scettico

    Ricordo solo una data: BREBEMI (dopo corposi ritardi, spergiuravano nel 2002, nei convegni i politici e i responsabili aziendali) sarebbe stata ultimata senza dubbio entro il 2006 …, ma BREBEMI serve? molto meno della Pedemontana! E si poteva al suo posto riqualificare la Rivoltana e la statale 11 ed avere i medesimi benefici (gratis per il viaggiatore), ma lo Stato non ha soldi e ci si è affidati ai privati , che ovviamente e giustamente vogliono essere pagati (tariffa autostradale).

    1. Scritto da libero

      il fatto è che di privati tanto eventolati in tutti i servizi televisivi, dibattiti, giornali…NON NE ESISTE NEMMENO UNO!!! Sono solo finanziamenti di banche (già non messe bene…) e cassa depositi prestiti (STATO!!!)

  7. Scritto da gigi

    hanno scoperto l’acqua calda. È da anni che si dice che la brebemi, se verrà mai ultimata, finirà nei campi. Con buona pace di chi si mette un casco da operaio verde in testa.

  8. Scritto da Indignato orobico

    “avrebbero dovuto essere sincronizzate nei minimi dettagl” ma dai se lo sanno anche i polli chi i soldi per la tangenziale non ci sono e in futuro non ci saranno di certo. Quindi si avvera uno degli scenari più foschi da sempre denunciato in decine di assemblee dai comitati contrari alla BreBeMi. Una strada che inizia a Brescia e finisce in un viottolo in mezzo ai campi.
    Come volevasi dimostrare….. un’altra opera faraonica e inutile. Grazie Formigoni e alla Lega.

    1. Scritto da Cunini Sergio

      Sono le prese per i fondelli alla gente che lavora e che paga. Un altro caso è la teb di Bergamo. Per risolvere il problema del traffico a Bergamo si collega la valle alla città, mentre invece logica vuole che si colleghino i quartieri della città.