"La Bohème" a teatro con il Circolo Mayr-Donizetti - BergamoNews
Stagione lirica

“La Bohème” a teatro con il Circolo Mayr-Donizetti

Venerdì 20 gennaio con la "La Bohème" preosegue la stagione operistica del Circolo Mayr-Donizetti al Teatro San Giovanni Bosco di Bergamo

A Bergamo, Via San Siro, 9 (quartiere di Colognola) al Teatro San Giovanni Bosco, prosegue la stagione operistica del Circolo musicale Mayr-Donizetti.

Venerdì 20 Gennaio alle 21 va in scena La Bohème, opera in quattro quadri, con musica di Giacomo Puccini.

La prima rappresentazione della Bohème ebbe luogo al Teatro Regio di Torino, il 1º febbraio 1896. Il libretto, di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, è tratto da Scènes de la vie de Bohème di Henry Murger. Puccini realizzò in pochi mesi una partitura che raggiunse esiti altissimi nella creazione melodica e nell’orchestrazione.

La musica raffigura con sensibile partecipazione e sorprendente duttilità espressiva la varietà informe delle passioni che animano la giovinezza: la vita sregolata e fatta di espedienti, l’incostanza del sentimento e le improvvise grandezze dell’animo, le ambizioni dell’arte.

L’immaginazione musicale raccoglie situazioni e stati dell’animo nella luce di un lirismo delicato e intenso: allo stesso modo, discreto e invincibile, la veloce agonia di Mimì unifica ogni cosa nell’ordine ineluttabile della fine.

Coro Opera Ensemble maestro del coro UBALDO COMPOSTA, Coro di voci bianche San Filippo Neri maestra del coro IRIS COMPOSTA, concertatore al pianoforte DAMIANO MARIA CARISSONI, regia VALERIO LOPANE.

Contributo ingresso 15 Euro, per Info e prenotazioni: http://www.mayrdonizetti.altervista.org – http://www.mayrdonizetti.altervista.org/file_pdf/Locandine/2011-2012/20120120_La_boheme.pdf tutti i giorni dalle 13.00 alle ore 16, tel 035 315854.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it