BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pirovano lascia Roma “Monti? Peggio del Duce” fotogallery

Il Presidente della Provincia di Bergamo, l'onorevole Ettore Pirovano, si dimette dal Parlamento. E nell'addio rilascia esternazioni da campagna elettorale, con giudizi pesanti sul nuovo esecutivo.

Più informazioni su

Ettore Pirovano lascia il Parlamento. Con una lettera scritta a novembre, ma consegnata a Roma nella giornata di martedì 6 dicembre.

“Avrei potuto rimanere alla Camera, ma sarebbe stato uno schiaffo in faccia a chi mi ha eletto. Ora mi dedicherò interamente alla Provincia di Bergamo” commenta Pirovano, 62 anni, dal 1996 a Roma, prima come senatore del Carroccio e poi come onorevole.

L’addio sarà ufficiale solamente quando il presidente della Camera le accetterà. Nel frattempo resta un annuncio condito da frasi e considerazioni da campagna elettorale: “Non capisco come il presidente Napolitano abbia potuto firmare il decreto presentato da Monti”.

Le scelte del nuovo governo? “Improvvisate da bocciofila”. La scelta di tagliare le Province? “Nemmeno Mussolini arrivò a tanto. E fallì in quell’intento”. Lascerà Roma per il nuovo parlamento Padano? “Non me lo hanno ancora chiesto, ma sono pronto a dare il mio contributo”. E ancora sferza attacchi al governo Monti: “Hanno una maggioranza bulgara, solamente la Lega è all’opposizione. Vedremo che cosa faranno con questo modo di servirsi della democrazia, non di onorarla”.

Quindici anni tra Camera e Senato e qualche sassolino da togliersi dalle scarpe, soprattutto verso gli ex alleati: Forza Italia e An.

“Nel 2005, quando ero capogruppo al Senato, presentammo la deregulation. Era una riforma che prevedeva il dimezzamento del numero dei parlamentari ed il Senato sarebbe stato federale – afferma Pirovano –. Passò in Senato e alla Camera, ma poi il referendum la bocciò, per colpa anche di del voto contrario di Forza Italia e An che amministravano Comuni e Province al sud. Era difficile far capire al proprio elettorato una riforma che avrebbe tagliato i costi della politica e certi clientelismi”.

Un commento sulla manovra di Monti: “Saranno dei professoroni, ma non ci sono dei tagli, solamente più tasse”.

L’ultima curiosità della vicenda delle dimissioni dell’onorevole Pirovano è riservata al suo seggio a Roma, sarà occupato da un altro leghista, ma non bergamasco.

GUARDA LE IMMAGINI DELL’INCONTRO IN PROVINCIA

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cinico

    Penso che Pirovano ha i giorni contati “politicamente parlando” :/ ormai a mio parere è tutto un delirio :/

  2. Scritto da sleghista

    Da assenteista e comunque pagato dovrebbe lo stato farsi risarcire i danni da pirovano e spero che il”duce” (se vuole essere riconosciuto come il salvatore dell’Italia ) faccia di tutto per sconfessare simili comparse anche economicamente!

  3. Scritto da mario59

    E’ buffo da vedere… ma io che non ho mai condiviso nulla di quanto pensa e di ciò che ha fatto Pirovano, in questa circostanza, in parte ne condivido il pensiero….la stragrande maggioranza dei partiti, da destra a sinistra… sostiene questo governo tecnico, che tanto ha parlato di equità.. ma alla fine le mani le mette nelle tasche di chi stava già peggio, naturalmente salvando dalle tasse quei poveri preti, che con tutti gli immobili che possiedono, non possono sostenere i problemi dell’Italia. ovvio che con questo non assolvo un Pirovano che ha preso fin’ora doppio stipendio per doppio incarico….bisogna dire che ha imparato bene come si magna magna in quella che lui e i suoi compari, chiamano Roma ladrona.

  4. Scritto da Leghista vero

    Mi piacerebbe che il dimissionario Pirovano, rendesse noto il lavoro svolto in 17 anni a Roma. Per esempio, proposte leggi come primo firmatario, a parte le iniziative per portare soldi alla sua Caravaggio e al Santuario!!! Avanti!

    1. Scritto da tu della lega?

      Se vai sul sito istituzionale della Camera o del Senato e inserisci il nome del politico ti esce il suo curriculum parlamentare con le proposte.

  5. Scritto da MAURIZIO

    Le persone come pirovano chiamano “duce” chiunque sia in grado di porre un limite alla loro sete di potere.
    Rinnovo il mio invito a pirovano :
    dichiari pubblicamente l’ammontare delle sue pensioni (i comuni mortali hanno una sola pensione, i politici ne hanno molte)e a quanti anni di lavoro ciascuna corrisponda.
    Vediamo se ha questo coraggio il nativo della val padania.

  6. Scritto da Luca Lazzaretti

    Innanzitutto onore e rispetto a chi ha votato e vota lega perchè in buona fede pensava di cambiare le cose in meglio…purtroppo il personale politico leghista si è dimostrato del tutto incapace e degno della peggiore DC…quella del tirare a campare e stare con la pancia piena senza lavorare..le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

  7. Scritto da Van Piro

    Pirovano , com’erano le casse dello stato quando sei entrato e come sono adesso che esci ? Dopo anni e anni di governo del tuo partito.

  8. Scritto da giupì

    Era ora che rinunciasse al doppio incarico. Se l’avesse fatto prima, dopo l’elezione a presidente provinciale, avrebbe fatto più bella figura.
    Personaggi come Pirovano squalificano la Politica. Uno, cento, mille Monti!

  9. Scritto da Bilifu'

    Dopo quello che hanno combinato in parlamento si possono chiedere i danni ?

  10. Scritto da Margareth Lee Mortatcher

    Monti peggio del duce? tutto è possibile, anzi quasi tutto perché peggio della lega penso sia proprio impossibile.Appena lasciate le cadreghe si ricomincia con le palle sull’indipendenza e stupidate varie, se invece di prendere le impronte ai bambini rom e a votare la ruby nipote di mubarak, nonché salvare i vari romano, cosentini ecc.. dalla galera si fossero preoccupati dei problemi che c’erano e stavano peggiorando del governo Monti non ci sarebbe stato bisogno, invece, visto che il loro referente (Berlusconi) diceva che la crisi era solo psicologica dovuta alle “Cassandre”della sinistra e i problemi erano le toghe rosse loro lo hanno sostenuto al massimo fini alla fine e adesso continuano a sostenerlo indirettamente straparlando di chi lo ha sostituito e facendo il teatrino fingendo di essere in disaccordo con lui e il pdl.

  11. Scritto da deregulation

    DEREGULATION? VORRA’ DIRE DEVOLUTION!!!
    http://it.wikipedia.org/wiki/Devoluzione
    COMPLIMENTI, EVIDENTEMENTE IL DOPPIO INCARICO NON PREVEDE LA MEMORIA DELLE NEFANDEZZE BOCCIATE DAI CITTADINI !!!!
    BASTA CON STA GENTE CHE NON CI STA PIU’ NEMMENO CON LA TESTA!!! PIROVANO MI RACCOMANDO TIENI STRETTA ALMENO QUELLA POLTRONA FINCHE’ CE L’HAI!!!!

  12. Scritto da maria

    Condivido del tutto l’opinione di Daniele. Le dimissioni sono date per conservare i privilegi non per indignazione. Ritengo che l’abolizione delle province sia demagogica; occorrerebbe una riforma complessiova delle istituzioni; in questo modo si rischia di azzerare province che operano utilmente e garantiscono servizi per spendere di più e azzerare i servizi.

  13. Scritto da Aladin

    Quoto i commentatori precedenti. pirovano e lega ladrona emblema del periodo da basso impero che stiamo vivendo. Gente del Nord, liberiamo la nostra terra da questa gente. Saremo magnanimi: gli garantiamo un salvacondotto per la Baviera o la Svizzera:ma fora di bàl!

  14. Scritto da un trevigliese

    Torna da Roma con un vitalizio o a mani vuote?
    Sarebbe interessante saperlo, giusto per chiarezza verso i suoi elettori.
    Il resto mi sembrano le solite esternazioni di un politico di livello mediocre, quello che negli anni abbiamo avuto l’occasione di conoscere.
    Non ci mancherà il deputato Pirovano. Ci avanza come presidente della Provincia, speriamo se ne vada presto anche da lì!

  15. Scritto da pensionato d'oro

    se gli fa tanto schifo questa Italia, può sempre rinunciare alla pensione che gli pagheremo

  16. Scritto da Mario

    15 anni tra Camera e Senato e un bel vitalizio come premio, se lo e’ proprio meritato (chissa’ che vuoto incolmabile lascera’).
    A me non bastano 15 anni di lavoro per ricevere la pensione…e neanche se ne lavoro 40.
    Pirovano…..su…dai l’esempio….rinuncia al vitalizio.

  17. Scritto da voltaire

    il problema è che adesso si dedicherà completamente alla Provincia di Bergamo(testuale).

  18. Scritto da c.b.

    La tempistica non convince. Da bergamasco avrei preferito le dimissioni da Presidente della Provincia, ma non si può avere tutto dalla vita.

  19. Scritto da stef

    non riesco proprio a ricordare in che situazione sociopolitica abbiamo potuto permettere a codesto esemplare di andare alla camera ed in provincia… qualcuno me lo ricorda?

  20. Scritto da giada

    che ipocrita!

  21. Scritto da bensta

    Dare del Duce a Monti solo perchè ha il coraggio di fare quello che loro, lui compreso, non hanno avuto il coraggio di fare mi sembra che illustri ancor meglio che tipo di personaggio è il Sig. Pirovano! Lui con la Lega, alleati di B., hanno negato la crisi fino al giorno prima dell’arrivo dei Tecnici, per occuparsi dei loro affari personali e dei problemi giudiziari di B. e poi non dimentichi il popolo leghista che questo signore si dimette ora per salvaguardare i suoi privilegi sarebbe bello che lo dicessa a voce alta …

  22. Scritto da simone

    MA PERCHE’ NON TI DIMETTI DA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA COSI FINISCI DI FAR DANNI E SOPRATUTTO TE NE VAI CON DIGNITA’ ( NOSTRA).

  23. Scritto da Daniele

    E’ bene ricordare al sig. Pirovano che le dimissioni sarebbe stato opportuno darle non appena eletto, è ridicolo pensare di poter ricoprire due cariche del genere in modo serio! Quindi, per favore, invece di farlo apparire come un nobile gesto chieda scusa per l’incommensurabile ritardo!
    Rispetto al parlamento padano, permettetemelo, ma fa ridere i polli. L’altro giorno tra le cartine colorate presentate da Bossi jr. e Giorgetti che parlava di “negoziati” tra Padania e Europa c’era da sbellicarsi dalle risate (poi uno pensa che questa gente è pagata da noi allora il riso si trasforma in pianto).
    La tanto proclamata “deregulation” era palesemente incostituzionale e a fronte del numero di parlamentari che diminuivano (dal 2016!) ci saremmo trovati in uno sfacelo istituzionale con un governo superpotente e un Parlamento ancora più inutile di quanto non lo sia oggi! Già ora con la legge elettorale vigente ed un modo di legiferare basato sull’abuso della decretazione d’urgenza e i voti di fiducia il Parlamento è svuotato di ogni potere e ridotto ad un gigantesco passacarte. Alla faccia della democrazia!
    In tutta l’intervista di Pirovano l’unico punto in parte condivisibile è il passaggio sul taglio delle province (a parte l’inutile e per nulla calzante parallelo con Mussolini) sul quale si possono in effetti avanzare forti dubbi sopratutto per le realtà come quelle Bergamasca o Bresciana dove, data la grandezza del territorio e il numero di abitanti, la provincia, se ben amministrata, può svolgere un ruolo importante per il coordinamento della polittica territoriale.

  24. Scritto da victor

    Ma questo “onorevole” dov’era quando si votavano le schifezze del governo Berlusconi? Mi ricorda tanto quelle signore e signori credenti che non avendo il coraggio di divorziare andavano dai preti a farsi “annullare” il matrimonio ritornando “vergini” anche se con 3 figli.

  25. Scritto da Il Cardellino

    …era ora! uno in meno.

    1. Scritto da gio

      ..e no!!!
      uno in più, poiché quel leghista che lo sostituirà avrà anche lui il suo bel vitalizio per tutta la dannosa vita di parlamentare padano, ma con soldi italiani..cioè, nostri

  26. Scritto da rinunci al vitalizio

    visto che la tempistica è sospetta, e visto che non ne ha bisogno, perché non rinuncia pubblicamente al vitalizio da parlamentare? Sgombrerebbe il campo da ogni sospetto…

    1. Scritto da rodolfo pandolfini

      Ottima proposta!

  27. Scritto da Andrea

    mha…sara’…intanto lui la pensione se la prende…. a sbaffo degli italiani che lo hanno votato ma che da oggi pagano e pagano ancora di piu’…per cio che riguarda le critiche a Monti…. bhe al governo non c’ero io non c’era Monti..ma loro si eran li bei presenti a votare quello che abbiam visto….nulla di favorevole o vantaggioso per i cittadini…a negare la crisi… e adesso urlano padania…. l’unica cosa bella è che probabilmente certa gente dalle prossime elezioni sparira’…

    1. Scritto da gio

      magari, sparissero…
      resteranno e come resteranno sulle nostre spalle di lavoratori sdusper tassati per mantenerli salatamente per tutta la loro dannosa vita di politici..

  28. Scritto da pdup

    almeno qualcuno che si taglia qualcosina meglio di tanti che non fanno niente

    1. Scritto da rodolfo pandolfini

      Scusa ma cosa di sarebbe tagliato?

      1. Scritto da gio

        certo, come deputato ha tagliato le nostre paghe e le nostre pensioni e ora ha fatto i suoi conti per andare lui subito in pensione con vitalizio super e con pochi anni di parlamentare, se si licenzia dal Parlamento prima del nuovo regolamento della Camera che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2012…e questa sarebbe coerenza politica o uno che ha lavorato o lavora per noi?
        ma dai; fa ridere solo i polli padani..

  29. Scritto da verde speranza

    meglio che questo personaggio rifletta e consideri cosa ha fatto lui in veste di “politico” prima di parlare di ciò che fece il Duce in quell’epoca ed in quel momento!

  30. Scritto da sergio

    ecco garantito il futuro da politico leghista super retribuito della Camera Italiana, e dalle tasse degli Italiani, e con vitalilizio Italiano da record?
    altro che percepire una pensione da lavoratore padano in fonderia per 42 anni e magari loro 3 o 4 mila euro mensili per mezza legislatura: cioè, per due o tre anni?…
    che mondo perverso, ipocrita, falso, ladro e ingiusto stiamo vivendo noi lavoratori padani dopo vent’anni di lega al governo italiano che non ha tagliato i privilegi del Sud e tanto meno quelli del Nord, poichè li hanno tutti aumentati a dismisura..

  31. Scritto da bocce e pallino

    …”il governo una bocciofila”…, ammettiamolo, almeno in questo se ne intende. Si è appena iscritto a quella di Vicenza. Presidente Umberto, segretario il Trota. Calderoli quello che segna le righe del campo.

  32. Scritto da riccardo

    BRAVO PIROVANO !!! DIMETTENDOSI NON DEVE SUBIRE LE NUOVE REGOLE SULLE PENSIONI DEI PARLAMENTARI …UNA GRAN FURBATA…CHE VUOL FAR PASSARE COME GESTO D’EROISMO

  33. Scritto da Paolo

    e Bravo il Presidente….cosi si è garantita la sua bella pensioncina….

  34. Scritto da sepp

    Peggio del Duce (e del Ducetto…) c`è solo la Lega. Vi siete venduti ai mafiosi per quattro soldi. Non avete portato a casa uno straccio di federalismo in 15 anni di governo (ha fatto meglio il PD nel 2000 da solo…). Sapete solo insultare l´Europa che è l´unica nostra salvezza. Mi stavate anche simpatici… ora vi auguro solo di sparire !!!