BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Traffico in tilt in città “Serve più informazione”

Un guasto alla rete di teleriscaldamento paralizza gran parte della città da due giorni. Il capogruppo del Pd Elena Carnevali chiede più informazione da parte dell’amministrazione.

Un guasto alla rete di teleriscaldamento paralizza gran parte della città da due giorni. Gli operai lavorano di notte incessantemente per riparare il danno, ma le transenne per coprire la buca creano non pochi disagi al traffico cittadino. Il capogruppo del Pd Elena Carnevali chiede più informazione da parte dell’amministrazione.

“Da ieri mattina lunghe code e rallentamenti hanno coinvolto le arterie di accesso al centro di Bergamo, soprattutto nella parte sud della città. Il guasto alle reti di teleriscaldamento non era ovviamente prevedibile, e certo non può essere imputato all’amministrazione. È però evidente che uno sforzo in più, almeno per quanto riguarda l’informazione agli automobilisti in coda, poteva essere fatto: nessuno dei segnalatori luminosi, che proprio a queste emergenze dovrebbero servire, avvertiva invece di evitare nel limite del possibile strade come via San Bernardino, via Paleocapa o via Papa Giovanni XXIII, dove le auto procedevano a passo d’uomo. Importante è stato l’intervento degli agenti di Polizia locale, che hanno contribuito a far scorrere il traffico paralizzato di Porta Nuova anche a rischio della propria salute. Nessuno di loro infatti era dotato di maschere protettive, nonostante gli alti livelli di inquinamento che si registrano in tutta la città (e ovviamente in particolare in caso di circolazione congestionata). Sempre in tema di inquinamento atmosferico, restiamo in attesa di capire quali siano gli interventi che l’assessore Bandera intende intraprendere per contrastare una situazione di emergenza che non accenna a risolversi: oggi la centralina Arpa di via Garibaldi registrava ancora 68 microgrammi di polvere sottile per metro cubo d’aria, ben oltre la soglia 50 considerata accettabile per legge (soglia sotto la quale comunque il livello non scende ormai dal 12 di novembre). Stop alle euro 2? Pedonalizzazioni? Targhe alterne? Speriamo che dalla conferenza con i sindaci dell’area critica e dalla riunione di giunta di oggi escano, una volta per tutte, indicazioni chiare e concrete che aiutino a garantire ai bergamaschi un’aria più respirabile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefanorossi

    ma ancora a litigare e pensare a come abvbassare le polveri sottili ??? Ma fate abbassare il riscaldamento a scuole comuni e soprattutto ai centri commerciali che hanno il riscaldamento interno intorno ai 31.32 gradi(termostato caldaia) e fate qualcosa di concreto e valito voi politici date prima il buon esempio poi eseguiamo!i sempre il cittadino deve fare??