BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I cent’anni della Colombo Festa al Pirellone

Fondata da Rinaldo Colombo, rilanciata dal '95 dai fratelli Bruno e Sergio Gervasoni dopo la messa al bando dell'amianto, oggi è azienda leader nel distretto delle a gomma e delle guarnizioni.

Più informazioni su

Cento anni e non sentirli affatto! E’ il caso della Manifattura Guarnizioni Colombo & C., che proprio quest’anno compie cento anni e che tra Bergamo e Milano ha fatto la storia delle guarnizioni in Italia e all’estero.

L’azienda viene fondata all’inizio del secolo a Milano da Rinaldo Colombo: documenti amministrativi fanno risalire l’iscrizione all’anagrafe camerale nell’ottobre del 1911. Nasce in circostanze leggendarie e il proprietario, “il Signor Colombo”, come veniva chiamato, rimane al timone dell’attività per 70 anni fino al 1982, anno della sua morte.

L’azienda per molti anni rimane leader nelle produzioni di guarnizioni industriali; i maggiori clienti sono le più importanti aziende nazionali e straniere; lo sviluppo maggiore dell’attività si riscontra negli anni Sessanta quando la “Colombo” arriva ad occupare oltre 350 lavoratori.

Proprio negli anni del “boom economico” diversi dipendenti lasciano l’azienda e fondano nel territorio altre realtà industriali nel medesimo settore; queste ultime in breve tempo diventano delle importanti aziende internazionali. Oggi questa area riconosciuta come “distretto della gomma” e conta circa 300 aziende occupando migliaia di lavoratori.

Con la messa fuorilegge dell’amianto nel 1992 l’azienda, già in parte ridimensionata dopo la morte del fondatore, si trova in difficoltà e sembra destinata a chiudere i battenti. Nel 1995 la svolta: una cordata capeggiata dai fratelli Sergio e Bruno Gervasoni intuisce le potenzialità di questa attività, acquista l’azienda e la rilancia insieme all’amministratore delegato Vittorio Calissi. La “Colombo” di oggi è un’azienda giovane e dinamica che con un forte spirito imprenditoriale ha saputo rinascere, nel solco della tradizione, privilegiando la qualità, il servizio e l’innovazione.

I festeggiamenti dell’azienda si terranno venerdì 2 dicembre a partire dalle ore 19 nel prestigioso scenario dello Spazio Belvedere al 31 piano di Palazzo Pirelli a Milano: a portare il saluto del Consiglio Regionale “padrone di casa” saranno il Presidente di Commissione Carlo Saffioti e l’ex presidente della Provincia di Bergamo Valerio Bettoni. Presenti pure l’Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale della Provincia di Bergamo Enrico Zucchi e per la Comunità Montana dei laghi bergamaschi il Presidente Simone Scaburri. In rappresentanza del Comune di Sarnico, dove ha sede l’azienda, ci sarà il Sindaco Franco Dometti. Dopo i saluti degli attuali proprietari Bruno e Sergio Gervasoni e dell’amministratore delegato Vittorio Calissi seguirà l’intervento di Ercole Galizzi, rappresentante in Confindustria di Bergamo del Polo Industriale della Gomma di cui la Manifattura Guarnizioni Colombo un importante tassello. Successivamente Giuseppe Bettera presenterà la“Brochure del Centenario” in cui, attraverso aneddoti, storia e immagini, si racconta lo straordinario e originale percorso della “Colombo”; copia del libro sarà donata a tutti i presenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da colombo della pace

    Le maestranze colpite da amianto e mesotelioma ricordano con affetto le giornate serene trascorse in cliniche e ospedali quale lascito imperituro dell’opera dell’ignifugo benefattore e si uniscono simbolicamente al coro degli amministratori, dei sindaci e dei presidenti in attesa che la giustizia divina faccia il suo corso.