BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vincenzo Mollica al Teatro Sociale di Bergamo

Il giornalista Rai, sarà sul palco del Teatro Sociale per raccontare la sua vita e le esperienze più significative della sua carriera raccontando chicche sui grandissimi personaggi dello spettacolo che ha incontrato

Domenica 4 dicembre 2011 alle ore 21 andrà in scena presso il teatro sociale di Bergamo Alta “il racconto di un cronista impressionista e impressionabile” di e con il grande giornalista Rai Vincenzo Mollica. Uno dei giornalisti più conosciuti e amati d’Italia che vanta un’esperienza trentennale come cronista televisivo di spettacolo. Racconterà in questa sua performance aneddoti e curiosità sulla sua carriera che l’ha visto a contatto con i più grandi personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura.

Una sorta di autobiografia raccontata a teatro, la conversazione verrà integrata con filmati e registrazioni particolarmente significativi per la carriera del giornalista. Inoltre “l’interattività” dell’incontro consentirà al pubblico di fare domande direttamente al giornalista, l’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

L’iniziativa rientra all’interno di una rassegna molto più ampia dal titolo “radio e tv a teatro”, promossa dall’assessorato alla cultura del comune di Bergamo in collaborazione con Rai radio2 e Rai radio3. Numerosi sono gli incontri in programma, la rassegna terminerà lunedì 12 marzo 2012, il filo conduttore di tutti questi incontri saranno la tv e la radio all’interno del teatro. Fin dai loro esordi radio e televisione hanno avuto rapporti conflittuali con il teatro, soprattutto la tv che da un lato ha tolto spettatori al teatro ma dall’altro è servita anche come strumento di promozione. Nell’era di internet che rende “anziani” anche questi mezzi, la casa delle arti vuole percorrere il cammino a ritroso, portando grandi protagonisti della radio e di programmi cult televisivi sul palco ottocentesco del Teatro Sociale di Bergamo Alta come una forma di intreccio tra i vari periodi.

 

Stefano Asperti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.