BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Morto Lucio Magri, dalla Dc di Bergamo al Manifesto

Suicidio assistito in Svizzera. Nato a Ferrara, ma cresciuto a Bergamo, Magri aveva 79 anni. Si era avvicinato alla politica nella sinistra democristiana. Tra i fondatori del Manifesto nel '69.

Più informazioni su

Lucio Magri, fondatore del Manifesto, nato a Ferrara ma cresciuto a Bergamo dove aveva avvicinato la politica nella sinistra democristiana insieme a Giuseppe Chiarante, è morto in Svizzera all’età di 79 anni. Morto per sua volontà, perché vivere gli era diventato intollerabile, ha scelto il suicidio assistito.

Precoce, Magri lo era stato in maniera spettacolare: nei primi anni Cinquanta già figurava fra i redattori della rivista mensile "Per l’azione", un organo dei giovani della Dc cui si consentivano attacchi quasi temerari alle "brutture del capitalismo". Del Magri di allora ci rimane un ritratto che ne fece anni fa il bergamasco Giuseppe Chiarante, suo amico d’una vita: "Era ammirato dalle compagne di scuola", così egli ricorda, "per la sua presenza atletica e perché considerato molto bello".

Quando, nel 1955, esce un altro periodico democristiano di sinistra, "Il Ribelle e il Conformista", è lui, Magri, a condividerne di fatto la direzione con un altro appassionato politico di Bergamo Carlo Leidi: qui si delinea un’ipotesi di apertura a sinistra.

Sta intanto per uscire un’ennesima rivista, "Il Dibattito politico", che, legata all’orbita ideologica di Franco Rodano, è diretta da Mario Melloni, con condirettore Ugo Bartesaghi: per misurarne le qualità ereticali basti ricordare che i due saranno espulsi dalle file dello Scudo crociato per aver votato contro l’ingresso dell’Italia nell’Unione europea occidentale. Il gruppo redazionale nel quale Magri esercita con passione il suo ruolo riunirà poi, accanto al solito Chiarante, intellettuali del rango di Ugo Baduel, Giorgio Bachelet, Edoardo Salzano. Programma dichiarato è "la ricerca delle necessità che sollecitano il mondo cattolico e quello comunista al dialogo". Potrà un simile progetto attuarsi dentro la DC?  Magri e gli altri sono i primi a dubitarne. La diaspora verso "la sinistra storica" è nei fatti. La "vita democristiana" di Lucio Magri è stata breve e intensa: più lunghi saranno il tragitto verso il Pci e poi la permanenza in quel partito. Nell’estate del ’58, Giorgio Amendola, responsabile dell’organizzazione, lo riceve nel suo studio a Botteghe Oscure insieme a Chiarante e lo invita a aver esperienze di base. E’ così che Magri se ne tornò a Bergamo, diventando prima segretario cittadino, e, due anni dopo, vicesegretario regionale.

Poi parte per Roma dove si avicina a Pietro Ingrao, Rossana Rossanda, Luciana Castellina. E le distanze dal Pci cominciano a farsi sentire fino al 23 giugno 1969 quando arriva in edicola, a Roma, la rivista "Il Manifesto", che subito apparve un caso esemplare di eresia politica.  Il primo numero vende 50 mila copie biasimando certi anticipi di "compromesso" fra Pci e Dc. Sotto il titolo "Praga è sola", si tesse un elogio della "primavera" di quella capitale, che Mosca ha represso. A Magri e Rossanda venne rivolto un vano invito a ritrattare. Non lo fanno e vengono radiati tutti.

Insomma, fine anni Cinquanta: fuori dalla Dc. Fine anni Sessanta: fuori dal Pci. Ma di Lucio Magri si continuerà a parlare. Almeno un po’: anni Settanbta critiche a Berlinguer e poi la leadership del Pdu, Partito di unità proletaria, con il quale il gruppo del Manifesto s’era fuso. Negli anno Ottanta lo si ritrova daccapo nel Pci, quando il Pdup vi confluisce. Sempre in Parlamento, a volte in questo o quel vertice di partito. Fino alla finale dissoluzione del Pci: Rimini, febbraio 1991.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da attila1968

    Egli è morto come hà vissuto, COERENTE ED INTRANSIGENTE con le sue IDEE fino in fondo. CIAO GRANDE COMPAGNO LUCIO.

  2. Scritto da Narno Pinotti

    Quattro giorni fa Luciano Francesconi, illustratore al Corriere della sera, si spara un colpo alla testa: era malato di cancro.
    Ieri Lucio Magri è morto in Svizzera. Probabilmente dopo aver concordato le tappe verso il suicidio con uno o più medici; probabilmente dopo aver avuto colloqui con psicologi o psichiatri; certamente dopo essersi liberamente informato ed essere stato in tutto istruito, accompagnato, aiutato. Fino al gesto di bere il veleno, che di certo era suo, come prescrive la legge, e perciò libero.
    Sono certo che il Signore, nella Sua infinita misericordia, ne troverà un po’ per entrambi. Non so se noi, qui, dovremmo averne per chi ha voluto questa spaventosa differenza fra il signor Francesconi e il signor Magri.

  3. Scritto da francesco Macario (Cocò)

    Un grande della sinistra, un compagno che non ci ha pensato due volte a vivere contro fino in fondo, anche contro il suo partito quando questo sbagliava.

  4. Scritto da sergio

    L’errore di Lucio? Di essere nato in un periodo storico totalmente arretrato e ipocrita sul piano politico-sociale, in quanto lui, proiettato fin dalla nascita in ideale di società più aperta e libera da fronzoli medievali, non è stato compreso e accettato, così come lo sono parecchi profeti sia laici sia cattolici. L’ipocrisia e l’opportunismo è parte della massa e la massa di reprime, se loa metti in discussione. Tanto più se tenti il cambiamento: Comunque, l’on. Lucio, rimarrà nella storia italiana del Novecento, come colui che ha saputo andare oltre il contingente e trascinarvi gran parte dell’analisi critica di quella società chiusa nel più becero qualunquismo di massa. Che riposi in pace: ha fatto di più di quello che poteva fare una persona libera e, soprattutto, onesta.

  5. Scritto da Massimo Cortesi

    Luciana Castellina di recente mi aveva parlato del suo malessere, della sua depressione e anche dell’ultimo suo bel libro sulla storia del partito comunista italiano. Da quel giorno quel libro sta sul mio comodino. Un grande grazie a Lucio per le sue tante idee da parte mia e dell’Arci di Bergamo proprio dalla sua “casa”: via Quarenghi 34.

  6. Scritto da marilena

    un grande uomo, coerente fino alla scelta finale, purtroppo non ne esistono quasi più. Grazie lucio, da un’idealista come te naturalmente indegna del confronto ma che cerca di fare del suo meglio per somigliarti.

  7. Scritto da Mimì

    Grazie, grazie Compagno Lucio. Sei stato unn faro, un sicuro punto di riferimento umano e politico per tanti, tanti sessantottini come me. A pugno chiuso Mimì Capurso-Bisceglie