BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La password più usata? “Password” sbaraglia tutti

Secondo uno studio di SplashData sarebbe il termine più utilizzato con 123456 e 12345678. I consigli per non farsi fregare.

Più informazioni su

Chi l’avrebbe detto che password è la password più usata dai cyber utenti? E anche quella più indovinata stando a una recente ricerca di SplashData su milioni di parole chiave rubate e pubblicate online da hacker, cracker & co. “Creare e ricordare una password efficace è più semplice di quello che immagini” Genialità o stupidità? – Ci sono due possibili spiegazioni per chi ha usato il termine password come password per qualche servizio online: è incredibilmente ingenuo oppure credeva di essere estremamente astuto perché a nessun sarebbe venuta in mente una parola così ovvia. Il termine password, anche nelle varianti come Passw0rd, è la peggiore scelta dell’anno secondo una ricerca condotta da SplashData.

SplashData ha infatti analizzato migliaia di password rubate e pubblicate online da hacker, o presunti tali. Se password è la peggiore password del 2011, al secondo posto troviamo l’immortale 123456 seguito da 12345678, se la richiesta è di otto caratteri. Il quarto posto lo conquista l’intramontabile qwerty tallonato da abc123 per dimostrare che si conoscono anche le lettere oltre ai numeri.

Nella top 25 delle password ci sono anche Monkey (6), 1234567 (7), letmein (8), trustno1 (9), dragon (10), baseball (11), 111111 (12), iloveyou (13), master (14), sunshine (15), ashley (16), bailey (17), passwOrd (18), scado (19), 123123 (20), 654321 (21), superman (22), qazwsx (23), Michael (24) e football (25).

Le password sono il lasciapassare ai nostri dati e identità online e devono essere a prova di bomba . La prima regola, dettata dal buon senso, è scegliere una password diversa per ogni situazione, mentre la seconda è non usare niente di scontato come il nome del proprio cane o la data di nascita, tutte informazione che chi vi conosce potrebbe facilmente dedurre. Infine, se la memoria non è proprio il vostro forte, evitate comunque di annotare l’elenco delle password su post-it attaccati al monitor o di raccoglierle tutte in un documento sul computer dal nome “password.doc”.

Se scegliete una password troppo semplice rischiate che qualcuno la indovini, se invece puntate su qualcosa di più complicato magari finite per dimenticarla . Che fare? Esistono diversi trucchi per creare delle password sicure. Gli esperti di sicurezza consigliano password di almeno 8 caratteri, possibilmente con caratteri alfanumerici che alternino le lettere ai numeri. Uno degli stratagemmi più semplici, per esempio, è usare delle normali parole ma scritte al contrario o sostituendo le vocali con dei numeri. Una password come “bernardo”, per esempio, potrebbe diventare “odranreb”, oppure “b3rn@rd0”, o ancora meglio “0dr@nr3b”. L’idea è quella di sostituire la “a” con “@”, la “o” con “0” (zero), la “e” con il “3”, la “i” o “!” con un “1”, e ancora le “s” con “$” e gli spazi con “%”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.