BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, in 11 mesi 1,2 miliardi di evasione

E' la cifra di imponibile sottratta al fisco nel territorio bergamasco, pari al 3% del totale italiano. Il colonnello De Roma: "Sempre più spesso è l'evasore a cercare la conciliazione con il Fisco".

Più informazioni su

La Bergamasca supera il 3% dell’evasione fiscale accertata a livello nazionale. Lo dicono i numeri della Guardia di Finanza di Bergamo riferiti al periodo tra gennaio e novembre 2011. Sul territorio bergamasco risultano sottratti al fisco 1 miliardo e 250 milioni di euro di imponibile, rispetto ad un totale di 39 miliardi a livello nazionale. E intanto sul territorio, secondo le Fiamme Gialle, sembra crescere la sensibilità dell’opinione pubblica all’evasione, anche dopo recenti operazioni che hanno già permesso al fisco di recuperare soldi.

 

E’ il nuovo comandante della Guardia di Finanza, il colonnello Giovanni De Roma, in servizio a Bergamo da luglio, a elencare i numeri, durante una breve intervista. “In questa città e in questa provincia ho trovato un tessuto imprenditoriale sano, ma i furbetti e gli evasori ci sono ovunque – commenta il colonnello -. In 11 mesi, con un lavoro particolare sugli evasori totali e paratotali, è stata accertata un’evasione di 1 miliardo e 250 milioni di euro di imponibile, Iva esclusa. A livello nazionale lo stesso dato arriva a 39 miliardi di euro”.

Gli evasori totali scovati nella Bergamasca sono stati 76, i paratotali 21. Alcuni casi eclatanti di evasione sono stati scoperti di recente e hanno avuto parecchio risalto sulla stampa. Sembra quasi di scorgere un indirizzo del nuovo governo nel reclamizzare le operazioni delle Fiamme Gialle. “No, non è così – spiega il comandante De Roma -. Credo ci sia sempre più malcontento nell’opinione pubblica rispetto al fenomeno dell’evasione e quindi cresce anche l’attenzione dei mass media. C’è un clima diverso, su questo fronte. Posso ad esempio dire che il nostro numero per il pubblico, il 117, è sempre più utilizzato, da persone che vengono qui al comando, ci mettono la faccia, segnalano situazioni sospette”.

C’è anche una parziale novità, che non va sottovalutata: “Negli ultimi anni è sempre più frequente la cosiddetta "aggressione" al patrimonio, soprattutto immobiliare, degli evasori. Scattano sequestri cautelativi anche ingenti e di fronte a questa eventualità spesso è lo stesso evasore a cercare la conciliazione con il fisco. E’ il caso recente di una serie di imprenditori di Bergamo, la cui posizione è stata accertata quest’estate: il 27 ottobre hanno restituito, e parlo di soldi cash, 13 milioni di euro al Fisco. Sono dati di fatto”.

Il comandante provinciale ribadisce che “spesso i controlli nelle aziende sono mirati, non si arriva mai casualmente e non c’è la volontà di vessare nessuno. Se la Guardia di Finanza si rende conto di non avere riscontri rispetto ad un’ipotetica evasione allora non c’è nessun motivo di proseguire i controlli, di permanere in azienda. E’ questione di trasparenza e correttezza che viene riconosciuta dallo stesso tessuto imprenditoriale bergamasco. D’altro canto notiamo sempre di più che quando i nostri verbali sono corretti, quando c’è un illecito accertato, è lo stesso imprenditore a cercare di conciliare”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alessio

    finalmente, chi non ha mai pagato le tasse inizia a preoccuparsi. bravi guardia di finanza!!! io stesso ho iniziato a denunciare al 117 quando non rilasciano lo scontrino e devo dire che avevo un pò di timore a farlo. però il finanzino al telefono è stato molto gentile e mi ha messo a mio agio. denunciate chi non fa il proprio dovere alla finanza

  2. Scritto da berghem

    L’evasione non è questione di nord o sud!Al nord ci sono grossi evasori perchè c’è un’economia sviluppata, a sud ci sono tanti evasori per l’esatto contrario…però sempre evasori sono! Il fatto è che spesso è più conveniente evadere che pagare le tasse…perchè poi si concilia e spesso vanno a pagare meno di quanto avrebbero pagato regolarmente! Per me gli evasori vanno trattati come negli USA…la sono considerati i peggiori delinquenti! Quindi ci vogliono leggi ad hoc per consentire di sequestrare TUTTO quello che hanno, devono restare sul lastrico!!Stessa cosa va fatta con la corruzione…non ti metto in carcere…ti rendo povero in canna! Cosi si deve fare…sei un falso invalido?bene, sequestrato tutto e il medico che ti hacertificato lo radiamo. Sei un imprenditore che ha sempre utili a 0 o chiude in perdita perchè trucca i bilanci? Bene, via tutto e radiamo il commercialista/revisore! La pena deve scoraggiare il reato

  3. Scritto da dino

    Bravi ,ma quanti di questi accertamenti poi vengono incassati??Spiegatemi cosa deve fare un cittadino per denunciare un’evasione,e non ditemi che c’è il117perchè oltre alla maleducazione dell’operatore scocciato per la chiamata,c’è un’assoluto senso di impossibilità a chiedere chiarimenti ed informazioni!Due chiamate due fallimenti!

  4. Scritto da Marco

    Bisogna farla finita con queste persone, sono ladri come quelli del meridione che rubano con le false pensioni d’invalidità, mi sono promesso che da ora in avanti se vengo a sapere di persone ch evadono il fisco ecc. parte subito da parte mia un esposto indirizzato alla G.d.F e all’Agenzia delle entrate. Questo non perchè io sia invidioso o spione ecc.. ma queste persone rubano anche i miei soldi evadendo il fisco. Marco

  5. Scritto da Sergio

    Sembra difficile scovare gli evasori, quando invece, senza essere dei delatori o degli invidiosi, basta guardarsi attorno e vedere dei semplici giardinieri, idraulici, elettricisti, ecc., piccoli costruttori che hanno ragazzi in nero alle dipendenze, oltre ad avere la villa con piscina, moglie con suv per portare a scuola il figlio e poi in palestra, quando non hanno l’amante, ha lamentarsi ipocritamente perché il marito lavora troppo e sempre..certo, ogni tanto , 3 o 4 volte l’anno, vanno in giro per il mondo: New york, Dubai, Acapulco, ecc..Denunciano, e si vantano pure, mediamente 9 o 11 mila euro l’anno….Sono la rovina del nostro sistema? Non lo so! Di certo, accanto ai grandi evasori, sono dei ladri di futuro di questo paese, oltre che degli ipocriti.

    1. Scritto da A.Z. Bg

      Qui ci saranno gli evasori,ma che esempio danno proprio coloro che li cercano quando non guardano mai a sud del Po?Ovviamente l’evasione non è giustificata,ma se al sud evadono tutti i bergamaschi devono sempre essere i più fessi?Calabria 81% di evasione(Ag. delle entrate),oltre il 60% Campania,Puglia.Qui grande successo per il 3%?Provare a cercare anche laggiù?

      1. Scritto da andrea

        Il 3%, è scritto chiaro nell’articolo, è l’evasione accertata rispetto al totale nazionale. Con l’81% di altre regione non c’entra nulla come numero!
        Poi che magari si faccia di più o di meno al sud sull’evasione non lo so.
        Sicuramente come diceva l’intervento prima, TUTTI, conosciamo personaggi che dichiarano una miseria con megaville, supermacchine ecc. basterebbe suonare il campanello a questi signori e chidere loro dove hanno preso questi soldi. Se non li hanno rubati e dichiarano due soldi che forse evadano il fisco?