BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dote scuola e fondo affitti Denunciati 22 falsi poveri

Operazione della brigata della Guardia di Finanza di Costa Volpino: non dichiaravano redditi e patrimoni per ricevere dote scuola e fondi per il sostegno all'affitto. Le cifre accertate dovranno essere restituiti ai Comuni o alla Regione.

Più informazioni su

Chiedevano sussidi di diverso tipo ai rispettivi Comuni (nella zona dell’Alto Sebino) o alla Regione Lombardia, fingendo di avere un reddito più basso del reale e molto spesso omettendo di dichiarare che avevano anche proprietà immobiliari non indifferenti. La brigata della Guardia di Finanza di Costa Volpino ha denunciato 22 persone, per indebita percezione di erogazioni a danno del Bilancio pubblico. Nella sostanza una truffa alla pubblica amministrazione.

”L’attività ispettiva è stata rivolta al riscontro della veridicità dei dati esposti nelle dichiarazioni sostitutive uniche – si legge in un comunicato stampa delle Fiamme Gialle -, mediante accertamenti riguardanti la posizione reddituale e patrimoniale dei nuclei familiari dei soggetti beneficiari di prestazioni sociali agevolate, che sono state presentate per ottenere contributi economici riguardanti il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione grazie al cosìddetto “Fondo sostegno affitto”, l’assegnazione della “Dote Scuola”, assegno di maternità di base, bonus sociale per l’energia elettrica e borse di studio universitarie. Le investigazioni hanno permesso di appurare che su 22 soggetti esaminati, ben la metà avevano tentato di truffare le amministrazioni interessate, presentando autocertificazioni non veritiere sulle posizioni reddituali e patrimoniali del proprio nucleo familiare”.

Alcuni di quei 22 soggetti, oltre ad aver indicato un reddito molto inferiore nell’istanza del sussidio, hanno completamente omesso di dichiarare che possedevano un patrimonio, in qualche caso anche di svariati appartamenti e terreni di proprietà. Oltre alla denuncia tutti i soggetti finiti nel mirino della Guardia di Finanza, dovranno anche restituire agli enti interessati i fondi ricevuti illegalmente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gaspari deliana

    non capisco i termini SALVA e anteprima

  2. Scritto da deliana gaspari

    la posizione reddituale e patrimoniale andrebbe verificata dal comune prima di elargire sussidi a chi non ne ha diritto.
    si tratta di TRUFFA a discapito dei cittadini onesti

  3. Scritto da liala

    questi controlli andrebbero eseguiti in ogni paese perchè i furbi sono più tanti degli onesti .