BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maledetti minuti finali e la classifica ne risente fotogallery video

Con un pizzico di fortuna, ma anche di esperienza e furbizia, in più, i nerazzurri avrebbero potuto avere almeno altri sei punti. Il cammino della squadra di Colantuono rimane comunque esaltante.

Più informazioni su

Premessa doverosa: il cammino dell’Atalanta in campionato fino a questo momento è esaltante e, dopo un’estate calda come quella vissuta dalle parti di Zingonia, al di sopra di ogni aspettativa. La squadra di Colantuono in sole tre partite ha annullato la fastidiosa penalizzazione, finora ha collezionato 20 punti in totale e ha messo in mostra una serie di prestazioni davvero convincenti. Detto ciò, il gran lavoro del tecnico romano e della dirigenza atalantina, avrebbe potuto essere  premiato con un bottino ancora più ricco. Con solo un pizzico di fortuna in più, ma anche di esperienza e di furbizia. A partire dalla prima giornata a Genova, con i bergamaschi che al termine di una prova autoritaria portarono a Bergamo solo un punto dal Ferraris. E con Denis, rivelatosi poi giocatore di un altro pianeta, che si presentò ai suoi nuovi tifosi fallendo due occasioni non impossibili davanti al portiere genoano Frey. Poco male, perchè el Tanque nelle partite successive è diventato l’autentico trascinatore della Dea, oltre che un bomber implacabile. Con una sola défaillance: quel rigore sbagliato a pochi minuti dalla fine nella super sfida contro l’Inter, ferma sull’uno a uno, e che avrebbe regalato tre punti prestigiosissimi. Se il pareggio di Siena, anche se maturato solo all’87’ con la rete del 2-2 di Gazzi, per quanto visto in campo ci può stare, è un altro big match che brucia ancora. Nell’ultima partita contro il Napoli, quando i nerazzurri si fanno raggiungere sul pari proprio nell’ultima azione, dopo una palla non tenuta in avanti e un fuorigioco saltato a causa di Bonaventura, in ritardo nel salire. Insomma, facendo i conti, la classifica già positiva dell’Atalanta avrebbe potuto contare su almeno sei punti in più. E diventare quasi straordinaria, come la squadra vista finora.   

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gb

    Più che responsabilità a Bonaventura io darei la responsabilità maggiore a Colantuono, perchè essendo già nei minuti di recupero, non si doveva sostituire DENIS, in quanto questa operazione è costata i 30 secondi in più dove è successo l’inevitabile.

    1. Scritto da matematic=no opinion

      sono d’ accordo che l’ arbitro ha recuperato 30 secondi in più, ma se Denis ne ha impiegati 90 per uscire dal campo, abbiamo un minuto guadagnato!

  2. Scritto da digeo

    Io credo che i cambi siano stati giusti. Cigarini era cotto e bonaventura e marilungo servivano per fare contropiede. Il Napoli era pieno di giocatori offensivi, era giusto mettere contropiedisti freschi. Il cambio denis-gabbiadini è nella logica, al 90 minuto regali a denis la standing ovation dello stadio e spezzi il ritmo al napoli. Il problema è che i giovani sono entrati molli, gabbiadini ha amministrato malissimo un pallone in contropiede e bonaventura è stato superficiale nell’azione del loro pareggio. Sicuramente colantuono ne terrà conto.

    1. Scritto da o1971

      concordo pienamente con la tua analisi in tutto e per tutto … compreso gli errori dei giovani commessi .. però sono giovani quindi quest esperienza spero li faccia diventare anche un poco piu furbi poi certo dispiace perche la squadra ha tirato fuori le palle per 90 minuti e ha pagato questa piccola ingenuita e mi ripeto mancanza di esperienza e furbizia senno saremmo qui a parlare di altro … è vero anche che col senno di poi se ne possono fare di cose ….

      1. Scritto da poret

        errori commessi dai giovani? Bonaventura non è giocatore di fascia (in B faceva la differenza x i piedi ma non ha la corsa per la fascia in serieA) e di fatti fa movimenti sbagliati, Gabbiadini..poer balà, lo fanno giocare praticamente 1 minuto e ci mette l’anima, con la voglia che aveva per forza ha crossato (e bene)..sabato l’errore maggiore è dell’allenatore per cambi, ruoli e tempismo

  3. Scritto da nino cortesi

    Colantuono ma chi ti ha dato la patente. Come si fa sull’ 1 a 0 a far entrare Bonaventura invece di Minotti ed a far uscire Moralez invece di Schelotto per Marilungo. La squadra è stata esemplare; questa volta devi fare mea culpa. Inoltre se la partita lo permette quando si gioca in casa l’ultimo quarto d’ora spetta di diritto a Gabbiadini!