BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accordo raggiunto tra Fiat e sindacati

Dopo la conclusione dell'incontro svoltosi al ministero dello Sviluppo economico, Fim, Fiom e Uilm hanno tolto il presidio davanti ai cancelli della fabbrica.

Più informazioni su

Accordo tra la Fiat, le rappresentanze sindacali e il governo per lo stabilimento di Termini Imerese. Dopo la conclusione dell’incontro svoltosi nel pomeriggio di sabato 26 novembre al ministero dello Sviluppo economico, Fim, Fiom e Uilm hanno tolto il presidio davanti ai cancelli della fabbrica.

Per chiudere la trattativa, la Fiat ha stanziato circa 21,5 milioni di euro, come costo complessivo diretto a incentivi, premio di fedeltà, mancato preavviso e tombale.

Secondo l’accordo ogni dipendente riceverà un incentivo medio di 460 euro per 48 mensilità. Con la rimozione del presidio, le bisarche con le ultime vetture prodotte potranno uscire e consegnarle alla rete di vendita. Gli operai avevano effettuato i blocchi come strumento di pressione per arrivare a un’intesa sugli incentivi per l’accompagnamento alla pensione dei lavoratori della Fiat con i requisiti. Al presidio, i lavoratori hanno trascorso due notti.

I termini dell’accordo. La cifra prevista di 460 euro si spalmerà quindi su 48 mensilità, oltre a quanto previsto per norma. Questa la sequenza dei pagamenti, in fascia unica operi e impiegati: 4.445 euro nel primo anno, 10.366 nel secondo, 16.287 nel terzo, 22.208 nel quarto. Il tutto senza contare il costo del mancato preavviso, il premio fedeltà e le imposte. La mobilità partirà il primo gennaio 2012 e resterà aperta per due anni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Livio B

    Il segretario confederale della Cgil Vincenzo Scudiere parla di “intesa apprezzabile e positiva” perché, spiega, “risolve il problema degli incentivi accompagnando alla pensione oltre 600 persone”. E aggiunge: “E’ stato positivo il lavoro svolto dal ministro Passera e dallo stesso ministero per costruire una soluzione basata sul rispetto degli interessi in campo”. C’è ora in programma un incontro con l’imprenditore Di Risio, di Dr Motor: “In previsione del prossimo incontro con Di Risio – dice Scudiere – C’è bisogno che l’acquirente confermi tutte le disponibilità annunciate per avviare la produzione e rilanciare lo stabilimento di Termini Imerese”.

    Esprime soddisfazione anche il segretario nazionale della Fim Bruno Vitali: “Finalmente abbiamo raggiunto un importante punto di intesa sulla mobilità, che sarà pari al 70% di quanto era stato richiesto, ovvero di quello che tradizionalmente Fiat ha dato ai lavoratori”.

    Per il segretario nazionale della Uilm Eros Panicali, l’accordo è frutto “di una mediazione positiva”. “E’ stato finalmente risolto il nodo degli incentivi” ed è stato fissato un importo “decoroso”, afferma sottolineando che “con quest’ultimo tassello possiamo realisticamente contare sulla possibilità di raggiungere l’intesa generale e definitiva al prossimo incontro”.

    SOLUZIONE ?
    Il segretario confederale della Cgil Vincenzo Scudiere, il segretario nazionale della Fim Bruno Vitali, e il segretario nazionale della Uilm Eros Panicali dovrebbero vivere i prossimi 4 anni con 460 euro al mese, e riaprire ilconflitto !

  2. Scritto da Operaio

    Accettare quello che propone il padrone non e’ una trattativa !
    Questi sono i risultati……………………
    Vergogna sia ai Sindacati che al Governo.
    Tutti a casa e governino i Lavoratori !

  3. Scritto da Lavoratore B

    Fiom se hai ancora un briciolo di dignita’ quando parli di articolo 8 devi anche parlare dell’ accordo del 28 giugno, perche’ portate avanti solo l’ articolo 8 ? avete paura della mamma CGIL ?

    Attendo risposte dai lavoratori della FIOM, ormai le risposte degli organi dirigenziali non mi interessano piu’…………

    Secondo il mio punto di vista il futuro per ilavoratori sta nei sindacati di base, ormai CGIL CISL e UIL sono sindacati filopadronali, e la Fiom dovrebbe fare una scelta coerente, al posto di fare tanti proclami e poi abbracciare la politica sindacale della CGIL.

    Ricordo alla Fiom che avete fatto scioperare i lavoratori contro l’ accordo del 28 GIUGNO, cosa e’ cambiato aesso ?

  4. Scritto da Livio B

    FIAT ringrazia Fim Fiom e UIlm e Governo per averla assecondata ai suoi interessi e sopratutto per aver tolto il presidio dai cancelli nato spontaneamente tra i lavoratori.
    460 euro al mese per quattro anni, dovrebbero darli in primis a chi ha concluso la trattativa, sindacati e governo, se questa gentaglia provasse a non vivere per quattro anni con 460 euro al mese, magari durante le trattaive aprirebbe un conflitto, tra padrone e lavoratori, invece di accettare tutto quello che propone il padrone, e poi dire i lavoratori che questo e’ il massimo che si poteva ottenere !
    Il presidio davanti ai cancelli era un buon inizio di conflitto, ma guarda caso i sindacati hanno pensato di rimuoverlo al piu’ presto !
    Mi sembra di avere capito che i lavoratori volevano lavorare onestamente come hanno sempre fatto non ricevere l’ elemosina dal padrone.
    Ma i lavoratori sono stati consultati su questo accordo ?
    Secondo me’ il conflitto doveva proseguire, con l’ appoggio o no dei sindacati !
    Quando ci sono da fare trattative a favore del padrone e a scapito dei lavoratori, Fim Fiom e Uilm come avrete notato sono unite piu’ che mai, vedi x esempio l’ accordo del 28 GIUGNO, la Fiom ne ha fatto giustamente un cavallo di battaglia, ma poi la CGIL ha firmato assieme a CISL e UIL e adesso non ne parla piu’ ?
    Adesso dice di cancellare l’ articolo 8 con un referendum come se eliminando l’ articolo 8 si risolvesse il problema, ricordo che la possibilita’ di deroghe al CCNL, le clausole di responsabilita’ durante le trattative sono gia state introdotte nell’ accordo del 28 GIUGNO.
    Artcolo 8 e Accordo 28 GIUGNO, due provvedimenti contro i lavoratori, devono essere un’ unica LOTTA !!!

  5. Scritto da nino cortesi

    Indecente elemosina.

    1. Scritto da Livio B

      Si e’ vero indecente elemosina, ma non c’ e’ da indegnarsi perche’ il padrone ha proposto questo, c’ e’ da indegnarsi che abbiano accetato Fiom Fim e uilm !